Il segreto delle relazioni senza conflitti

Seguire queste 3 lezioni ti aiuterà ad avere relazioni buone, benedette e sane!

Il segreto delle relazioni senza conflitti

Le relazioni possono essere complicate. Le persone sono molto diverse l’una dall’altra,Il modo in cui una persona pensa può essere l’esatto contrario di come un’altra persona elabora il mondo intorno a sé. Per non parlare del fatto che esistono anche diversi stili di comunicazione. Dio ha creato ciascuno di noi in modo estremamente specifico. E questo è molto speciale. Tutti abbiamo doni e abilità che Dio ci ha dato e possiamo apprezzarci reciprocamente per questi diversi punti di forza. Ognuno di noi ha aree nella propria natura in cui siamo naturalmente più deboli, aree in cui possiamo svilupparci. In ogni caso, ci sono molte cose che impariamo nella vita attraverso le nostre interazioni e le nostre relazioni reciproche.

Lezione n. 1: Devo concentrarmi su “la trave nel mio occhio”

Una lezione che garantirà una relazione forte, è che ho bisogno di avere la mia propria connessione con Dio nella vita e concentrarmi su me stesso nelle diverse situazioni anziché su ciò che fanno gli altri. La maggior parte delle persone ha familiarità con i versetti in Matteo 7:1-2: “Non giudicate, affinché non siate giudicati; perché con il giudizio con il quale giudicate, sarete giudicati; e con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi. “Quindi la domanda per me è come applico questo nella mia vita di tutti i giorni?

So che il modo in cui vedo le cose non è necessariamente il modo in cui qualcun altro potrebbe interpretare la stessa situazione. E anche quando la comunicazione è buona, c’è ancora il potenziale di interpretazioni errate e giudizi sbagliati. Quindi, quando Gesù ci ha dato questo comandamento, non era solo perché giudicare gli altri nei miei pensieri porta a ogni sorta di male (critica, sospetto, maldicenza, ecc.). Era anche perché non sono in una posizione in cui il mio giudizio è completamente vero, non esclude nulla ed è perfettamente giusto. Se mi concentro su me stesso quando sono tentato a giudicare, allora troverò che ho molto da lavorare su me stesso.

Nelle mie interazioni e relazioni con gli altri, Dio vuole mostrarmi cose su di me, cose che non si allineano completamente con come dovrebbe essere con me. (Giacomo 1:4; 1 Pietro 5:10; Filippesi 3:12) Ad esempio, forse ho la tendenza nella mia natura a preoccuparmi di ciò che pensano gli altri, tanto da passare troppo tempo a preoccuparmi delle cose che hanno detto o fatto a me. Dio vuole che io abbia perfetta gioia e pace nella mia vita di tutti i giorni, ed è facile vedere che preoccuparsi in questo modo non porta ad una gioia e una pace perfetta. Quindi, Dio deve mostrarmi quella tendenza attraverso le situazioni della vita quotidiana, in modo da avere l’opportunità di purificarla – di vincerla.

Lezione n. 2: Possiamo pensarla allo stesso modo, non importa quanto siamo diversi

Un’altra intuizione è che Gesù venne per “abolire l’ostilità.” (Efesini 2:14-18) Nel Nuovo Testamento, sta scritto  come i greci e gli ebrei erano totalmente diversi l’uno dall’altro – avevano costumi, tradizioni culturali e credenze fondamentalmente diverse. Non potevano capirsi e non andavano d’accordo. Ma Gesù è venuto con il “messaggio della croce” – che è quello di vincere le concupiscenze e le pretese della mia stessa carne – e l’ha cambiato.

Qui puoi leggere di più sul messaggio della croce: La parola della croce: cristianesimo pratico

In parole povere, l’obiettivo è che io reagisca solo con bontà, compassione e amore verso le persone con cui vengo a contatto. In pratica, ciò significa che devo superare le mie stesse tendenze che mi impediscono di essere in grado di farlo. Questo potrebbe essere il mio egoismo, il mio egotismo e le mie opinioni “accaldate”, l’ansia, l’impazienza o il nascondersi e la paura di ciò che la gente pensa, ecc. Quindi anche se le persone possono essere completamente diverse e sorgono naturalmente dei conflitti, questo modo di superare le nostre concupiscenze e pretese può porre fine a tutta questa inimicizia e può renderci di una sola mente. Abbiamo un obiettivo: vincere le tendenze che ci separano da Dio e ci impediscono di essere una benedizione. (Efesini 2:22).

Lezione n. 3: A volte ho solo bisogno di tenere la bocca chiusa

Naturalmente, non tutti credono nel “messaggio della croce” e talvolta possiamo incontrare situazioni in cui le persone (intenzionalmente o meno) ci feriscono o sono semplicemente rudi. In queste situazioni, è importante ascoltare attentamente a ciò che Dio mi sta dicendo. A volte so che è giusto dire la sua e quello che deve essere detto, o quantomeno spiegare il mio punto di vista e perché vedo o interpreto le cose in modo diverso. A volte è necessario prendere posizione per la verità, e a volte dire quello che penso è semplicemente necessario per una migliore comunicazione.

Altre volte, e molte volte può accadere dopo aver detto “la mia parte” su qualcosa, so molto chiaramente che Dio in realtà mi sta dicendo  “stai semplicemente zitto”. Non essere amareggiati, o giudicare severamente, la persona con cui sono in disaccordo.

Quando sono interessato a vincere le mie tendenze a peccare invece di volere che gli altri cambino, allora sarò fedele nelle prove a non approvare pensieri di amarezza, aspri pensieri di giudizio, o la voglia di sparlare o sminuire gli altri. Significa che mi concentro esclusivamente sulla volontà di Dio per me nella situazione: se sto reagendo secondo la sua Parola e la sua volontà. Il modo in cui reagisco, e il modo in cui prendo le cose, tutto si riduce ai miei pensieri e se li ho resi prigionieri in semplice fedeltà a Cristo. 2 Corinzi 5:17.

Una parte importante della nostra santificazione passa attraverso le nostre relazioni, interazioni e comunicazioni con altre persone. Mentre tutto questo è certamente un processo di apprendimento, quando il mio desiderio è di essere un seguace di Cristo, posso andare avanti verso questo obiettivo. Filippesi 3:13-14.

 

Potresti essere interessato a leggere di più sulla nostra pagina tematica sulle relazioni con gli altri.

Il seguente articolo approfondisce alcuni concetti presentati in questo articolo:

/come-faccio-prigioniero-ogni-pensiero

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

Sono stato crocifisso con Cristo

Questo opuscolo è basato sulle parole di Paolo in Galati 2:20: “Sono stato crocifisso con Cristo: non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me…” Qui Elias Aslaksen spiega cosa significa e come il lettore possa avere la stessa testimonianza di Paolo nella propria vita.