L’università sul monte Sion

I discepoli di Cristo sono iscritti ad una scuola molto speciale …

L’università sul monte Sion

Ma negli ultimi tempi, il monte della casa del SIGNORE sarà posto in cima ai monti e si eleverà al di sopra delle colline e i popoli affluiranno ad esso.  Verranno molte nazioni e diranno: «Venite, saliamo al monte del SIGNORE, alla casa del Dio di Giacobbe; egli c’insegnerà le sue vie e noi cammineremo nei suoi sentieri!» Poiché da Sion uscirà la legge, da Gerusalemme la parola del SIGNORE.” Michea 4:1-2.

Una scuola di un altro genere

Sul monte Sion è stata istituita una “scuola” per “la festante riunione e l’assemblea dei primogeniti.” In altre parole, per tutti coloro che sono discepoli di Cristo, coloro che vogliono imparare dal Maestro. (Ebrei 12:23)

Lo Spirito Santo è l’insegnante di questa scuola. Lui è l’insegnante della giustizia; ci insegna tutte le cose in ogni materia. Ci ricorda tutte le cose dette da Gesù, le leggi che ci ha dato. (Giovanni 14:26-27)

A questa scuola gli studenti si sentono al sicuro, la sicurezza qui é composta da innumerevoli angeli. Dio, il giudice di ogni cosa, é lì, e Gesù stesso, il mediatore del nuovo patto, è estremamente attivo nella scuola. Lui ci insegna a essere zelanti per le sue leggi e i suoi comandamenti. Questi sono scritti nel nostro libro di testo: la Parola di Dio. Man mano che li impariamo, vengono anche scritti nei nostri cuori e nelle nostre menti. (Ebrei 12:22-24; Ebrei 8:10)

Qui gli studenti imparano a camminare sulla via che il Maestro ha aperto per loro; imparano a seguire le sue orme. Questo è un requisito assoluto per tutti gli studenti in questa università.

Gli studenti di questa scuola si sviluppano a pieno. Non ci sono persone uni-dimensionali. Ottengono altezza, larghezza e profondità nel loro spirito. Sono resi conformi all’immagine del figlio. (Apocalisse 21:16; Romani 8:29)

Requisiti per il corso

Per poter diventare come il Maestro, gli studenti devono imparare a rinunciare alla propria volontà, alle proprie idee, opinioni, ragionamenti ecc. e fare la sua volontà. Questo causa sofferenze, ma poiché guardano avanti verso la gioia che riceveranno come risultato delle loro sofferenze, sono in grado di sopportare le sofferenze. Il materiale del corso é stato esposto in modo chiaro da uno dei primi studenti della scuola, in Filippesi 3:7-10. Questo studente, un esempio da osservare per tutti gli studenti futuri, era ovviamente l’apostolo Paolo.

Agli studenti è richiesto di rinunciare a tutta la loro “saggezza” umana per poter ricevere lo spirito di sapienza divina e di rivelazione. Per esempio, la saggezza umana è ripagare il male con il male. Ma noi impariamo dal Maestro che “oltraggiato, non rendeva gli oltraggi” e ci insegna “amate i vostri nemici; fate del bene a quelli che vi odiano; benedite quelli che vi maledicono, pregate per quelli che vi oltraggiano.” Tutti in questa scuola amano e osservano questi comandamenti che li portano a questa sapienza e rivelazione divina. (Efesini 1:17; 1 Pietro 2:23; Matteo 5:44)

Il cibo a questa scuola é il miglior nutrimento possibile. Gli studenti nuovi iniziano con il puro latte senza macchia, e man mano che crescono e maturano e sono in grado di tollerare di più, ricevono cibo sempre più solido. (1 Pietro 2:2; Ebrei 5:13-14)

A questa scuola non ci sono “cricche”, non ci sono dispute, conflitti, invidie, malizia, o altre cose del genere. Agli studenti viene insegnato di amarsi l’un l’altro con un amore puro e “fraterno”, di cui è scritto in modo così chiaro nella Parola di Dio. Nessuno pensa a se stesso come un “grande”, ognuno stima gli altri migliori di se stesso. Cristo é preminente qui, il primo tra molti fratelli.  (1 Corinzi 13:4-7; Romani 12:10; 1 Tessalonicesi 4:9; Ebrei 13:1, Filippesi 2:3; Colossesi 1:15-18)

Approfondisci qui: Cosa dice la Bibba dell’amore?

