21 inestimabili esortazioni dalle lettere di Paolo

Quando applichiamo queste esortazioni alle nostre vite, otteniamo risultati che cambiano la vita.

21 inestimabili esortazioni dalle lettere di Paolo

Le lettere di Paolo

Le lettere di Paolo sono state scritte alle chiese con cui lavorava quando il vangelo stava appena iniziando a diffondersi nel mondo. Ogni esortazione che vi ha scritto gli è stata rivelata da Dio, ed è per questo che ogni parola è ancora attuale e applicabile alla nostra vita di oggi. Quando pratichiamo queste parole, accadono cose nella nostra vita. Facciamo progressi nella santificazione, i frutti dello Spirito crescono, veniamo trasformati e riceviamo la vita eterna dentro di noi!

Qui abbiamo raccolto solo alcune delle sue esortazioni più importanti:

Rapporti con gli altri

Le lettere di Paolo sono piene di consigli sulle interazioni con le persone. Hai preso integralmente a cuore queste esortazioni e le hai applicate alle tue relazioni? Hai notato come questo le influenzi? Puoi testimoniare che le tue relazioni stiano migliorando sempre di più grazie ad esse?”

“L’amore sia senza ipocrisia. Aborrite il male  e attenetevi fermamente al bene.”  Romani 12:9-21.

“Smettiamo dunque di giudicarci gli uni gli altri; decidetevi piuttosto a non porre inciampo sulla via del fratello, né a essere per lui un’occasione di caduta.” Romani 14:13.

“Via da voi ogni amarezza, ogni cruccio e ira e clamore e parola offensiva con ogni sorta di cattiveria!  Siate invece benevoli e misericordiosi gli uni verso gli altri, perdonandovi a vicenda come anche Dio vi ha perdonati in Cristo.” Efesini 4:31-32.

“Non fate nulla per spirito di parte o per vanagloria, ma ciascuno, con umiltà, stimi gli altri superiori a se stesso,  cercando ciascuno non il proprio interesse, ma anche quello degli altri.” Filippesi 2:3-4

“Rivestitevi, dunque, come eletti di Dio, santi e amati, di sentimenti di misericordia, di benevolenza, di umiltà, di mansuetudine, di pazienza. Sopportatevi gli uni gli altri e perdonatevi a vicenda, se uno ha di che dolersi di un altro. Come il Signore vi ha perdonati, così fate anche voi.  Al di sopra di tutte queste cose rivestitevi dell’amore che è il vincolo della perfezione.” Colossesi 3:12-14.

Per saperne di più su come avere buone relazioni leggi qui: Il segreto delle relezioni senza conflitti

Morto al peccato e vivente in Cristo

Ti sei considerato morto al peccato e vivente in Cristo? Hai riflettuto su cosa significhi? Sacrificare la propria volontà, le proprie concupiscenze e i propri desideri, in modo da ottenere le virtù di Cristo è il fulcro della vita di un discepolo.

“Così anche voi fate conto di essere morti al peccato, ma viventi a Dio, in Cristo Gesù. Non regni dunque il peccato nel vostro corpo mortale per ubbidire alle sue concupiscenze. e non prestate le vostre membra al peccato, come strumenti d’iniquità; ma presentate voi stessi a Dio, come di morti fatti viventi, e le vostre membra come strumenti di giustizia a Dio.” Romani 6:11-13.

“Vi esorto dunque, fratelli, per la misericordia di Dio, a presentare i vostri corpi in sacrificio vivente, santo, gradito a Dio; questo è il vostro culto spirituale.  Non conformatevi a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinché conosciate per esperienza quale sia la volontà di Dio, la buona, gradita e perfetta volontà.” Romani 12:1-2.

“Portiamo sempre nel nostro corpo la morte di Gesù, perché anche la vita di Gesù si manifesti nel nostro corpo; infatti, noi che viviamo siamo sempre esposti alla morte per amor di Gesù, affinché anche la vita di Gesù si manifesti nella nostra carne mortale.” 2 Corinzi 4:8-11.

“Quelli che sono di Cristo hanno crocifisso la carne con le sue passioni e i suoi desideri. Se viviamo dello Spirito, camminiamo anche guidati dallo Spirito.” Galati 5:24-25.

