Passa al contenuto

Frutti dello Spirito: Bontà e mansuetudine

Queste virtù sono frutti nobili dello Spirito. La Bibbia è piena di persone che le possedevano e le hanno praticate, esempi da seguire per noi!

Tutti i frutti dello Spirito hanno un buon sapore e irradiano una gloria eterna. Alcuni di questi sono elencati in Galati 5:22-23: “amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo.” Lui che ci ha chiamati dalle tenebre alla sua luce meravigliosa ci ha chiamati a proclamare la sua gloria. Noi siamo chiamati a essere un sacerdozio regale in questo lavoro. (1 Pietro 2:9)

La bontà è uno dei frutti nobili dello Spirito. Deve avvenire una frantumazione di tutto ciò che è duro nella nostra propria vita se dobbiamo proclamare la gloria della bontà. La bontà è fermamente unita con la saggezza che viene dall’alto, che è pura, pacifica, mite, conciliante, piena di misericordia e di buoni frutti. (Giacomo 3:17)

“Il servo del Signore non deve litigare, ma deve essere mite con tutti, capace di insegnare, paziente …” 2 Timoteo 2:24. Una delle cose più semplici da fare è discutere con qualcuno. Spesso si alza la voce con giudizio e critica. Un’asserzione segue l’altra e presto subentra lo spirito di menzogna. “Lo stolto dà sfogo a tutta la sua ira, ma il saggio trattiene la propria.” Proverbi 29:11. Una lingua gentile e saggia può spegnere molte esplosioni d’ira e può prevenire molte separazione nei matrimoni.

Davide disse di Saul e Gionatan che erano guerrieri potenti, ma erano amati e cari (gentili) in vita. Davide stesso era uguale, solo in una misura molto più profonda. In 2 Samuele 22:35-36 dice, “Egli addestra le mie mani alla battaglia … la tua bontà mi ha reso grande.” Ciò che rende grande una persona è quando vince il male con il bene. Gesù era sia un leone, sia un agnello.

Giuseppe è un grande esempio di bontà, gentilezza e riconciliazione. Era in suo potere vendicarsi dei suoi fratelli, ma la bontà fu vittoriosa. Quando si rivelò ai suoi fratelli, iniziò a piangere così forte che lo sentirono gli egiziani, persino nella casa del faraone. Quando mandò i suoi fratelli a casa per prendere loro padre, Giacobbe, disse “Non ci siano, durante il viaggio, delle liti tra di voi.” Questo non doveva accadere in una missione tanto importante di cui li aveva incaricati, sulla via verso loro padre.

Quando pensiamo alla missione importante che noi abbiamo ricevuto sulla via verso il nostro Padre celeste, dovremmo essere profondamente vergognati di ogni pensiero di disunione e conflitto. (Leggi Genesi 45)

Parole gentili provengono da un cuore puro e buono. Gesù ricevette una lingua pronta istruita dal Padre perché sapesse aiutare con la parola chi è stanco. (Isaia 50:4) C’è grande bisogno di lingue simili per aiutare e confortare. Le parole gentili sono preziose.

“Il cuore del saggio gli rende assennata la bocca, e aumenta il sapere sulle sue labbra. Le parole gentili sono un favo di miele; dolcezza all’anima, salute alle ossa.” Proverbi 16:23-24.

La lettera a Filemone è una straordinaria lettera di bontà e gentilezza. Possa Dio dare grazia abbondante per usare la spada dello Spirito e una lingua gentile, nello spirito giusto e al momento giusto.


Questa è una versione adattata di un articolo pubblicato la prima volta in norvegese con il titolo “I frutti dello Spirito” nel periodico della BCC “
Skjulte Skatter” (“Tesori Nascosti“) nel novembre, 1992.
© Copyright Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag

Insegnamenti chiave

Scopri come la Parola di Dio ci sfida e ci rende capaci di vivere una vita al 100% in accordo con la sua volontà, in modo che non dobbiamo più cadere nel peccato, ma possiamo giungere a una vita di vittoria.

Scarica ebook gratis

Una tale grande salvezza

L’apostolo che scrisse il libro di Ebrei la chiamò “una parola d’esortazione” Lo scopo di questo opuscolo è di ampliare ed estendere quella esortazione, portando fede e salvezza a tutti coloro che hanno una vocazione celeste. Tutti coloro che seguono l’esortazione della lettera agli Ebrei possono raggiungere questa grande salvezza.

Seguici