Come posso aiutare a portare i pesi di qualcuno sempre e ovunque

È l’unica cosa molto importante che posso sempre fare per le persone.

Scritto da Kathryn Albig
Come posso aiutare a portare i pesi di qualcuno sempre e ovunque

“Portate i pesi gli uni degli altri e adempirete così la legge di Cristo.” Galati 6:2.

Recentemente ho pensato a cosa significhi, “portare i pesi gli uni degli altri.”

Qualcuno che conosco ha recentemente attraversato un periodo difficile. A me sembra come se gli capitasse una cosa dopo l’altra e mi sono chiesta: “Come possono sopportarlo?” In un certo senso mi sono sentita abbastanza impotente, perché non vedevo modo per aiutarli.

Una cosa che posso sempre fare

Ma c’è una cosa che posso fare, una cosa che non dipende da alcun fattore al di fuori del mio controllo.

Posso pregare.

E veramente, questa è la cosa migliore che possa fare per qualcuno. Dovrebbe essere il mio primo istinto quando vedo un bisogno, non la mia ultima risorsa quando semplicemente non so cos’altro possa fare. Posso sostenere gli altri nella preghiera! “La preghiera efficace e fervente di un uomo giusto ha una grande efficacia,” scrisse Giacomo (Giacomo 5:16). Non è solo efficace, non solo leggermente utile. È molto utile.

Non riesco sempre a vedere i risultati delle mie preghiere, ma posso stare sicura che sono efficaci. La “coppa della sofferenza” che qualcuno sta bevendo non verrà necessariamente rimossa. Forse Dio sta permettendo loro di attraversare questa prova del fuoco per uno scopo, per la loro santificazione (1 Pietro 1:6-9). Ma le mie preghiere possono dare loro una forza aggiuntiva, possono sollevarli nel momento del bisogno in modo che possano sopportare il fuoco. Anche se non hanno avuto fede o forza per sé stessi, forse posso assumermi il compito di sostenere il carico per loro!

Una battaglia nel mondo degli spiriti

Se lo Spirito opera in me e mette qualcuno nel mio cuore, allora è un mio compito accettare questo ministero della preghiera. È una battaglia che devo combattere! Leggiamo in Efesini 6:18, “pregate in ogni tempo, per mezzo dello Spirito, con ogni preghiera e supplica; vegliate a questo scopo con ogni perseveranza. Pregate per tutti i santi.” E più avanti nel versetto 12 dice, “Il nostro combattimento infatti non è contro sangue e carne, ma contro i principati, contro le potenze, contro i dominatori di questo mondo di tenebre, contro le forze spirituali della malvagità, che sono nei luoghi celesti.” Efesini 6:12. Devo essere d’accordo nella battaglia contro queste schiere spirituali della malvagità, contro i tentativi di Satana di far sì che ci si disperi, si dubiti o ci si arrenda.

Mi sono sempre incuriosita di una storia in particolare, su Daniele. Un angelo andò da lui e gli disse che le sue parole – le sue preghiere – erano state ascoltate e che l’angelo aveva cercato di raggiungere Daniele. Ma “il principe del regno di Persia” – che secondo me è una forza spirituale – gli resistette per 21 giorni. Combatterono nel mondo degli spiriti finché l’arcangelo Michele non venne in aiuto e il principe di Persia fu vinto (Daniele 10:10-14). Questa storia mi ha aperto un po’ gli occhi su ciò che accade nel mondo degli spiriti. C’è una battaglia in corso lì, e credo che la preghiera abbia un ruolo enorme nel tenere a bada quei poteri degli spiriti maligni. Forse la mia preghiera può inviare “l’arcangelo Michele” in modo che la battaglia possa essere vinta! Forse non esattamente lui, ma il punto è che le mie preghiere possono rafforzare il lato del bene! Posso farlo anche per coloro che non hanno fede per sé stessi. Posso combattere per loro finché non giungono alla fede.

Adempiere la legge di Cristo

Questo è ciò che significa portare i pesi gli uni degli altri. Naturalmente, Dio può anche mostrarmi cose che posso effettivamente fare per le persone, modi in cui posso aiutare, ed è anche importante essere ubbidienti a questi suggerimenti. Ma la preghiera è la prima e più grande cosa che posso fare per qualcuno. E costruisce legami d’amore. Gesù ci ha comandato di “amarci gli uni gli altri; come io vi ho amati.” Giovanni 13:34. Lui ha anche detto,  “… in quanto lo avete fatto a uno di questi miei minimi fratelli, l’avete fatto a me.” Matteo 25:34-40. Questa vita di preghiera è un atto d’amore per le persone e così facendo, è un atto d’amore verso Gesù stesso. E questa è la seconda parte di quel versetto in Galati 6: 2 “…e adempirete così la legge di Cristo.”

Personalmente, ho ancora molta strada da fare, ma il mio desiderio è di poter entrare sempre più in una vita che porti pesi per gli altri. È un lavoro nascosto, un ministero nascosto, ma che può portare frutti straordinari.

 

Potresti essere interessato a saperne di più sul nostro our topic page about prayer, o nei seguenti articoli: