Come leggere la parola di Dio esattamente com’ è scritta

Il pericolo di ridurre al minimo la grandezza di ciò che è scritto.

Scritto da Elias Aslaksen
Come leggere la parola di Dio esattamente com’ è scritta

Trascrizione abbreviata di un discorso tenuto da Elias Aslaksen a Stavanger, Norvegia, 18 gennaio 1976

Un messaggio su come credere alla parola di Dio senza minimizzarla:

Poco tempo fa ho ricevuto una luce piuttosto notevole. Da persone naturali siamo tutti, per così dire, “professori” nell’incredulità. Nelle scritture si leggono espressioni come queste: gente di poca fede, lenti di cuore a credere a tutto ciò che è scritto, e così via. Allora ho ricevuto questa notevole luce, che è proprio come se nel nostro cuore ci sia un piccolo trasformatore di riduzione, un dispositivo di minimizzazione che funziona automaticamente – senza che noi lo sappiamo e senza che ne abbiamo il minimo sospetto.

Credere nella parola di Dio e leggerla correttamente

Le scritture sono piene di parole e promesse forti e gloriose, e ognuna di esse è vera, così come è scritta. Non dobbiamo minimizzarle, non dobbiamo indebolirle, anche se questa è la normale tendenza. È davvero sorprendente; non capisci nemmeno che stia accadendo. In un certo senso, è come se le persone non fossero in grado di leggere correttamente. Si potrebbe pensare che ne siano capaci, e lo sono, quando si tratta di ogni altra cosa. Sono così abili nella lettura che potrebbero essere “professori” in quasi tutto – tranne che nel credere. Ma senza la fede non accade nulla. La fede è l’unica cosa che conta, è l’unica cosa che funziona. Non si può essere partecipi di nulla senza la fede, e la fede è una garanzia totale. La fede non ha nulla a che fare con il cercare di fare qualcosa. Quando diciamo che ci proveremo, è la stessa cosa di incredulità, perché è come se dicessimo forse ci riuscirò e forse no – e questa è incredulità al 100%.

Ora possiamo guardare alcuni versetti. In Efesini 4:1-2: “Io dunque, il prigioniero del Signore, vi esorto a comportarvi in modo degno della vocazione che vi è stata rivolta,” ed ecco che arriva “con ogni umiltà e mansuetudine…” Ciò significa con ogni umiltà e mansuetudine. Chi ci ha creduto? Chi l’ha letto in modo tale da farlo scendere davvero dentro? Quando si è un po’ umili, si riceve un po’ di grazia; e quando si è un po’ più umili, si riceve un po’ più di grazia; e quando si è molto umili, si riceve molta grazia; e quando si è insolitamente umili, si riceve un’insolita quantità di grazia; e quando si è rivestiti di umiltà – cosa allora? Cosa allora? Sicuramente riesci a vedere la risposta ora? Tutta la grazia. E grazia non significa solo il favore immeritato di Dio. Il favore immeritato di Dio si vede nel perdono dei nostri peccati, nell’espiazione. Ma grazia significa anche aiuto; significa salvezza; significa luce; significa potenza; copre tutto ciò di cui abbiamo bisogno. È evidente che la gente non ci crede. Ed è evidente che la gente non si ferma e non presta attenzione a ciò che è scritto.

Dispositivi di riduzione nei nostri cuori

Non ci sono esagerazioni nelle scritture, nessuna. Ma ci sono dispositivi di minimizzazione e riduzione nel nostro cuore, di cui non abbiamo la minima idea. Non ci accorgiamo che ci sono, e lavorano in tutta tranquillità, in modo da non rendercene conto. È come se quello che leggiamo o sentiamo passasse attraverso un dispositivo, e nel processo viene cambiato in qualcos’altro, in qualcosa di più debole, in qualcosa di più leggero. Ogni umiltà e mansuetudine significa che si è radicati e fondati nell’umiltà e nella mansuetudine, così che non si può fare altro che essere umili e mansueti. Se è così, chi ci conosce e vive con noi deve notarlo. A quel punto è abbastanza forte e abbastanza insolito da essere notato. Questo è ciò a cui siamo chiamati, questa è la volontà di Dio. Lui ci ama tanto, ci vuole dare tanto, vuole realizzare tanto in noi, vuole trasformarci. Allora saremo l’umiltà stessa; saremo la mansuetudine su due piedi. E questo avviene per fede. Noi crediamo che siamo chiamati a questa vita, che è la volontà di Dio, che è possibile, e questo è il nostro compito, credere esattamente ciò che sta scritto.

L’importante, possiamo dire, è far sì che questo dispositivo di riduzione e di minimizzazione automatica venga gettato in mare. Prendilo e gettalo via dal tuo cuore. Allora puoi leggere le cose così come sono scritte, e crederle così come sono scritte. Allora avviene esattamente ciò che è scritto, e le cose diventano esattamente come sono descritte nella parola.