“Se dunque siete stati risuscitati con Cristo, cercate le cose di lassù dove Cristo è seduto alla destra di Dio.  Aspirate alle cose di lassù, non a quelle che sono sulla terra;  poiché voi moriste e la vostra vita è nascosta con Cristo in Dio.” Colossesi 3:1-3.

Per saperne di più su cosa significhi considerarsi morti al peccato, leggi qui:Come possiamo considerarci morti al peccato?

Esortazioni specifiche

Hai mai lavorato con queste cose nella tua vita? Hai visto cambiare la tua vita grazie a questo? Scegli un paio di queste esortazioni dalle lettere di Paolo sulle quali concentrarti nei giorni e nelle settimane a venire e vedere a quali risultati di trasformazione portano.

“Ora dico questo: chi semina scarsamente mieterà altresì scarsamente; e chi semina abbondantemente mieterà altresì abbondantemente.  Dia ciascuno come ha deliberato in cuor suo; non di mala voglia, né per forza, perché Dio ama un donatore gioioso.” 2 Corinzi 9:6-7.

“Ringraziando continuamente per ogni cosa Dio Padre, nel nome del Signore nostro Gesù Cristo. Efesini 5:20.

“Fate ogni cosa senza mormorii e senza dispute, perché siate irreprensibili e integri, figli di Dio senza biasimo in mezzo a una generazione storta e perversa, nella quale risplendete come astri nel mondo.” Filippesi 2:14-15.

“Perseverate nella preghiera, vegliando in essa con rendimento di grazie. Colossesi 4:2.

“E a cercare di vivere in pace, di fare i fatti vostri e di lavorare con le vostre mani, come vi abbiamo ordinato di fare. 1 Tessalonicesi 4:11.

“Non angustiatevi di nulla, ma in ogni cosa fate conoscere le vostre richieste a Dio in preghiere e suppliche, accompagnate da ringraziamenti. E la pace di Dio, che supera ogni intelligenza, custodirà i vostri cuori e i vostri pensieri in Cristo Gesù. Filippesi 4:6-7.

“Quindi, fratelli, tutte le cose vere, tutte le cose onorevoli, tutte le cose giuste, tutte le cose pure, tutte le cose amabili, tutte le cose di buona fama, quelle in cui è qualche virtù e qualche lode, siano oggetto dei vostri pensieri.” Filippesi 4:8.

“Presentando te stesso in ogni cosa come esempio di opere buone; mostrando nell’insegnamento integrità, dignità.” Tito 2:7.

Esortazioni a Timoteo

Timoteo era un giovane, ma Paolo lo definì il suo collaboratore più fidato! Indipendentemente dall’età, seguire questi consigli ti porterà ad essere anche un collaboratore per il vangelo. Puoi essere di esempio per tutti quelli che incontri nella vita!

“Nessuno disprezzi la tua giovane età; ma sii di esempio ai credenti, nel parlare, nel comportamento, nell’amore, nella fede, nella purezza. Àpplicati, finché io venga, alla lettura, all’esortazione, all’insegnamento.” 1 Timoteo 4:12-13.

“Bada a te stesso e all’insegnamento; persevera in queste cose perché, facendo così, salverai te stesso e quelli che ti ascoltano.” 1 Timoteo 4:16.

“Ma tu, uomo di Dio, fuggi queste cose, e ricerca la giustizia, la pietà, la fede, l’amore, la costanza e la mansuetudine.  Combatti il buon combattimento della fede, afferra la vita eterna alla quale sei stato chiamato e in vista della quale hai fatto quella bella confessione di fede in presenza di molti testimoni.” 1 Timoteo 6:11-12.

Quando ci atteniamo a tutte queste esortazioni vivificanti di Paolo, vediamo che vivere da cristiani non è certo una vita passiva! Significa adottare con zelo misure drastiche per viverle, ma ci accorgiamo che quando lo facciamo, otteniamo risultati spettacolari!


Se ti è piaciuto questo articolo sulle esortazioni nelle lettere di Paolo, potresti essere interessato a leggere alcuni dei nostri Studi biblici e commenti
, o i seguenti articoli selezionati::

/16-versetti-gloriosi-della-bibbia-che-dimostrano-che-si-puo-essere-trasformati

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

Sono stato crocifisso con Cristo

Questo opuscolo è basato sulle parole di Paolo in Galati 2:20: “Sono stato crocifisso con Cristo: non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me…” Qui Elias Aslaksen spiega cosa significa e come il lettore possa avere la stessa testimonianza di Paolo nella propria vita.