Che cos’è la grazia nel nuovo patto?

In Romani 8 sta scritto che Gesù è venuto al mondo a motivo del peccato. È venuto pieno di grazia e verità.

Che cos’è la grazia nel nuovo patto?

La grazia nel nuovo patto

C’è una grande differenza tra il vecchio e il nuovo patto. Lo si vede molto chiaramente quando Gesù ha a che fare con la donna che era stata colta in adulterio. Le stavano intorno e volevano lapidarla. Nel vecchio patto sarebbe stata la giusta punizione per il suo peccato. Ma poi Gesù si chinò a terra e scrisse per terra. Non sappiamo cosa abbia scritto, ma potrebbe aver scritto: “Non concupire”. Perché anche questo era uno dei comandamenti, e chi dei suoi accusatori avrebbe potuto sostenere di averlo osservato? Dopo aver scritto a terra si ritirarono, i più anziani per primi. E poi Gesù disse alla donna: «Neppure io ti condanno; va’ e non peccare più». Giovanni 8:11.

Questa è la verità e la grazia del nuovo patto. Non siamo condannati per i nostri peccati, ma ora va’ e non peccare più!

Per questo Dio ci ha donato lo Spirito Santo, quello Spirito in cui Gesù è vissuto e in cui ha vinto, quello Spirito che è più forte dello spirito che è nel mondo. E attraverso quello Spirito anche noi possiamo vincere, proprio come ha vinto lui. E poi sta scritto che ci siederemo sui troni insieme a lui! (Apocalisse 3:21)

Una nuova via di ritorno a Dio

Quindi, vediamo il motivo per cui Gesù è venuto sulla terra. Nel vecchio patto, non riuscivano a vincere il peccato, perché la concupiscenza, l’avidità, era interiore. La legge poteva affrontare il peccato solo quando usciva dal corpo. Non poteva fare nulla contro la concupiscenza stessa. E così la concupiscenza era entrata nel cuore, e aveva reso il cuore impuro. Avevano bisogno di sacrificare e sacrificare per ottenere il perdono. La legge era troppo debole, ed è per questo che non era utile quando si trattava di vincere il peccato. (Romani 8:3)

Ma Gesù disse:  «Io sono la via, la verità e la vita!” Giovanni 14:6. Ci ha aperto una nuova e vivente via da camminare; una via di ritorno a Dio. La grazia nel nuovo patto è che ora possiamo andare a lui, e possiamo ottenere la vittoria sul peccato, in modo da non dover cadere e cadere, e cadere di nuovo, e chiedere ogni volta la grazia, cioè il perdono dei peccati.

Quando Gesù ci ha dato il sermone sul monte, e i comandamenti in esso contenuti, non è stato solo per farci capire che siamo peccatori. In Romani 7 sta scritto che il riconoscimento del peccato è avvenuto attraverso la legge. Quindi, dobbiamo imparare che siamo peccatori. Poi possiamo andare da Gesù e ottenere il perdono dei peccati. Ma Gesù non è morto solo per le nostre trasgressioni. È anche resuscitato per la nostra giustificazione. Siamo stati riconciliati mediante la morte di Gesù, e adesso quanto più saremo salvati mediante la sua vita?

“Se infatti, mentre eravamo nemici, siamo stati riconciliati con Dio mediante la morte del Figlio suo, tanto più ora, che siamo riconciliati, saremo salvati mediante la sua vita.” Romani 5:10.

Salvati mediante la sua vita

Essere salvati mediante la vita di Gesù significa che anche noi possiamo imparare a vivere quella vita che lui ha vissuto. E qui abbiamo bisogno di grazia. Che cos’è la grazia senza la verità? E per cosa vuoi usare la grazia se non vuoi conoscere la verità? Quella verità con cui vediamo il peccato nella nostra carne e lo riconosciamo nella fede in modo da poterlo vincere mediante la grazia. Abbiamo bisogno della grazia se vogliamo osservare i comandamenti nonostante le concupiscenze che abbiamo in noi, affinché anche la vita di Gesù si manifesti in noi.

“Portiamo sempre nel nostro corpo la morte di Gesù, perché anche la vita di Gesù si manifesti nel nostro corpo.” 2 Corinzi 4:10.

Questo è il mistero della pietà. Coloro che vincono per grazia lo vedono. Poi si rallegrano e avranno una vita benedetta, con vittoria in tutte le loro situazioni.

Com’è bello quando tutte le lotte e le divisioni e tutto ciò che è cattivo è sotto i nostri piedi, cosicché la forza motrice della nostra vita è l’amore. In questo modo possiamo arrivare anche ad una maggiore conoscenza, e maggiore saggezza, in modo da poter rendere le cose sempre migliori per gli altri. Questa è la nostra gioia e la nostra gloria, come risultato del fatto che Gesù ha dato la sua vita per noi. Questa è la grazia nel nuovo patto.

Questo articolo è basato su un messaggio di Kaare J. Smith del 5 novembre 2018.

Potresti essere interessato a leggere di più sulla grazia nel nuovo patto sulla nostra pagina tematica sulla grazia.

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

La grazia in Gesù Cristo

“Quando si pensa alla grazia si pensa perlopiù al perdono. E poiché tutti abbiamo peccato, tutti abbiamo bisogno della grazia.” Sigurd Bratlie apre con queste parole questo opuscolo. Tuttavia, continua col descrivere a fondo che la grazia che è in Cristo Gesù significa molto di più del perdono. Significa anche verità e aiuto. Ci insegna a non peccare, in modo che possiamo essere completamente liberi per vivere una vita di vittoria che conduce a perfezione.