Paolo, Pietro, Giovanni: I nostri fratelli …

Potremmo avere diversi ministeri, ma le vite degli apostoli non sono affatto irraggiungibili.

Paolo, Pietro, Giovanni: I nostri fratelli …

Nel cristianesimo, gli apostoli sono spesso chiamati San Paolo, San Pietro, San Giovanni, ecc. In tal modo hanno creato una designazione che fa pensare alle persone – cristiane e non cristiane –  che questi servitori del Signore siano così lontano dalla nostra portata che diventa inimmaginabile camminare nelle loro orme. Chiamarli fratelli santi è più appropriato, perché è quello che sono. Quando leggiamo le loro epistole, vediamo che scrivono ai loro fratelli. Tra le altre cose, Paolo scrive, “Siate miei imitatori, come anch’io lo sono di Cristo.” 1 Corinzi 11:1.

A suo fratello e collaboratore, lui scrive: “Tu invece hai seguito da vicino il mio insegnamento, la mia condotta, i miei propositi, la mia fede, la mia pazienza, il mio amore, la mia costanza…” 2 Timoteo 3:10. Questa è la testimonianza di un fratello ad un suo confratello. Queste parole non ci danno l’impressione che ci troviamo di fronte ad un “San Paolo” irraggiungibile che non può essere seguito da nessuno.

Quando leggiamo gli scritti di questi fratelli, sappiamo certamente che erano apostoli. Sappiamo che erano degli strumenti potenti nelle mani di Dio. Tuttavia, stiamo in guardia contro il pensiero ingannevole e la comprensione che loro siano su un piano inaccessibile che ci rende impossibile camminare nelle stesse orme. È vero che non abbiamo il loro ministero, ma siamo chiamati a seguire la vita di Cristo che hanno vissuto: “E vi annunziamo la vita eterna… perché voi pure siate in comunione con noi; e la nostra comunione è con il Padre e con il Figlio suo, Gesù Cristo.” 1 Giovanni 1:2-3. E Giovanni scrive: “Io, Giovanni, vostro fratello…” Apocalisse 1:9.

Questi santi uomini e servi di Dio sono i nostri fratelli e Gesù, il Maestro stesso, non si vergogna di chiamare quelli che vivono nella santificazione fratelli, che è pure quello che facevano questi uomini.  (Ebrei 2:11) Il tempio santo, che è la chiesa di Dio, ha gli apostoli e i profeti come fondamento, e la pietra angolare principale, alla quale è collegata ogni cosa, è Gesù Cristo stesso. (Efesini 2:19-22)

Nella lettera di Pietro siamo esortati ad essere edificati come pietre viventi per formare una casa spirituale.  (1 Pietro 2:5) Per queste “pietre viventi,” è di grande importanza come ha reagito la pietra angolare principale, dove conducono i suoi passi e dove conducono i passi degli apostoli, che siamo esortati a seguire. L’intenzione è che entriamo a far parte dell’edificio con tutte le altre pietre che, nel corso del tempo sono state scolpite e tagliate secondo la Parola di Dio. In questi giorni l’esortazione per noi è, “Amate i fratelli.” Questa fratellanza è iniziata con la pietra angolare principale e la fondazione continua in questi giorni attraverso il timore divino di uomini e donne fedeli. Amiamo questa fratellanza e dimostriamo il nostro amore con lo stesso timore e la sana condotta che è stata in queste sante pietre edificate dai giorni degli apostoli fino ad oggi.

In Filippesi 3, dove Paolo ci esorta di nuovo ad essere i suoi seguaci e a notare coloro che camminano avendo come esempio lui, vediamo come lui stesso fosse afferrato dal seguire il Maestro nei suoi passi, a camminare avendo come esempio Gesù. Questo è Paolo, il nostro fratello. Lui poteva dire, Siate miei imitatori, come anch’io lo sono di Cristo.”  Lui testimonia che non aveva afferrato tutto, ma che si protendeva a ciò e che perseguiva la meta per ottenere la corona della vittoria che era stato chiamato a vincere.

Nostro fratello Pietro è stato anche afferrato dai passi di Gesù e attira la nostra attenzione all’esempio che ci ha lasciato Gesù, “Perché seguiate le sue orme.  Egli non commise peccato e nella sua bocca non si è trovato inganno.” 1 Pietro 2:21-22.

“Amate i fratelli…” Questo è quello che scrive Pietro in versetto 17. Giovanni scrive, “Figlioli, non amiamo a parole né con la lingua, ma con i fatti e in verità.” 1 Giovanni 3:18. Sono i fatti e la verità che caratterizzano la casa di Dio dalla fondazione alla corona di volta.


Questa è una versione adattata di un articolo che è stato pubblicato per la prima volta in norvegese con il titolo, “I nostri fratelli Paolo, Pietro, Giovanni…” nel periodico della BCC “
Skjulte Skatter” (“Tesori Nascosti”) nel  marzo 2016.
© Copyright Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

Una tale grande salvezza

L’apostolo che scrisse il libro di Ebrei la chiamò “una parola d’esortazione” Lo scopo di questo opuscolo è di ampliare ed estendere quella esortazione, portando fede e salvezza a tutti coloro che hanno una vocazione celeste. Tutti coloro che seguono l’esortazione della lettera agli Ebrei possono raggiungere questa grande salvezza.