Enoc: La potenza di camminare con Dio

Quasi tutti i cristiani conoscono il nome di Enoc, perché la sua testimonianza era che era gradito a Dio.

Enoc: La potenza di camminare con Dio

Enoc è menzionato solo molto brevemente nella Bibbia. Sentiamo parlare di lui per la prima volta in Genesi 5:21-24: “… Enoc camminò con Dio trecento anni e generò figli e figlie. Quindi tutto il tempo che Enoc visse fu di trecentosessantacinque anni. E Enoc camminò con Dio; poi scomparve, perché Dio lo aveva portato via.”

E poi in Ebrei 11: 5 viene menzionato di nuovo tra gli eroi della fede, e ciò che viene detto di lui è estremamente significativo: “Per fede Enoc fu rapito perché non vedesse la morte; e non fu più trovato, perché Dio lo aveva portato via; infatti prima che fosse portato via ebbe la testimonianza di essere stato gradito a Dio.”

La testimonianza di Enoc

Così poco viene menzionato questo uomo di fede, solo pochi versetti, ma grazie alla testimonianza che Enoc aveva, quasi ogni cristiano conosce il suo nome. Lui “camminò con Dio” ed “era stato gradito a Dio”. Potrebbe esserci una testimonianza migliore? Potrebbe esserci una missione più alta nella vita? Potrebbe esserci qualcosa di più importante in questa vita?

Sappiamo anche, dal racconto in Genesi 5, che Enoc visse nei giorni poco prima di Noè. Sta scritto riguardo a quel periodo: “Il Signore vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che il loro cuore concepiva soltanto disegni malvagi in ogni tempo. Il Signore si pentì d’aver fatto l’uomo sulla terra, e se ne addolorò in cuor suo.” Genesi 6:5-6.

Riesci a immaginare quanto significasse per Dio, guardare la terra e la sua creazione e vedere quanto era caduta lontano, come tutto era contaminato dal male, ma che poi vide ancora un uomo che camminava con lui; la cui intenzione era di essergli gradito? Questa era la stessa testimonianza che aveva il nipote di Enoc, Noè.

Che esempio straordinario abbiamo in Enoc. Lui visse una vita di fede. Era un modo di vivere per lui; lui camminò con Dio. Lui riconobbe Dio in tutte le sue vie, è così che era gradito a Dio. E grazie alla sua fede Dio prese Enoc per essere con lui.

Noi possiamo camminare con Dio

Anche in questi giorni Dio scruta la terra e vede un mondo pieno di egoisti “amanti del piacere anziché di Dio”, come descritto in 2 Timoteo 3:1-5. Quanto pensi rallegri il suo cuore quando vede quelli che gli sono fedeli; quelli che camminano con lui? Coloro che “diventano irreprensibili e integri, figli di Dio senza biasimo in mezzo a una generazione storta e perversa, nella quale risplendete come astri nel mondo?” Filippesi 2:15. Nel mezzo di questo mondo malvagio possiamo avere la testimonianza che camminiamo con Dio e che siamo graditi a Dio.

Lo facciamo rinunciando alle nostre passioni e ai nostri desideri, spinti dall’amore a servire Dio in obbedienza alla sua volontà. Possiamo essere quelle persone che sono descritte in Colossesi 3 che cercano le cose che sono lassù e rifiutano tutto ciò che viene da questo mondo.

Possiamo batterci per avere la stessa testimonianza di Enoc. Non per il nostro ego, che dovremmo essere noti per qualcosa, ma per poter onorare Dio con le nostre vite. In modo che tutti quelli che ci conoscono sappiano questo di noi: che camminiamo con Dio e viviamo per essergli graditi.

Camminare con Dio: Come farlo

Come camminiamo con Dio? Che cosa significa camminare con Dio nella vita giornaliera? Significa che lui è costantemente il nostro compagno. Lo conosciamo immergendoci nella sua parola. È Lui a cui ci rivolgiamo per ogni istruzione, conforto e forza. “Il Signore è la mia roccia e la mia fortezza e il mio liberatore; il mio Dio, la mia rupe, in cui mi rifugio; il mio scudo, il mio potente salvatore, il mio alto rifugio. “ Salmo 118:2. Cerchiamo e facciamo la sua volontà. “Sia fatta la tua volontà, come in cielo, anche in terra.” Luca 11:2. Siamo obbedienti a tutto ciò che lui comanda. Non facciamo solo l’ovvio, facendocela a stento. Andiamo più a fondo per scoprire come possiamo servirlo meglio, come possiamo essergli più graditi.

Allora anche Dio, sia alla fine del nostro tempo sulla terra o al momento del rapimento, ci porterà ad essere con lui. Se siamo fedeli nel camminare con Dio tutti i nostri giorni, allora un giorno cammineremo direttamente nell’eternità, per stare con lui per sempre.


Puoi leggere ancora dalla nostra serie sugli eroi della fede qui
.

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

Una tale grande salvezza

L’apostolo che scrisse il libro di Ebrei la chiamò “una parola d’esortazione” Lo scopo di questo opuscolo è di ampliare ed estendere quella esortazione, portando fede e salvezza a tutti coloro che hanno una vocazione celeste. Tutti coloro che seguono l’esortazione della lettera agli Ebrei possono raggiungere questa grande salvezza.