Una spinta in più per essere di benedizione

Dopo un intenso periodo di malattia in cui Hermen è quasi morto, lui e sua moglie Jenneke sentono più che mai il bisogno di benedire e aiutare le persone.

Una spinta in più per essere di benedizione

Questa primavera, Hermen è stato infettato dal coronavirus, ed è finito in ospedale, isolato nel reparto di pneumologia. Il suo ricovero è stato pure un periodo molto drastico per la famiglia di Hermen. Anche sua moglie Jenneke e i loro due figli hanno avuto diversi gradi di sintomi da coronavirus e sono stati messi in quarantena a casa. Ma i loro pensieri erano naturalmente rivolti a Hermen, che lottava per la vita in ospedale.

Durante una videochiamata, Jenneke e Hermen ci raccontano le loro esperienze con Dio durante questo periodo.

Leggi qui la storia di Hermen: Holding on to God’s word on the brink of death

“Sentivo che il cielo era molto vicino”

Due volte Hermen è stato preparato per essere trasferito nel reparto di terapia intensiva, dove sarebbe stato messo in coma. Racconta: “Diverse volte ho pensato: ‘Questa è la fine, non ce la faccio più’. Con il mio ultimo briciolo di energia, ho inviato un messaggio a mia moglie e ai miei figli dicendo loro che li amavo. Sentivo che il cielo era molto vicino. Essere per sempre con Gesù era un pensiero meraviglioso per me. Ma dentro di me, avevo anche un forte desiderio di vivere. Volevo davvero avere il tempo di aiutare gli altri”.

Dipendente da Dio

Quella settimana Jenneke riuscì a malapena ad avere un contatto con Hermen. Era anche difficile ottenere informazioni chiare dal personale infermieristico perché tutto era così frenetico e incerto. “Quando ho ricevuto quel messaggio allarmante, ho capito che la situazione era molto grave. Che sembrava che stesse per morire – e che non avrei mai più potuto vederlo o parlargli. Ovviamente è stato molto intenso!

“Naturalmente non desideravo altro che andare a trovarlo in ospedale, stare con lui, fare qualcosa, organizzare qualcosa – ma ora potevamo solo stare a casa e aspettare. Questo dava una sensazione di impotenza. Ma allo stesso tempo, ho anche notato una convinzione e una pace: ‘Dio è l’unico che può fare qualcosa ora. Posso affidarmi a Lui!” E subito dopo ho realizzato: ‘Aspetta, ma è sempre così! Anche se posso organizzare qualcosa e posso occuparmene.” Questo arrendersi a Dio, questa è in realtà la vita: Sono sempre dipendente da Dio. Ci ho pensato molto”.

Pregare con fiducia

La preghiera era un rifugio per Jenneke. “All’inizio imploravo davvero: ‘Dio, ti prego, lascialo vivere! Non può morire!’ Pregavo come se dovessi convincere Dio a far tornare Hermen alla vita e alla salute.

“Una notte mi venne in mente un versetto del Salmo 92:13: ‘Quelli che sono piantati nella casa del SIGNORE fioriranno nei cortili del nostro Dio.’ Ho lasciato che quelle parole affondassero in me: se passi la notte all’ombra dell’Onnipotente, significa in realtà che il Dio Onnipotente stesso veglia su di te quando dormi. Veglia su di me e quindi anche su Hermen in ospedale. La cosa migliore che potessi fare era dire a Dio: “Signore Dio, tu sei accanto a lui”. Ti prego, prenditi cura di lui!’

“Ho imparato a pregare in modo diverso. Non in preda al panico: ‘Non deve morire! Non deve morire!’ – ma da una fiducia più profonda e dalla convinzione che Dio sorveglia su tutto e si prende cura di noi. Certo, continuavo a pregare che Hermen migliorasse, ma le cose erano cambiate. Avevo imparato a parlare a Dio come si parla a un amico. Dopotutto, Lui ci ama!

Trentesimo anniversario di matrimonio

Jenneke e Hermen festeggiavano il loro trentesimo anniversario di matrimonio proprio nel periodo in cui Hermen era ricoverato in ospedale. Come eccezione speciale, a Jenneke è stato concesso di visitare l’ospedale per potersi vedere il giorno del loro anniversario di matrimonio. Si sono salutati con la mano: lui nel letto dell’ospedale da un lato del vetro, lei nel suo abito da sposa dall’altro lato del vetro. “Il personale infermieristico ne ha parlato per tutta la settimana: quella donna che salutava in abito da sposa!” Hernen ride.

Compassione e incoraggiamento

Jenneke sa che molte persone hanno pregato per Hermen, sia nel loro paese che all’estero. Non per ultimo molte persone della chiesa cristiana di Terwolde in Olanda, dove Hermen è la guida della chiesa. “Molti amici di Singapore, Sri Lanka e Hong Kong hanno chiesto ogni giorno come stava. Era un pensiero così bello che quando andavo a dormire, loro si prendessero carico delle mie preghiere dall’altra parte del mondo, in un fuso orario diverso”.

Le preghiere e i molti messaggi incoraggianti degli amici sono stati un grande sostegno per Jenneke e i figli. Di nuovo e ancora hanno aiutato Jenneke a mantenere i suoi pensieri concentrati su Dio. “È stata come una ‘linea della vita verso Dio’ a cui aggrapparmi”, spiega.

Vivere con un compito!

Hermen si è ripreso, e dopo 12 giorni di ospedale gli è stato permesso di tornare a casa per recuperare.

“Dobbiamo ancora elaborare il tutto”, dice Jenneke. “È stato un periodo difficile, ma l’abbiamo vissuto come un dono per la vita. Abbiamo imparato così tanto! Questo periodo mi ha dato davvero una spinta in più che a sua volta può diventare una ‘linea di vita verso Dio’ per le persone che mi circondano”.

È tardi, ma è quasi impossibile concludere la conversazione. Vediamo due persone raggiante, e il loro flusso di parole di gratitudine è quasi inarrestabile. “Sono profondamente grato di poter essere ancora vivo, come potete immaginare”, dice Hermen. “In questo tempo, ho visto con ancora più forza che Dio mi ha dato, e a ogni persona, un compito nella vita. Dio ci ha creato come persone uniche con talenti e possibilità uniche; non dobbiamo essere copie l’una dell’altra! Dio vuole parlare ad ogni persona personalmente e chiarire quali opere ha preparato per ogni persona individualmente. Se scopriamo quelle opere e semplicemente iniziamo a farle, saremo una benedizione per coloro che ci circondano”.

Potresti essere interessato a leggere di più negli articoli seguenti: