Diventare più di semplicemente una persona “migliore”

Reagivo continuamente alle cose in un modo che odiavo. Ecco come ho trovato la soluzione.

Scritto da Amber Tiede
Diventare più di semplicemente una persona “migliore”

Crescendo, sono sempre stato un “bravo ragazzo”. Ma maturando, sentivo che c’era di più nella vita che essere semplicemente “bravi”. Iniziai a sentire come se mancasse qualcosa, un desiderio di fare meglio. Qualcosa mi diceva che la vita dev’essere qualcosa di più che semplicemente soldi, successo, conoscenza o diventare il migliore in quello che mi piace.

Ed è diventato molto di più ora.

Volevo una vita genuina e autentica

Alla fine dei diciotto anni ed inizio dei vent’anni, ho sperimentato dei tempi duri e delle prove, ma avevo anche molto successo. Ho persino vinto un premio nazionale in design d’interni a 22 anni! Mi ricordo che alla nostra riunione di gruppo parlavano di essere un leader forte, di ribattere e molte altre cose benefiche, ma sentivo che mancava qualcosa.

Sulla superficie, vivevo una buona vita ma quello che volevo veramente era una vita completamente autentica e genuina, anche nelle aree dove nessun altro riusciva a vedere. E sapevo di non averlo ancora. Per dire la verità, dentro ero molto stressato, ansioso e avevo pretese verso gli altri. Questo di fatto mi rese estremamente infelice e la mia reazione fu che diventai molto comandante e duro. Vedevo l’effetto che avevo sulle altre persone e provavo a migliorare, ma all’interno, ero ancora pieno di tutte queste cose che mi rendevano infelice.

Per natura sono una persona altamente stressata, nervosa ed ansiosa. Divenne chiaro per me che nel lasciare che questi sentimenti mi controllassero, stavo anche cedendo ad altre cose come irritazione e impazienza con altre persone. Mi stavo facendo sopraffare da pensieri d’ansia, dimenticando di porre la mia fiducia in Dio. Si stava ponendo tra me e il mio desiderio di essere buono verso la gente. Per quanto provassi, finivo sempre col reagire in un modo che odiavo. Vedevo la mia irrequietudine interiore che mi teneva lontano dall’essere veramente felice.

Sapevo che c’era un modo in cui le cose potevano essere diverse. In chiesa vedevo così tanti buoni esempi: Persone che sapevo trovarsi in delle prove, ma che erano tuttavia in pace, e gentili e buoni verso gli altri. Provavo che erano esempi di come fosse stato Gesù. Volevo avere quello! Volevo anche essere misericordioso ed avere pace nelle mie situazioni.

Finalmente mi resi conto che non potevo cambiare e diventare veramente felice semplicemente provando ad essere “migliore” da solo. Quello di cui avevo veramente bisogno era chiedere aiuto a Dio per essere felice.

Imparare a pregare

Mi ricordai della storia di Gesù sul fariseo e il pubblicano. Il fariseo stava dove tutti potevano vederlo e diceva “O Dio, ti ringrazio che io non sono come questo pubblicano”. Ma il povero pubblicano era in bisogno davanti a Dio e pregava “O Dio, abbi pietà di me peccatore!” Forse non riusciva nemmeno ad esprimere a parole quale fosse la sua angoscia. (Luca 18:9-14) Questo è come mi sono sentito per la maggior parte della mia vita. Molte volte la mia preghiera è semplicemente il grido del mio cuore sebbene non riesca ad esprimere a parole questa angoscia. Ma adesso so che Dio sente le mie preghiere quando il mio desiderio è vero e genuino, esattamente come col pubblicano nella storia. Devo andare da Dio sapendo che non posso vincere nella mia propria forza, ma che dipendo disperatamente dal suo aiuto.

Nella mia angoscia e nel mio desiderio ho imparato come pregare veramente. Questo è quando le cose hanno iniziato a cambiare. Quando smisi di provare a controllare tutto e lo riposi nelle mani di Dio, questo è quando ricevetti pace. So che Dio sente le mie preghiere. So che lui le esaudisce. Non sempre nel modo in cui avevo sperato, ma lui mi dà grazia e forza. Si tratta di imparare ad accettare il piano di Dio per la mia vita invece di provare a forzare tutti i piani che ho per me stesso.

Così la mia preghiera è stata che Dio mi aiutasse a vincere queste cose interiori e poi le cose esteriori troveranno anche la loro collocazione. È qualcosa su cui sto ancora lavorando; non sono vicino all’essere perfetto in queste cose. Ma so che con l’aiuto di Dio, vengo perfezionato. Non vengo più controllato dallo stress e dall’ansia, e quando avrò finito completamente con queste, questa sarà la mia più grande vittoria!

“Non che io abbia già ottenuto tutto questo o sia già arrivato alla perfezione; ma proseguo il cammino per cercare di afferrare ciò per cui sono anche stato afferrato da Cristo Gesù.” Filippesi 3:12.

Posso essere trasformato!

Ora gestisco la mia attività e possono esserci giornate folli. Ma tramite tutte le mie situazioni, Dio mi sta insegnando. Un versetto che mi viene spesso in mente è “Fermatevi”, dice, “e riconoscete che io sono Dio.” Salmi 46:10. Ho imparato a porre tutta la mia fiducia in lui, sapendo che lui ha il pieno controllo. Quando scelgo di porre tutti i dettagli della mia vita nelle mani di Dio, posso essere grato e felice per gli altri e per le situazioni e i problemi della vita. Ho capito che non devo semplicemente provare ad essere una persona migliore, ma che posso essere trasformato interiormente; posso diventare come Gesù che mostrò solamente bontà, amore e misericordia in ogni situazione!

La vita ha così tanto significato ora. Adesso capisco che il desiderio e il vuoto che sentivo dentro crescendo era Gesù stesso che mi chiamava a diventare come lui! So che questo è vero perché vivere con questo obbiettivo mi ha reso assolutamente, veramente e profondamente felice.

Ovviamente ci sono altre cose mi rendono felice, come musica, arte, fiori, ecc. Ma alla fine tutte quelle cose sono temporanee. Una pace vera e duratura viene dall’avere un rapporto personale con Gesù e cercando le cose che hanno eterno valore.

“Fratelli miei, considerate una grande gioia quando venite a trovarvi in prove svariate, sapendo che la prova della vostra fede produce costanza.  E la costanza compia pienamente l’opera sua in voi, perché siate perfetti e completi, di nulla mancanti”. Giacomo 1:2-4. 2-4.

 

Puoi leggere ulteriori storie che rafforzano la fede e storie d’ispirazione nella sezione Testimonianze. Qui di seguito alcuni articoli che possono interessarti:

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

Una tale grande salvezza

Scritto da Sigurd Bratlie

L’apostolo che scrisse il libro di Ebrei la chiamò “una parola d’esortazione” Lo scopo di questo opuscolo è di ampliare ed estendere quella esortazione, portando fede e salvezza a tutti coloro che hanno una vocazione celeste. Tutti coloro che seguono l’esortazione della lettera agli Ebrei possono raggiungere questa grande salvezza.