Come puoi essere personalmente senza macchie, difetti o rughe

La fedeltà personale porta a ….

Come puoi essere personalmente senza macchie, difetti o rughe

Quando pensi al mondo in questi tempi in cui viviamo, non è difficile vedere che c’è un’enorme quantità di sofferenza. Guerra, povertà, sofferenze di innocenti, ecc. Questo può farci domandare: quando finirà tutto questo? Per quanto tempo Dio può permettere che tutto questo continui?

Ma sapevi che c’è qualcosa che puoi fare per abbreviare questi giorni malvagi?

 “Poiché dunque tutte queste cose devono dissolversi, quali non dovete essere voi, per santità di condotta e per pietà, mentre attendete e affrettate la venuta del giorno di Dio…” 2 Pietro 3:11-12.

È attraverso il timore di Dio che possiamo accelerare la venuta del giorno di Dio. Come discepoli, dobbiamo giungere alla perfezione in Cristo, in modo che non ci siano macchie o difetti in noi. “…per farla comparire davanti a sé, gloriosa, senza macchia, senza ruga o altri simili difetti, ma santa e irreprensibile.” Efesini 5:27.

Con la forza e la guida che Dio ci dà con lo Spirito Santo, ognuno di noi può vivere senza commettere peccato consapevole e intenzionale. Con questa forza e grazia, siamo in grado di vincere il peccato nella nostra carne quando siamo tentati, nella misura in cui siamo obbedienti alla luce e alla comprensione che Dio ci ha dato. Più siamo fedeli e obbedienti, più velocemente il lavoro che lui ha preparato per noi sarà realizzato. (Efesini 2:10) Con questa “santa condotta e pietà” affrettiamo la sua venuta.

Nessuna macchia, ruga o difetti

Paolo dice così: “Non che io abbia già ottenuto tutto questo o sia già arrivato alla perfezione; ma proseguo il cammino…” Sta parlando dell’essere perfetti come Gesù è perfetto, di arrivare a tutta la pienezza di Dio. (Colossesi 2:9; Matteo 5:48) Sciocchezze, potresti pensare, nessuno di noi possa arrivare alla perfezione. Ma Paolo dice “… protendendomi verso quelle che stanno davanti,  corro verso la mèta per ottenere il premio della celeste vocazione di Dio in Cristo Gesù.” Filippesi 3:12-14.

Come possiamo arrivare al punto in cui non abbiamo macchie, difetti o rughe? Cosa significa tutto questo?

Non avere macchie o rughe o difetti non significa che non abbiamo peccato, come possiamo vedere chiaramente in 1 Giovanni 1:8. Tutti noi abbiamo il peccato di cui non siamo ancora consapevoli, su cui Dio non ci ha dato luce, perché lui ci mostra solo quello che possiamo sopportare in quel momento. Quel peccato che non ci ha ancora mostrato non ci fa essere in difetto.

Ma quello che ci fa essere in difetto, è la disobbedienza. Se Dio ci ha parlato più volte di qualcosa che dobbiamo sconfiggere, se ci ha dato luce su qualcosa, e noi non facciamo nulla a riguardo, ma lasciamo che quel peccato rimanga attivo in noi, allora otteniamo “macchie” e diventiamo imperfetti. Questo ci renderà inadatti a far parte di quella gloriosa chiesa che lui stesso presenterà a sé. Dobbiamo fare qualcosa quando lui ci mostra qualcosa in noi stessi; dobbiamo lottare e arrivare alla vittoria su quel peccato.

Leggi di più qui: Cosa significa camminare nella luce?

Perfetti in Cristo

Non siamo responsabili del peccato di cui non siamo a conoscenza. Ma inganniamo noi stessi se pensiamo di poter dire: “Sì, sapevo di quel peccato in me, ma la giustizia di Gesù mi copre, così non ne sarò ritenuto responsabile. Vinco per mezzo della fede nella sua opera compiuta sul Calvario, non mediante quello che devo o posso fare io“.

Con il sacrificio di Gesù possiamo davvero ricevere il meritato perdono per i peccati che abbiamo commesso e che commettiamo. Ma la salvezza ottenuta attraverso il perdono è solo l’inizio della vita di un discepolo. Gesù ha aperto per noi una via di salvezza dal peccato. Questa via, la via su cui Paolo correva, ci conduce alla meta: Diventare perfetti in Cristo, fino al punto che abbiamo ricevuto la luce. Questa via porta fino al trono di Dio. (Ebrei 10:19-22) Lì riceviamo tutta la misericordia e la grazia e l’aiuto di cui abbiamo bisogno per vincere il peccato. (Ebrei 4:15-16) La forza dello Spirito Santo, che Gesù ci ha mandato dopo averci aperto questa via, è ciò che ci permette di essere “….più che conquistatori attraverso Colui che ci ha amati”. Romani 8:27.

È fondamentale che perseguiamo questo obiettivo e che siamo fedeli nella misura in cui abbiamo la luce sul peccato nella nostra carne. Nessuno di noi può fare più di quello che capiamo di fare. Ma possiamo essere fedeli al 100% per fare ciò che comprendiamo. Allora Dio può darci più luce e comprensione col passare del tempo, e se siamo fedeli nell’essere obbedienti, allora quella ricerca della giustizia affretterà la venuta del giorno di Dio.

 “Le è stato dato di vestirsi di lino fino, risplendente e puro; poiché il lino fino sono le opere giuste dei santi.” Apocalisse 19:8.


Questo articolo è ispirato ad un discorso di 
Kaare J. Smith del 21 gennaio 2019.

Potresti essere interessato a leggere di più sulla nostra pagina tematica “Vita cristiana – sviluppo,” o nel seguente articolo:

È possibile essere perfetti?

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

Una tale grande salvezza

L’apostolo che scrisse il libro di Ebrei la chiamò “una parola d’esortazione” Lo scopo di questo opuscolo è di ampliare ed estendere quella esortazione, portando fede e salvezza a tutti coloro che hanno una vocazione celeste. Tutti coloro che seguono l’esortazione della lettera agli Ebrei possono raggiungere questa grande salvezza.