Vuoi essere riempito del regno dei cieli?

The good news is that those who hunger WILL be filled!

Scritto da Sigurd Bratlie
Vuoi essere riempito del regno dei cieli?

“Beati i poveri in spirito, perché di loro è il regno dei cieli. Matteo 5:3.

“Ma egli rispose: ‘Sta scritto: “Non di pane soltanto vivrà l’uomo, ma di ogni parola che proviene dalla bocca di Dio.’ Matteo 4:4.

Il nostro corpo può essere mantenuto dal pane, dalle cose che crescono dalla terra, perché è stato creato dalla terra. Ma il nostro spirito deve avere nutrimento da Dio, perché è venuto da Dio. La gente di solito pensa solo al proprio corpo e si arricchisce di ciò che il corpo desidera. Allora il loro spirito è impoverito. La maggior parte delle persone non capisce questa povertà. Diventano inquiete e sono solo in cerca di distrazione.

Chi sono i poveri di spirito?

Il messaggio di Gesù era: “Il regno dei cieli è vicino.” Matteo 10:7. Il nostro spirito può essere soltanto soddisfatto dal regno dei cieli. Gesù è venuto con ricchezze per il nostro spirito; perciò disse: Beati i poveri in spirito, quelli che piangono, quelli che hanno fame e sete di giustizia, perché saranno soddisfatti. Ha preparato una tavola per il nostro spirito. Coloro che non potevano accontentarsi delle cose visibili potevano arricchirsi nel loro spirito. Potevano essere riempiti del regno dei cieli ed essere perfetti come è perfetto il loro Padre nei cieli. (Matteo 5:48.)

Quando i discepoli di Giovanni chiesero a Gesù se fosse l’uomo che doveva venire, Gesù rispose che il vangelo veniva predicato ai poveri. (Matteo 11:5.) “Nell’ultimo giorno, il giorno più solenne della festa, Gesù stando in piedi esclamò: «Se qualcuno ha sete, venga a me e beva. Giovanni 7:37. A quel tempo avevano già provato tutto quello che la festa poteva offrire loro. Tutto era una gloria visibile e opere morte. Se c’era qualcuno lì che non si accontentava di tutto questo, e che avvertiva questa povertà nel suo spirito, poteva placare la sua sete con lui.

Nella parabola dei buoni semi e delle zizzanie Gesù dice, “Il buon seme sono i figli del regno; le zizzanie sono i figli del maligno. Matteo 13:38. I figli del regno sono coloro che non possono essere soddisfatti dalle cose terrene. Hanno fame di giustizia. Desiderano le cose celesti, vogliono essere riempiti della vita che Gesù ha proclamato nel sermone sul monte. Sono incompresi ed estranei in questo mondo. Hanno la buona confessione che Gesù ha confessato: “Il mio regno non è di questo mondo. Giovanni 18:36. Quando questa concessione è finita, e Gesù sta stabilendo il suo regno, i figli dei malvagi verranno raccolti fuori dal suo regno, e i giusti risplenderanno come sole nel regno del loro Padre. (Matteo 13:41-43.) Allora sarà rivelata la loro vita nascosta con Cristo in Dio. (Colossesi 3:1-4.) Allora risplenderanno le ricchezze del regno dei cieli che hanno raccolto nel loro spirito.

Leggi di più qui: 20 esempi di cosa significa essere poveri in spirito

Il tesoro del regno dei cieli!

Non possiamo lottare per le ricchezze per il corpo e per lo spirito allo stesso tempo. Gesù ci insegna che nessuno può servire due padroni, ma dobbiamo prima cercare il regno di Dio e la sua giustizia, allora tutte le cose di cui il nostro corpo ha bisogno ci saranno date in più. (Matteo 6:24-34.)

Sappiamo dove si trova il nostro cuore sulla base della nostra vita di pensiero. E il nostro cuore è dove si trova il nostro tesoro. (Luca 12:34.) Solo pochi fanno tesoro del regno dei cieli a tal punto che vendono tutto quello che hanno, con gioia, per comprare la perla: rinunciano a tutto per essere discepoli di Gesù. È abbastanza evidente che le persone – anche quelle che si definiscono credenti – hanno una ricca vita di pensiero quando la conversazione riguarda le cose terrene. Poi si risvegliano i loro interessi. Ma se la conversazione si trasforma in cose celesti – nello spirituale – hanno una vita di pensiero povera. Presto si stancheranno.

Gli Efesini avevano ricevuto la fede nel Signore Gesù e l’amore per tutti i santi, ma non capivano quanto fosse ricca la sua eredità nei santi, e non si rendevano conto di quanto fosse grande la sua potenza nei confronti di coloro che credono. Perciò Paolo non ha smesso di pregare per loro perché Dio desse loro lo Spirito di saggezza e di rivelazione nella conoscenza di lui. (Efesini 1:15-19.)

Si può anche notare la stessa mancanza ai giorni nostri. Che Dio ci riempia tutti di questo Spirito di saggezza e rivelazione, in modo che l’interesse per il regno di Dio possa essere molto più grande tra noi.


Questo articolo è stato tradotto dal norvegese ed è stato pubblicato per la prima volta nel periodico della BCC Skjulte Skatter (
Tesori Nascosti) a febbraio del 1960 sotto il titolo “I poveri di spirito.”
© Copyright Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag

Se questo articolo è stato utile per te, potresti essere interessato anche ai seguenti articoli:

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

L’evangelo di Dio

Scritto da Sigurd Bratlie

Grazia significa che tutti i nostri peccati sono perdonati quando li confessiamo. Ma significa anche che riceviamo il potere di obbedire alla verità con cui è venuto Gesù. In questo libro, Sigurd Bratlie scrive sul tema, mostrando il vero vangelo di Dio che è l’ubbidienza della fede.