Attendendo con ansia Gesù

Dovrei vivere in attesa del giorno in cui Gesù verrà per portarmi a casa.

Scritto da Laura Petkau
Attendendo con ansia Gesù

L’altra mattina, ho parlato con la mia amica dall’altra parte del globo la quale mi voleva raccontare un sogno che aveva avuto.  Aveva sognato che “Gesù viene presto”.

La cosa interessante è che la notte precedente, mentre mi stavo addormentando, stavo pensando a cosa stesse lavorando nel mio cuore durante l’ultimo periodo…e tutto d’un tratto mi vennero a mente le parole “Lo Spirito di attesa.”

Mentre mi appisolavo, pensai: Come vivo con lo spirito di attesa? Che cosa vuol dire per me?

Che cos’è lo spirito di attesa?

Ho sentito del ritorno di Gesù tutta la mia vita – il “rapimento”, come conosciuto dalla maggior parte dei cristiani. Una volta provocava paura nel mio cuore; avevo paura di rimanere indietro.  Nel parlare con la mia amica, anche lei lo sentiva allo stesso modo. Aveva paura di non essere pronta per quando lui sarebbe venuto.

Mentre ne parlavamo, mi ricordai di un esempio che avevo sentito prima; un’analogia di com’è per noi che attendiamo la venuta di Gesù.   Immagina che qualcuno che ami caramente è stato via per un lungo viaggio, e presto ritornerà da te. Questa persona viaggia con la nave, quindi non sai esattamente la data del suo arrivo. Tu staresti continuamente al porto, aspettando con ansia al molo e guardando con un’aria d’attesa l’apparizione della nave.  Tu attenderesti con eccitazione di rivedere il tuo amato!

Nella mia vita giornaliera, se io “attendo” il rientro di qualcuno che ho amato, allora sarò sveglia e attenta e non vedrei l’ora.  Occuperebbe i miei pensieri – la vita non passerebbe semplicemente senza che io ci pensassi o ne parlassi.

Questo è come dev’essere per me il ritorno di Gesù.  Devo essere in attesa, aspettando con eccitazione – vivendo in aspettativa di quel giorno. Questo è ben diverso dall’avere paura e di tremarne all’idea.

Non c’è nulla da temere

Condivisi un versetto con la mia amica che mi ha aiutato diverse volte: “Dio infatti ci ha dato uno spirito non di timidezza…” 2 Timoteo 1:7 La cosa principale è che sono fedele oggi a quello che Dio mi mostra. Se faccio questo giorno dopo giorno, anno dopo anno, allora sarò pronta, quando lui ritornerà a prendere coloro che amano la sua apparizione. Allora non avrò assolutamente nulla da temere! (2 Timoteo 4:8)

Pensai alla storia di Maria e Marta.  (Luca 10:38-42) Marta era preoccupata e turbata per molte cose, e al contrario, Maria era occupata con una cosa che era necessaria: la cosa che non le sarebbe stata tolta. Posso essere così impegnata e occupata con tutto quello che avviene intorno a me, ed esserne sommersa. Dimentico di vivere in questo spirito di attesa. Posso essere così occupata con “questo e quello dev’essere fatto”, “questo è quello che ha detto questa persona”, e “spero che avremo abbastanza soldi…”, e tutte quelle questioni materiali. I miei occhi non sono rivolti “verso dentro”, e non sono sveglia per quell’unica cosa necessaria: vivere per essere completamente gradita al mio sposo celeste. Ogni giorno, devo essere consapevole che lui segue i miei pensieri, le mie parole e le mie azioni. Devo trovare quelle cose che non si allineano con la parola di Dio, ed essere ubbidiente e vincerle- per essere pronta.

Voglio vivere in questo spirito di attesa. Allora quando verrà Gesù, sarò pronta. Sarò tra coloro che hanno fede sulla terra!

Ma quando il Figlio dell’uomo verrà, troverà la fede sulla terra?” Luca 18:8.


Guarda questo video ispiratore e importante sull’avere lo spirito di attesa: “La forza straordinaria dello Spirito di attesa” (Kåre J. Smith)

Potresti anche essere interessato a leggere di più sulla nostra pagina tematica sulle promesse di Dio, o nei seguenti post affini:

...

...

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

La sposa e la meretrice e gli ultimi tempi

Scritto da Sigurd Bratlie

Un’interpretazione molto chiara delle profezie testimoniate da Giovanni nel libro dell’Apocalisse. Scritto poco dopo la fine della seconda guerra mondiale, è ancora più attuale nel mondo in cui viviamo oggi. Si focalizza sull’importanza del vivere una vita devota nel tempo prima del ritorno di Gesù.