Passa al contenuto

Uno come il Padre e il Figlio sono uno

L'unità tra i cristiani è il segno per il mondo che Gesù Cristo è stato effettivamente mandato dal Padre. Ma come diventiamo noi uno come il Padre e il Figlio sono uno?
One as the Father and the Son are one (John 17:21)

“Non prego soltanto per questi, ma anche per quelli che credono in me per mezzo della loro parola: che siano tutti uno; e come tu, o Padre, sei in me e io sono in te, anch’essi siano in noi: affinché il mondo creda che tu mi hai mandato. Io ho dato loro la gloria che tu hai data a me, affinché siano uno come noi siamo uno; io in loro e tu in me; affinché siano perfetti nell’unità, e affinché il mondo conosca che tu mi hai mandato, e che li ami come hai amato me.” Giovanni 17:21-23.

Dio e Gesù come sono uno?

Noi abbiamo una vocazione alta e santa per essere uno come il Padre e il Figlio sono uno. Se vogliamo raggiungere questo obbiettivo, dobbiamo seguire il Figlio sulla via stretta che conduce alla vita.

“Perché sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato.” Giovanni 6:38.

“Benché fosse Figlio, imparò l’ubbidienza dalle cose che soffrì;  e, reso perfetto, divenne per tutti quelli che gli ubbidiscono, autore di salvezza eterna.” Ebrei 5:8-9.

Qui possiamo vedere il modo in cui il Padre e il Figlio sono diventati uno. Gesù nacque nell’umanità, divenne il Figlio dell’Uomo. (1 Timoteo 2:5) Lui imparò l’ubbidienza come il Figlio dell’Uomo. Non era facile per lui andare su questa via, ma imparò attraverso sofferenze e in Isaia 53 leggiamo di alcune delle sofferenze attraverso le quali imparò l’ubbidienza.

“Ma il SIGNORE ha voluto stroncarlo con i patimenti. Dopo aver dato la sua vita in sacrificio per il peccato, egli vedrà una discendenza, prolungherà i suoi giorni, e l’opera del SIGNORE prospererà nelle sue mani.” Isaia 53:10.

Gesù pregò, “Però non la mia volontà, ma la tua sia fatta!” Luca 22:42. Questa “mia volontà” era la volontà della razza umana, la volontà di Gesù come il Figlio dell’Uomo. Questa volontà doveva essere schiacciata se la volontà del Signore doveva prosperare nelle sue mani, e quindi Gesù doveva essere un sacrificio. Lui percorse questa via volontariamente. Questa era una nuova e vivente via, che lui consacrò per noi affinché potessimo seguirlo. Questa era la via sulla quale la volontà dell’uomo fu schiacciata e sulla quale la pienezza della Deità abitò in lui corporalmente. (Colossesi 1:19; Colossesi 2:9) Noi abbiamo ricevuto delle promesse grandissime e preziose attraverso la conoscenza di lui, affinché anche noi potessimo essere partecipi della natura divina. (2 Pietro. 1:3-4)

Come diventiamo noi uno come il Padre e il Figlio sono uno?

Adesso abbiamo le stesse possibilità che aveva Gesù se anche noi vogliamo essere un sacrificio. Gesù divenne per tutti quelli che gli ubbidiscono, autore di salvezza eterna. (Ebrei 5:9) Su questa via diventiamo uno come il Padre e il Figlio sono uno.

Questo è così importante che Paolo dice che per questo motivo ricevette la grazia e l’apostolato per operare l’obbedienza della fede tra tutti gli stranieri (Romani 1:5) Tuttavia, è impossibile imparare l’obbedienza senza voler essere schiacciato. Ci sono molte persone che cercano di unire i diversi gruppi religiosi, ma inutilmente. Le guide sono grandi nella propria autostima, insistendo sulle loro opinioni e i membri che prendono posizione fanno la stessa cosa. Questo è il motivo per la continua lotta e i risentimenti dentro e tra le varie denominazioni. Non vogliono essere schiacciati. Molti di loro parlano dell’amore e leggono in 1 Corinzi 13, ma non possono giungere a questo amore senza voler essere schiacciati.

Possiamo leggere cosa l’amore non fa: L’amore non invidia, l’amore non si vanta, non cerca il proprio interesse, non s’inasprisce, non addebita il male ecc. Chi non vuole essere schiacciato s’inasprisce, cerca il proprio interesse e si vanta. Queste persone non possono mai essere uno. Sembra che abbiano sempre una ragione per offendersi, cosa che fanno anche, invece di prendere la propria croce, rinnegare se stessi e giudicare il proprio egoismo e la propria durezza.

Leggiamo anche cosa fa l’amore: L’amore è paziente, gioisce con la verità; soffre ogni cosa, crede ogni cosa, spera ogni cosa, sopporta ogni cosa. (Colossesi 3:12-14) La maggior parte delle persone ne ha presto “avuto abbastanza” e ha ben presto raggiunto i suoi “limiti” quando si tratta di sopportare il prossimo che è difficile e fastidioso. Invece di essere schiacciati, si induriscono e difendono il loro “me e mio”. Invece di perdonare come Gesù ci ha perdonati, finiscono con l’essere cattivi, sparlando del loro fratello.

Puoi nutrire antipatia verso un’altra persona che non ti piace, ma sei ancora gentile, sorridi e mantieni la tua distanza. Non vuoi coltivare una comunione spirituale con lui. Il tuo grande “io” non può sopportare l'”io” dell’altra persona. Non vuoi essere schiacciato in modo da entrare in possesso dell’amore che sopporta ogni cosa e spera ogni cosa. Certamente non vuoi litigare con lui, per cui mantieni gentilmente la distanza. Questo non è essere uno come il Padre e il Figlio sono uno.

Il compimento della preghiera di Gesù per l’unita dei cristiani

Beati coloro che hanno ricevuto la conoscenza di come sussiste l’unità tra il Figlio e il Padre, coloro che vogliono seguire il Figlio sulla nuova e vivente via. La preghiera di Gesù si sta compiendo nelle loro vite, e loro sperimentano una gloria ininterrotta tra di loro. Loro camminano nella luce come Lui è nella luce e il sangue di Gesù li purifica da ogni peccato. Loro hanno comunione l’un con l’altro. (1 Giovanni 1:7)

Sia ringraziato Dio per questa gloriosa salvezza alla quale possiamo prendere parte quando vogliamo essere un sacrificio e prendere sempre più parte. Satana non può trovare spazio in questa comunione nella luce.

“Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono;  e io do loro la vita eterna e non periranno mai e nessuno le rapirà dalla mia mano.  Il Padre mio che me le ha date è più grande di tutti; e nessuno può rapirle dalla mano del Padre.  Io e il Padre siamo uno.” Giovanni 10:27-30.

 

Questo articolo è stato tradotto dal norvegese ed è stato pubblicato la prima volta nel periodico della BCC “Skjulte Skatter” (“Tesori Nascosti“) nel marzo 1964.
© Copyright Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag

Insegnamenti chiave

Scopri come la Parola di Dio ci sfida e ci rende capaci di vivere una vita al 100% in accordo con la sua volontà, in modo che non dobbiamo più cadere nel peccato, ma possiamo giungere a una vita di vittoria.

Scarica ebook gratis

Sono stato crocifisso con Cristo

Questo opuscolo è basato sulle parole di Paolo in Galati 2:20: “Sono stato crocifisso con Cristo: non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me…” Qui Elias Aslaksen spiega cosa significa e come il lettore possa avere la stessa testimonianza di Paolo nella propria vita.

Seguici