Ogni studente deve imparare a vestire e usare tutta l’armatura di Dio, per difendere se stesso dagli inevitabili attacchi dei nemici. Sono lezioni intensive sull’imparare a riconoscere il nemico, i principati, le potenze, i dominatori delle tenebre di questo tempo, le forze spirituali della malvagità, e diventare profondamente informati sui loro metodi di guerra. I loro metodi il più delle volte non sono sfacciati, ma subdoli nel convincere i credenti a dubitare, ad invidiare, e ad altri peccati usando argomentazioni e pensieri “razionali”. Questa è la loro arte della guerra e questo è il motivo per cui è così cruciale che gli studenti rinuncino a tutte le tracce della ragione, saggezza umana e imparino la saggezza che viene dall’alto che è “anzitutto è pura; poi pacifica, mite, conciliante, piena di misericordia e di buoni frutti, imparziale, senza ipocrisia.” Gli studenti imparano ad usare le armi potenti della guerra per “demolire i ragionamenti e tutto ciò che si eleva orgogliosamente contro la conoscenza di Dio, facendo prigioniero ogni pensiero fino a renderlo ubbidiente a Cristo” (Efesini 6:12-17; Giacomo 3:17; 2 Corinzi 10:5)

Il sasso d’inciampo

All’ingresso della scuola c’è un sasso d’inciampo e una pietra di scandalo.Solo coloro che riescono a superare questo sasso sono capaci di frequentare la scuola sul monte Sion. Molti cadono e sono rotti e intrappolati su questo sasso. (2 Pietro 2:8; Isaia 8:13-18)

Questo sasso d’inciampo è il requisito per rinunciare a tutto. Coloro che non vogliono rinunciare al proprio onore, il loro valore ai propri occhi e agli occhi degli altri, qualsiasi cosa al di fuori di Cristo ecc., non riusciranno a passare oltre questo sasso, perché l’accesso dipende dalla completa sottomissione a Gesù. Per esempio, trattenere l’orgoglio per risultati terreni, invece di dare l’onore a Dio, portare con sé amarezza o risentimenti o astio, continuare in cose mondane che ti portano lontano da Cristo. Coloro che sono grandi in se stessi non hanno bisogno di essere riempiti con Cristo e inciampano all’idea di rinunciare a tutto.

Coloro che frequentano la scuola sul monte Sion devono rinunciare al confidare in se stessi, vivere per se stessi, e seguire la propria strada. Vivono secondo i comandamenti dello Spirito della vita in Cristo Gesù, che imparano a questa scuola. (Romani 8:2)

Fare molti discepoli

Gli studenti, i discepoli di Cristo, hanno anche il mandato di fare discepoli di tutte le nazioni, perché tutte le persone appartengono in effetti al Signore e a tutte le persone é data l’opportunità di frequentare questa scuola. Non molti passano oltre il sasso d’inciampo, perché la via è stretta, ma a tutti dovrebbe essere data la possibilità. La forza trainante dietro al lavoro missionario che fa discepoli tra le persone oneste, è il grande Maestro e l’insegnante stesso. (Matteo 7:13-14; Matteo 28:19-20)

Ci possano in questi giorni essere molti che fanno domanda e ottengono l’iscrizione alla scuola sul monte Sion!

Da Sion, infatti, uscirà la legge, e da Gerusalemme la parola del SIGNORE.” Isaia 2:3.

La formazione profonda che gli scolari ricevono qui li prepara a regnare col Maestro. I laureati a questa scuola avranno imparato la saggezza che li rende capaci a governare la terra con lui nel millennio, in modo che tutte le nazioni possano imparare la giustizia e in modo da stabilire il regno della pace e della giustizia che durerà per l’eternità. (Romani 5:17; 2 Timoteo 2:12; Apocalisse 5:10; Apocalisse 20:4; Apocalisse 22:5)


Questo articolo è ispirato e basato su un articolo dallo stesso nome scritto in norvegese da Johan O. Smith 
e pubblicato nel periodico della BCC Skjulte Skatter (Tesori Nascosti) nel Marzo 1937.

Potresti essere interessato a leggere di più sulla pagina tematica sulla vita del discepolo.

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

Cosa significa essere un cristiano

Essere un cristiano è una vita molto più profonda del semplice chiedere a Gesù di entrare nel tuo cuore e credere nel perdono dei peccati. È una vita di sviluppo e crescita nelle cose di Cristo. Questo opuscolo presenta in modo molto chiaro e semplice le basi di una vita cristiana.