Per molti, molti anni ho osservato e parlato di come le persone siano apparentemente possedute dal concetto di “un po’.” È proprio come se fossero possedute. Indipendentemente dall’argomento, la gente lo interpreta come “un poco.” La maggioranza dice di sperare e di credere, ma non c’è né speranza né fede. È solo un modo di dire. Sperano che le cose andranno un po’ meglio con loro, molto lentamente, nel corso di molti anni. Questa è la cosa più comune; questo è il modo in cui la maggior parte delle persone sono. Ma il fatto è che non succede così. Non ne viene fuori nulla. Questa non è la parola di Dio; questo non è ciò in cui dobbiamo credere; non è scritto così nella Bibbia, e di conseguenza non ne viene fuori nulla. Quello che succede è che inganni te stesso, vivi nel mondo dei sogni. Preghi e preghi e preghi e preghi per ricevere amore, e preghi per ricevere forza, e preghi per ricevere pazienza, e preghi per ogni sorta di altre cose, ma non ci credi mai, e per questo non lo ricevi mai. Chi non vorrebbe essere pieno d’amore, per esempio? E anche tu preghi per questo, ma semplicemente non credi. Non ti riempirai di più amore. Rimarrai esattamente lo stesso – lo stesso di riunione in riunione, di conferenza in conferenza, di giorno in giorno, di mese in mese, di anno in anno, di decennio in decennio. Tu rimani – in linea di massima – sempre lo stesso. Ci possono essere piccoli cambiamenti, ma niente di significativo. Le cose possono anche peggiorare con alcune persone. Sì, succede con molti, e alcuni addirittura si allontanano. È tragico allontanarsi; ma non è così strano quando la vita che la gente vive non è particolarmente felice. Poi non c’è così tanto da cui allontanarsi. Nessuno che sia molto felice si allontana. È una contraddizione e non ha senso. Nessuno lascia volontariamente uno stato di grande felicità, vero? No, certo che no. Sono in uno stato triste, ecco perché si allontanano. E perché sono in un così pessimo stato? Perché non credono alla parola di Dio. Pregano, ma non credono di ricevere. Ma loro non pregano neanche molto; così anche il poco per cui pregano, non credono di riceverlo, e di conseguenza non ricevono nulla.

Credete che riceverete ciò per cui avete pregato

È scritto, per esempio, sempre pazienti e sempre perseveranti – sempre. In altre parole, pazienza senza fine, senza limiti, indipendentemente da quanto tempo si debba aspettare. Rimani tranquillo e mansueto sempre nella stessa misura. Questo doveva essere evidente a tutti gli uomini. Non è una cosa triste, non è triste essere mansueti e tranquilli. È quasi come avere il paradiso in terra. Non è triste amare la parola di Dio, credere nella parola di Dio, osservare la parola di Dio e vivere la parola di Dio. Questa è la cosa più piacevole che ci sia. Questo è avere il paradiso in terra. Auguro il meglio ad ognuno di voi! Succede solo in un modo – solo leggendo correttamente, e poi credendoci esattamente com’è scritto, e cercandolo con tutte le tue forze. Prega per questo e credi che riceverai quello per cui hai pregato, perché allora lo riceverai, ma non altrimenti. Spero il meglio per ognuno di voi.

Corri la gara combattendo per credere a tutta la parola di Dio. Allora sarà vero in noi, in modo che tutti lo vedranno, lo sentiranno e lo noteranno. Mostra ogni mansuetudine verso tutti gli uomini. Non si perde nulla nel farlo. È solo un guadagno, solo un vantaggio. Allora sei un esempio radioso da seguire per gli altri, e sarà un grande beneficio e profitto per loro se saranno ricettivi. Ma non si può imporre la salvezza alle persone. Una persona deve essere ricettiva, deve avere un desiderio personale per questo. In un posto è scritto che Paolo pregò che i credenti potessero essere riempiti di ogni desiderio per ciò che è buono. In altre parole, in tutti i settori, con ogni desiderio. Chiunque può arrivare a questo, e allora si realizzerà questo vero proverbio: “Dove c’è una volontà c’è una via.” Questa è una verità grandiosa, assolutamente onnicomprensiva. Questo vale per ogni cosa, sia terrena che celeste. Se non si vuole qualcosa, se non si ha un grande desiderio, non ne verrà fuori molto. Se si vuole davvero e si desidera qualcosa, ciò porterà risultati sia nel regno terreno che in quello spirituale. Non si può diventare milionari in questo mondo se si è pigri e se non si può essere disturbati. Questo comprende assolutamente tutto. Non ci sono eccezioni. “Dove c’è una volontà c’è una via.”

Spero che sia spuntata una luce considerevole qui. Abbiamo le scritture: “Con Dio tutte le cose sono possibili”, “Tutte le cose sono possibili a chi crede” e “Ti sia fatto secondo la tua fede.” Ogni cosa è una questione personale tra l’individuo e Dio. Il mio compito è quello di credere in Dio e nella sua parola, allora si realizzerà in me. Nessun altro può impedirlo, nessun altro può interferire. Tutto dipende da una connessione diretta tra ogni individuo e Dio. Auguro il meglio ad ognuno di voi! Unisciti alla corsa nel credere! Amen. (Matteo 19:26; Marco 9:23; Matteo 9:29.)

Questa è una trascrizione abbreviata di un discorso tenuto da Elias Aslaksen a Stavanger, Norvegia, il 18 gennaio 1976, ed è stata tradotta dal norvegese. La trascrizione originale è stata pubblicata nel libro “Gli ultimi messaggi di Elias Aslaksen” (Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag 1979).

© Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag | ActiveChristianity

 

Potresti essere interessato a saperne di più sulla nostra pagina tematica sulla Bibbia, o nei seguenti articoli: