Passa al contenuto

Dio pesa le tribolazioni che manda

Ad un certo punto non riuscivo a controllare la mia ansia, ma oggi sono una giovane donna con uno sguardo positivo sulla vita.

Quando ero piccola, ero spesso in ansia quando avvenivano cose inaspettate, cose che non seguivano il modello regolare. Potevo andare in panico già avendo solo il pensiero di dovermi trasferire e non vivere più con i miei genitori.

Quando iniziai le scuole medie sentivo che c’erano tanti grandi cambiamenti. Fino ad allora, ero cosciente del fatto che potevo facilmente essere nervosa, ma non avevo mai sperimentato vera ansia.

La lotta contro l’ansia

Tornata a casa dal mio primo giorno di scuola, tutto andò bene. Ma quella notte dormii in modo irrequieto; mi svegliai con un nodo allo stomaco e mi sentivo stressata. Sapevo che il giorno successivo sarebbe stato tosto. Non riuscii a fare colazione e sentii una sensazione paralizzante che mi bloccava. Era come se un’onda mi stesse venendo addosso e sapevo che sarebbe stato difficile tenere la testa sopra l’acqua. Per i 10 giorni successivi, non avevo assolutamente appetito. Era difficile prendere sonno la sera e al mattino mi svegliavo con uno stomaco in subbuglio.

I miei genitori pregarono per me, mi diedero conforto e mi supportarono incoraggiandomi a confidare che Dio mi avrebbe aiutata. Avevo 11 anni e con la mia semplice fede infantile pregai a Dio per ricevere aiuto. I miei genitori mi portarono anche da uno psicologo che mi ha prescritto delle medicine che mi hanno aiutata così che mi calmassi un pochino. Andò un po’ meglio, ma il problema non era completamente risolto.

Passarono degli anni. Avevo definitivamente la tendenza ad essere sopraffatta da una forma di stress interiore, ma non avevo più dei seri attacchi d’ansia. Tuttavia, quando iniziai la scuola superiore, sembrò che l’incubo riprese dal punto in cui l’avevo lasciato anni prima. Ero cresciuta e pensavo di aver imparato a gestire situazioni nuove. Ma improvvisamente questa sensazione paralizzante era di nuovo lì ed ero incapace di controllare i miei sentimenti. Perché Dio mi aveva creata così? Non capivo perché reagivo nel modo in cui facevo. Perché i miei fratelli e sorelle non erano così? Mi sembrava ingiusto. Perché io?

Perché Dio mi aveva creata così?

Adesso lo capisco meglio: Dio aveva qualcosa che voleva dirmi. Voleva parlarmi attraverso ciò che sperimentavo. Dio parla ad alcune persone in un modo e ad altre in un altro modo. Ciò che Dio voleva era insegnarmi ad affidarmi a lui e porre ogni cosa nelle sue mani!

Durante quei giorni quando era difficile per me iniziare di nuovo la scuola, i miei genitori e alcune delle persone a me più vicine continuarono a pregare per me. Mi ricordo una mattina in particolare quando ero completamente paralizzata dall’ansia. Mio papà mi portò dai nonni e chiese loro di pregare per me. Mia nonna era una donna di preghiera e quando entrai in classe quella mattina, dopo che lei aveva pregato per me, sentivo chiaramente che il pesante giogo che mi opprimeva era improvvisamente rimosso.

Coloro che hanno veramente sperimentato l’ansia sanno che non puoi semplicemente prendere il controllo di un attacco d’ansia e mi resi conto che era Dio che aveva risposto alla nostra preghiera rimuovendo la mia ansia quella mattina. “Se Dio è per me, chi può essermi contro?” Pensai mentre aprivo la porta della classe.

Continuò ad essere ancora difficile ogni mattina quella settimana. Continuai a pregare a Dio e sapevo chiaramente che voleva qualcosa da me. Forse c’era qualcosa a cui dovevo rinunciare … Pensai che se avessi potuto avere una fede ancora più forte, allora lui mi avrebbe liberata da queste reazioni.

Una risposta alle preghiere, per fede!

Una mattina presto, mi resi conto che dovevo parlare con mio papà e gli raccontai di sentirmi come in un tunnel buio. Lui disse di essere sicuro che Dio aveva un piano con queste tribolazioni e poi scelse un versetto a caso della Bibbia. Il versetto era Osea 6:1-3: “Venite, torniamo al SIGNORE, perché egli ha strappato, ma ci guarirà; ha percosso, ma ci fascerà. In due giorni ci ridarà la vita;il terzo giorno ci rimetterà in piedi,e noi vivremo alla sua presenza. Conosciamo il SIGNORE, sforziamoci di conoscerlo!  La sua venuta è certa, come quella dell’aurora; egli verrà a noi come la pioggia, come la pioggia di primavera che annaffia la terra.”

Forse questa era la risposta alle mie preghiere! E se questo versetto era solo una coincidenza? Tutto il mio modo di pensare umano si ripresentò in piena forza. Ma io decisi di credere! Decisi che avrei confidato in Dio e gli dissi che doveva rimettermi in piedi come diceva questo versetto.

E Dio mantenne la sua promessa. Tre giorni dopo, mi potei alzare senza sentire alcun segno di ansia o di agitazione. Ero assolutamente calma e mi sentivo leggera come una piuma! Sapevo che questa non era una sensazione passeggera. No, Dio aveva curato le mie ferite; mi aveva ridato la vita e mi aveva resa viva!

Questa era un’enorme esperienza di fede per me. Dio si mostra alle persone in modi diversi e a me si rivelò in questo modo. Fu attraverso queste forti tribolazioni e molto chiaramente attraverso il versetto della Bibbia che mi mandò. Dio rispose alle mie preghiere. Forse risponderà a te in un modo completamente diverso, ma risponde sempre quando preghiamo a lui nel modo in cui lui vuole che preghiamo, con un cuore puro e non diviso e quando crediamo che possiamo essere salvati attraverso le tribolazioni che manda. Immagina che tutto ciò che incontriamo sulla nostra strada ci può portare in cielo, sia che siano circostanze leggere sia che siano difficili. Il tutto sta nello sfruttare quelle circostanze che sono date a me!

Posso diventare una nuova creatura!

Da quel giorno, non ho più sperimentato ansia. Sono diventata una giovane donna con una visione positiva sulla vita. Dopo che Dio mi condusse fuori dall’ansia, mi ha spesso guidato attraverso nuove circostanze dove sapevo che tutto ciò che dovevo fare era porre tutto nelle sue mani. La mia anima continuerà a non essere facile quando le cose vanno un po’ di traverso o quando entro in nuove situazioni, ma sto imparando a lasciare che la mia anima giunga a pace e a tenere saldamente alla speranza che ho ricevuto.

“Questa speranza la teniamo come un’àncora dell’anima, sicura e ferma.” Ebrei 6:19. Ho sperimentato che Dio è buono e so che lui ha un piano magnifico con tutto ciò che manda sulla mia strada. Pensa solo che tutte le cose cooperano al bene per coloro che amano Dio! (Romani 8:28)

Dio pesa le tribolazioni che manda. Lui sa di cosa ho bisogno per diventare una nuova creatura. Devo attraversare il fuoco per prendere parte a tutte le virtù di Cristo. Non tutti sono provati alla stesso modo, ma Dio sa esattamente di cosa ho bisogno io per essere purificato e purgato.  Lui vuole che io sia una nuova creatura, e questo è esattamente ciò che desidero, con tutto il mio cuore!

Insegnamenti chiave

Scopri come la Parola di Dio ci sfida e ci rende capaci di vivere una vita al 100% in accordo con la sua volontà, in modo che non dobbiamo più cadere nel peccato, ma possiamo giungere a una vita di vittoria.

Scarica ebook gratis

Cosa significa essere un cristiano

Essere un cristiano è una vita molto più profonda del semplice chiedere a Gesù di entrare nel tuo cuore e credere nel perdono dei peccati. È una vita di sviluppo e crescita nelle cose di Cristo. Questo opuscolo presenta in modo molto chiaro e semplice le basi di una vita cristiana.

Seguici