La verità sulla giustizia messa in conto

«Abraamo credette a Dio e ciò gli fu messo in conto come giustizia». Noi crediamo, proprio come ha fatto Abraamo, in una vera giustizia personale ….

La verità sulla giustizia messa in conto

«Abraamo credette a Dio e ciò gli fu messo in conto come giustizia». Romani 4:3. Questo è stato detto su Abraamo quando Dio gli promise che i suoi discendenti sarebbero stati tanti quanto le stelle che non si possono contare. Abraamo credette nella giustizia messa in conto? No; lui credette nelle promesse di Dio, e questo gli veniva messo in conto come giustizia. Era Dio che la vedeva in quel modo.

La promessa ad Abraamo era che avrebbe ricevuto un figlio che sarebbe venuto dal suo corpo. (Genesi 15:4) Lui credette in Dio, non nelle sue forze. Lui credette che Dio gli avrebbe dato un figlio vero, non un figlio che gli era stato messo in conto. Quando Abraamo credette questo, Dio “che fa rivivere i morti, e chiama all’esistenza le cose che non sono,” considerava che lui avesse già avuto suo figlio. (Romani 4:17)

Dalla giustizia messa in conto a una fede provata

La fede doveva essere messa alla prova, e Abraamo e Sara dovettero aspettare che la promessa si adempisse fin al momento in cui le loro stesse forze non si fossero svuotate. Abraamo considerava i loro corpi morenti, ma non si era indebolito nella fede, perché la fede non ha nulla a che fare con le proprie forze. Lui diede gloria a Dio e non è stato svergognato. Ricevette davvero Isacco, un figlio che veniva dal suo stesso corpo.

L’apostolo usa questo come una illustrazione per noi. Abbiamo le promesse del vangelo. Il riassunto di queste è “per farvi comparire davanti a sé santi, senza difetto e irreprensibili.Colossesi 1:22. Queste promesse ci vengono annunciate mentre siamo ancora empi e peccatori. Se poi crediamo alle promesse di Dio, come ha fatto Abraamo, allora anche Dio ce le mette in conto come giustizia.

Non abbiamo opere, ma crediamo in colui che giustifica gli empi. La sua fede gli è messa in conto come giustizia. (Romani 4:5) È in questa giustizia messa in conto che abbiamo fiducia allora? No, noi crediamo, come ha fatto Abraamo, in una vera giustizia personale che verrà dal nostro corpo, e crediamo che Dio opererà in noi questa trasformazione. Colui che chiama le cose che non esistono come se esistessero, ci vede già come se fossimo ciò che crediamo che lui è in grado di farci diventare. Lui ci mette in conto come giustizia la nostra fede in lui, e non saremo svergognati. Lui manterrà la sua promessa nelle nostre vite. Tuttavia, anche la nostra fede deve essere messa alla prova. Anche le nostre forze devono essere svuotate prima che la promessa possa essere compiuta. Dio può venire in nostro aiuto con la sua potenza dopo che abbiamo cercato di vincere e siamo stati frantumati a causa della nostra empietà. (2 Corinzi 12:9)

La maggior parte delle persone perdono la fede quando guardano a se stesse, e poi si arrendono del tutto. Dicono: “Dobbiamo solo essere soddisfatti con la giustizia messa in conto. Siamo solo esseri umani e non possiamo essere nient’altro. È bene che Dio ci metta in conto la vita di Gesù”, ecc. Questa non è affatto la fede di Abraamo!

Un’esperienza vera e visibile

La solita predicazione della giustizia messa in conto è come se Abraamo avesse dovuto accontentarsi di un figlio messo in conto senza riceverne effettivamente uno. Migliaia e migliaia di persone vivono in questa terribile oscurità e inganno. La speranza del vangelo della vittoria sul peccato non viene loro annunziata, ma viene loro annunziata una vittoria messa in conto, e così credono in una giustizia messa in conto e non sperimentano mai di essere trasformati in nuove creature in modo che la giustizia possa provenire dal proprio corpo. Lo spirito dell’Anticristo ha modificato il vangelo in modo che coloro che sentono non sperimentino mai nulla di vero e reale. Hanno tutto per fede, il che si rivela essere pura fantasia! Dio non considera mai per loro una fede così come giustizia.

La fede di Abraamo gli diede un’esperienza vera e visibile. Coloro che hanno la fede di Abraamo in questi giorni hanno la stessa esperienza. “Che crediamo in colui che ha risuscitato dai morti Gesù, nostro Signore, il quale è stato dato a causa delle nostre offese ed è stato risuscitato per la nostra giustificazione.” Romani 4:24-25. Noi sperimentiamo che lui ci giustifica, affinché diventi vero e visibile a tutti che le virtù di Cristo provengono dal nostro corpo.


Questo articolo è stato tradotto dal norvegese ed è stato pubblicato per la prima volta con il titolo “La giustizia messa in conto” nel periodico della BCC Skjulte Skatter (Tesori Nascosti) nel giugno 1955.
© Copyright Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag

Scopri di più sulla nostra pagina tematica riguardo la giustizia. O per saperne di più sull’autore, Sigurd Bratlie, qui:

/sigurd-bratlie-un-apostolo-di-dio

 

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

Il nuovo patto e il mistero dell’iniquità

Il nuovo patto è un patto personale che facciamo con Dio, nel quale ci impegniamo a ubbidire a tutta la sua volontà e in cambio lui si impegna a darci tutto ciò di cui abbiamo bisogno per questo fine. Il mistero dell’iniquità è che la maggior parte delle persone elimina con spiegazioni questa parte della grazia che Gesù ci ha consegnato e invece cambiano la grazia di Dio in una licenza a peccare.