Stai vivendo una vita “religiosa” o la vita di Gesù?

Non c’è bisogno di aspettare di arrivare in cielo per partecipare alla vita di Gesù.

Stai vivendo una vita “religiosa” o la vita di Gesù?

Paolo scrive in 2 Corinzi 4:11, “Infatti, noi che viviamo siamo sempre esposti alla morte per amor di Gesù, affinché anche la vita di Gesù si manifesti nella nostra carne mortale.” Non c’è bisogno di aspettare di arrivare in cielo per partecipare alla vita di Gesù. Ma quanto è grande la differenza tra chi vive una vita normale secondo la legge e chi ha la vita di Gesù?

Religiosità attraverso la legge

La differenza è grande come i cieli sono alti al di sopra della terra. Il primo gruppo vive una vita terrena e fa del suo meglio per vivere secondo la legge. E vivendo secondo la legge, ottengono una pietà esteriore. Si sentono come se fossero migliori delle altre persone. È successo anche ai giudei. Hanno avuto una vita migliore nelle cose naturali e terrene osservando la legge e i comandamenti.

Quindi, diciamo che tu parli a una persona generosa di diventare più generosa, per esempio. Se vivono secondo la legge e traggono nutrimento dalla legge, potrebbero guardarti e dire con tono offeso: “Perché mi parli così? Tu non sai quanto ho dato. Dovresti sapere quanto ho dato nella mia vita. Se parli di sofferenze. Dovresti sapere quanto ho sofferto. Nessuno ha sofferto quanto me!” E così via. Questa reazione è perché la loro generosità è basata sulla legge; sono giunti a una vita, ma è la loro vita. Non sono giunti a una nuova vita con Cristo e Dio; non sono giunti alla vita di Gesù.

Partecipazione alla vita di Gesù

Ma Paolo dice che dobbiamo morire. Dobbiamo essere “consegnati alla morte per amore di Gesù”. E morire a se stessi è una via completamente diversa che Gesù ha preparato per noi. Invece di diventare grandi e forti attraverso la legge. Possiamo sentire quella concupiscenza, quel desiderio, di sentirci migliori degli altri e di poter fare le cose meglio degli altri, e questo deve essere messo a morte. Questa è la morte di Cristo. La concupiscenza che è nella nostra carne, che vuole essere qualcuno e che vuole qualcosa. Quell’auto-glorificazione ed egoismo. Gesù lo odiava. È per questo che la chiamiamo la morte di Cristo, o “la morte del Signore Gesù”, perché è stato il primo ad usarla. (2 Corinzi 4:10.)

E dopo Gesù, Paolo e gli apostoli e gli altri credenti ne hanno compreso il significato. Che attraverso la potenza dello Spirito Santo, possiamo mettere a morte il peccato nel nostro corpo. “Infatti l’amore di Cristo ci costringe, perché siamo giunti a questa conclusione: che uno solo morì per tutti, quindi tutti morirono…” 2 Corinzi 5:14. E quando viene quella tentazione, tu la odi, e la metti a morte mediante la forza dello Spirito.

Allora vivrai, e la vita di Gesù sempre più si manifesta dal tuo corpo, affinché possa risplendere. Quello che era nel volto di Gesù Cristo può iniziare a splendere da te. (2 Corinzi 4:6.) A brillare non è una corona sulla tua testa, ma sono le virtù che si manifestano attraverso la tua vita. Allora arriverai a una nuova vita e a un’enorme benedizione.

Questo articolo è basato su un discorso di Kaare J. Smith del 30 Marzo, 2019.

.

Potresti essere anche interessato a leggere di più sulla nostra pagina tematica sull’essere un discepolo, o negli articoli selezionati:

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

Sono stato crocifisso con Cristo

Scritto da Elias Aslaksen

Questo opuscolo è basato sulle parole di Paolo in Galati 2:20: “Sono stato crocifisso con Cristo: non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me…” Qui Elias Aslaksen spiega cosa significa e come il lettore possa avere la stessa testimonianza di Paolo nella propria vita.