Preghiera e intercessione – con rendimento di grazie

Come possiamo pregare per altri e per noi stessi, in modo da toccare il cuore di Dio stesso? Qual è il risultato?

Scritto da Johan Oscar Smith
Preghiera e intercessione – con rendimento di grazie

“Perseverate nella preghiera, vegliando in essa con rendimento di grazie …” Colossesi 4:2.

Preghiere che portano alla fede

Pregare è una cosa benedetta. È bene fare pressione sul cuore di Dio. Comunione con Dio nella preghiera estende la nostra visione e aumenta il nostro amore e la nostra compassione. Qualcosa di Dio stesso viene su di noi, la sua natura e i suoi pensieri riguardo ai figli degli uomini. Quanto più preghiamo, tanto più vogliamo pregare; e quanto più preghiamo, tanto più riceveremo. Veri adoratori adorano Dio in spirito e verità.

Siamo esortati a vegliare nella preghiera con rendimento di grazie. Quando lo facciamo, la fede afferra ciò per cui stiamo pregando e viene il rendimento di grazie perché sappiamo che abbiamo già ricevuto ciò per cui abbiamo pregato. Questo esercizio di pregare vegliando produce frutti benedetti. Impariamo ad amare delle anime perché il Padre, sul cui petto riposiamo nella preghiera, li ama.

Gesù pregò, “Padre, io voglio che dove sono io, siano con me anche quelli che tu mi hai dati, affinché vedano la mia gloria che tu mi hai data; poiché mi hai amato prima della fondazione del mondo.”  Giovanni 17:24.

Dio ci dà anime di cui prenderci cura

Noi avremo questa stessa mente, quando per sua grazia, Dio ci dà anime di cui prenderci cura. Noi desideriamo e preghiamo che loro siano dove siamo noi e che possano essere preservate nella comunione dello Spirito assieme a noi. Quando preghiamo, i gemiti inesprimibili dello Spirito porteranno queste anime nella nostra mente alla presenza di Dio, e pregheremo che possano partecipare alla stessa gloria che il Padre ha rivelato a noi attraverso il suo amato Figlio, Gesù Cristo.

Avanti, avanti e sempre avanti sulle vie della vita, questo è il desiderio più profondo di una anima in preghiera. Avanti, avanti con tutte queste anime che Dio ci ha affidate, molto lontani dall’Egitto e la sua schiavitù, direttamente nel cuore del Padre. Dio sente queste preghiere, e lo Spirito che viene dal Padre attrae le anime per cui si prega con legami invisibili, prima al Padre e poi nel Figlio verso il Padre.

Vittoria nella preghiera

Se preghiamo per qualsiasi cosa secondo la volontà di Dio, sappiamo che abbiamo ricevuto le cose per cui abbiamo pregato. Sappiamo che la volontà di Dio è la nostra santificazione, perciò sappiamo che abbiamo ricevuto ciò per cui abbiamo pregato.

Preghiamo a Dio anche per i più piccoli dettagli, nello Spirito. Lui ascolterà le nostre preghiere e accrescerà la nostra fede per rendere grazie nella preghiera. Questo è una preghiera e una preghiera esaudita, vittoria nella preghiera. Questa vittoria rende la nostra vita così ricca e sensata. Questo aumenta il nostro interesse nell’opera del regno di Dio e aumenta i frutti del nostro lavoro e i frutti della nostra vita.

Questo articolo è stato tradotto dal norvegese ed è stato pubblicato la prima volta col titolo “Preghiera con rendimento di grazie” nel periodico della BCC “Skjulte Skatter” (“Tesori Nascosti”) nel luglio 1920.
© Copyright Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

La grazia in Gesù Cristo

Scritto da Sigurd Bratlie

“Quando si pensa alla grazia si pensa perlopiù al perdono. E poiché tutti abbiamo peccato, tutti abbiamo bisogno della grazia.” Sigurd Bratlie apre con queste parole questo opuscolo. Tuttavia, continua col descrivere a fondo che la grazia che è in Cristo Gesù significa molto di più del perdono. Significa anche verità e aiuto. Ci insegna a non peccare, in modo che possiamo essere completamente liberi per vivere una vita di vittoria che conduce a perfezione.