Come la verità mi rende libera – costantemente

Trovare queste verità e riconoscerle mi ha portato a tanto riposo!

Come la verità mi rende libera – costantemente

Gesù dice in Giovanni 8:32: “Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi”, e questo è ciò che ho sperimentato in tutta la mia vita.

Riconoscere la verità = trasformazione

Da giovane adolescente, ho dato la mia vita a Gesù e ho voluto vivere interamente per lui. Poi Dio ha iniziato a parlarmi del mio comportamento a casa. Mi ha reso consapevole della mia riluttanza ad aiutare, e anche del brutto modo in cui parlavo con i miei fratelli quando ero irritata con loro.

La parola di Dio ci insegna: “… imparino essi per primi a fare il loro dovere verso la propria famiglia e a rendere il contraccambio ai loro genitori, perché questo è gradito davanti a Dio.” 1 Timoteo 5:4. Questo versetto ha avuto un impatto su di me e mi sono sentita un’ipocrita – ero disponibile e gentile con le altre persone, mentre a casa con la mia famiglia era esattamente il contrario.

È stato allora che ho capito che avevo davvero bisogno di cambiare. Spesso, usavo parole dure, sarcastiche o beffarde e finivo per ferire gli altri. Ho dovuto chiedere ripetutamente perdono ai miei fratelli e genitori per il mio comportamento, ed è stato molto umiliante. Questa è stata una grande battaglia per me – umiliarmi e riconoscere che sbagliavo. Ma conoscendo il mio egoismo e la mia scortesia, il mio odio contro questi peccati è cresciuto. I miei peccati sono diventati i miei nemici e, riconoscendo la verità su me stessa, mi sono liberata da questi nemici.

Alla fine, ho smesso di arrabbiarmi con i miei fratelli e mi sono resa disponibile ad aiutare i miei genitori senza che me lo chiedessero. Questa è stata un’opera che Dio ha fatto in me perché mi sono umiliata e ho riconosciuto la verità su me stessa. Di conseguenza, mi sono liberata sempre di più dal mio precedente comportamento; ero felice e anche quelli intorno a me avevano una vita migliore!

La perseveranza dà risultati

In 1 Pietro 5:5 sta scritto “Dio resiste ai superbi ma dà grazia agli umili.” Una persona umile ama e riconosce la verità sul proprio peccato e vuole vincerlo. È perseverante come la vedova che non ha dato riposo al giudice ingiusto fino a quando non ha ottenuto quello che voleva – il suo diritto ad avere giustizia sul suo nemico! (Luca 18:2-8) Coloro che amano Dio e vogliono osservare i suoi comandamenti sono come questa vedova. Essi perseverano nella preghiera e si spingono vicini a Dio per ottenere grazia e forza per vincere il loro nemico, il loro peccato: riluttanza, rabbia, maldicenza o qualsiasi altro peccato.

“Dio non renderà dunque giustizia ai suoi eletti che giorno e notte gridano a lui? Tarderà nei loro confronti?  Io vi dico che renderà giustizia con prontezza.” Luca 18:7-8. Questa è stata la mia esperienza.

Riconoscere la verità = umiliare me stessa

Nella vita incontriamo molte circostanze diverse – tutte opportunità per trovare più di ciò che ci fa sentire infelici dentro – il nostro peccato. Ad un certo punto, qualcosa era molto difficile per me. Mi sono sentita come se “Questo non dovrebbe succedere a me. C’è qualcosa che non va qui.” Mi sono quasi accusata di averlo provocato.

Ero turbata da tutta la situazione, ma Dio, che sapeva di cosa avessi bisogno, mi ha dato la risposta direttamente dal cielo: Il mio problema era l’orgoglio! Pensavo che meritassi qualcosa di meglio! Ma Dio aveva ragione. Che sollievo per me stessa umiliarmi ed essere d’accordo con Dio. Lui mi aveva posto in questa circostanza per il mio meglio! “Or sappiamo che tutte le cose cooperano al bene di quelli che amano Dio, i quali sono chiamati secondo il suo disegno.“ Romani 8:28.

Gesù dice di riconoscere la verità, e la verità ti renderà libero. (Giovanni 8:32) Sono stata liberata da un po’ del mio orgoglio, dal pensare che meritassi qualcosa di meglio, dal malcontento e dalla mancanza di gratitudine. Mi sono liberata di un grande fardello e sono diventata così felice, come uno schiavo che è diventato libero. Ho anche avuto modo di vedere come Dio mi abbia benedetta più di quanto mi meritassi.

In Matteo 11:28, Gesù ci invita: “Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò riposo.” L’auto-riconoscimento e l’umiltà portano riposo, e qui incontriamo Gesù, il nostro precursore, che è mansueto e umile di cuore. (Matteo 11:29-30)

Dio apprezza l’umiltà

Gesù chiama “beati” quelli che sono afflitti. (Matteo 5:4) Coloro che si rattristano per la loro mancanza di amore, il loro orgoglio e così via, riceveranno ciò che desiderano.

Dio aveva visto il piccolo Davide mentre pascolava le pecore di suo padre. Anche quando era diventato re, vediamo come pensava di se stesso: “Anzi mi abbasserò anche più di così e mi renderò umile ai miei occhi; ma da quelle serve di cui parli, proprio da loro, sarò onorato!» 2 Samuele 6:22.

Questo atteggiamento di Davide era prezioso per Dio. “Poi lo rimosse, e suscitò loro come re Davide, al quale rese questa testimonianza: ‘Io ho trovato Davide, figlio di Iesse, uomo secondo il mio cuore, che eseguirà ogni mio volere’.” Atti 13:22.

Questo è il mio desiderio per il resto della mia vita: camminare in umiltà davanti a Dio, vedere di più del mio orgoglio, riconoscerlo e ottenere una comunione sempre più profonda con Gesù. Questa vita mi riempie di una pace e di una gioia sempre crescente!


Potresti essere interessato a leggere di più nella pagina tematica sull’umiltà,
o negli articoli seguenti.

/giudica-te-stesso

/dio-da-grazia-agli-umili

/4-cose-che-tutti-dovrebbero-sapere-dellumilta

 

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

Una tale grande salvezza

L’apostolo che scrisse il libro di Ebrei la chiamò “una parola d’esortazione” Lo scopo di questo opuscolo è di ampliare ed estendere quella esortazione, portando fede e salvezza a tutti coloro che hanno una vocazione celeste. Tutti coloro che seguono l’esortazione della lettera agli Ebrei possono raggiungere questa grande salvezza.