Maria: Veramente lei è benedetta tra le donne

In che modo Maria fu in grado di accettare il compito che le aveva dato Dio?

Maria: Veramente lei è benedetta tra le donne

La maggior parte di noi ha sentito la storia di Gesù innumerevoli volte.  Abbiamo sentito come l’angelo Gabriele disse a Maria che avrebbe portato il Figlio di Dio nel mondo. Ci concentriamo su come la vergine Maria sia stata scelta tra tutte le donne del mondo per essere la madre di Gesù – Dio l’ha scelta per portare il suo proprio Figlio! Tutto questo sembra incredibile.

La realtà di 2000 anni fa

Fai un passo indietro, però. Questo è stato più di 2000 anni fa. Come sarebbe sembrata una gravidanza inaspettata, prima che la storia di Cristo venisse conosciuta nel corso della storia? Maria era una brava ragazza e si era fidanzata per sposarsi con un uomo timorato di Dio e giusto. La probabilità era che la gente sarebbe corsa a delle conclusioni e avrebbe fatto le peggiori assunzioni.

Posso immaginare i pensieri che le turbinavano in testa mentre l’angelo Gabriele le stava di fronte. Come sarebbe stato se Maria fosse rimasta incinta, molto prima di sposarsi? Giuseppe sicuramente si sarebbe sentito ferito e avrebbe supposto che fosse stata infedele, e questo avrebbe potuto portare al rifiuto, ad essere evitata dai suoi cari e forse persino ad essere lapidata a morte. Dopotutto, chi avrebbe creduto che era stato Dio ad aver fatto questo miracolo in lei, senza testimoni che avrebbero testimoniato per Maria? Deve aver saputo che avrebbe potuto dover affrontare un grande rimprovero e vergogna se avesse accettato il compito che le aveva chiesto di prendere Dio.

Eppure, rispose semplicemente e con fiducia: «Ecco, io sono la serva del Signore;  mi sia fatto secondo la tua parola». Luca 1:38. Senza esitazione, con completa fiducia in ciò che Dio aveva programmato per la sua vita, lei accettò sia la benedizione che le prove che sicuramente sarebbero venute dal fare come le aveva detto l’angelo.

Come posso seguire l’esempio di Maria

Quando Dio mi suggerisce di fare qualcosa – di essere obbediente a ciò che leggo nella sua Parola, o mi indica qualcosa che avrebbe dovuto essere fatto in modo diverso – lo accetto volentieri e benevolmente? Ho fiducia che Lui conosce e pianifica tutte le cose; che i suoi pensieri sono più alti dei miei pensieri? Anche quando non ha senso – quando la cosa logica da fare non è quella che mi dice di fare Dio – qual è la mia reazione allora?

Potrebbe essere più facile fare la volontà di Dio quando so che ne deriverà una benedizione. Ma cosa dire quando le persone mi guarderanno in modo strano? Quando la mia famiglia non sarà d’accordo con me, per come è scritto? O forse verrò preso in giro per essere religioso, sarò evitato perché “discrimino” azioni e comportamenti, disprezzato per non accettare punti di vista e opinioni diventate popolari nella società di oggi. Cosa allora? Penso alla benedizione, quando so che sarò frainteso o addirittura disprezzato e respinto dal mondo? Dov’è la mia fiducia e la mia speranza allora?

L’amore di Maria per il suo Signore Dio e il suo desiderio di essere ubbidiente alla sua parola superava il costo del rimprovero e della vergogna. Lei sapeva di poter essere disprezzata sulla terra ai suoi tempi e accettò comunque il piano di Dio per lei. Veramente lei è benedetta tra le donne. (Luca 1:42)

Quando so che c’è da pagare un prezzo – quando Dio mi chiede di sacrificare il mio onore, il mio ego, il mio buon nome davanti alla gente e innumerevoli altre cose che Lui mi mostra, per il bene della mia salvezza – è vitale che io segua l’esempio di Maria per presentarmi come un servo per Dio, disposto a fare come Lui chiede, non importa quali possano essere le conseguenze terrene.

Pensa ai risultati gloriosi che derivavano dalla semplice obbedienza di Maria! Dio poteva far nascere il suo unigenito Figlio nel mondo in modo che avremmo potuto ricevere la vita eterna! L’ubbedienza è una cosa preziosa a Dio, che può avere risultati di vasta portata e gloriosi e che non possiamo neanche immaginare. Dio è un ricco rimuneratore per coloro che lo servono.

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

La grazia in Gesù Cristo

“Quando si pensa alla grazia si pensa perlopiù al perdono. E poiché tutti abbiamo peccato, tutti abbiamo bisogno della grazia.” Sigurd Bratlie apre con queste parole questo opuscolo. Tuttavia, continua col descrivere a fondo che la grazia che è in Cristo Gesù significa molto di più del perdono. Significa anche verità e aiuto. Ci insegna a non peccare, in modo che possiamo essere completamente liberi per vivere una vita di vittoria che conduce a perfezione.