Che cos'è il peccato?

Che cos'è il peccato?

Che cosa significa che "abbiamo il peccato," ed è possibile farci qualcosa?

Il peccato è il punto attorno al quale ruota tutto. Gesù è venuto a motivo del peccato e noi abbiamo bisogno della salvezza a motivo del peccato (Romani 8:3-4). A causa del peccato, continuiamo a vivere dopo essere stati salvati, così che attraverso la fedeltà e la sofferenza esso diminuirà, sia in noi stessi che negli altri.

Tutti abbiamo il peccato

Per via della caduta, ogni essere umano ha le leggi del peccato innate nel suo corpo già dalla nascita, ed è quindi in contrasto con Dio e le sue leggi (1 Giovanni 1:8). Non c'è condanna per questo peccato finché non obbediamo consapevolmente alle sue concupiscenze, perché la forza del peccato è nella legge, e dove non c'è legge (assenza di luce), il peccato non viene imputato (Romani 4:15; Romani 5:12 -13). Con il suo Spirito, Dio convince una persona delle sue cattive azioni una volta che è divenuta un essere cosciente, e dopodiché salva quella persona mediante la sua parola. Tuttavia, se non vuole essere salvata, tale persona finirà necessariamente nella perdizione. D'altra parte, se si umilia davanti a Dio, allora Dio ha un buon fondamento su cui può perdonare ogni peccato (cioè che suo Figlio, Gesù Cristo, ha sofferto ed è morto al posto nostro).

Credendo in questa perfetta opera di espiazione, siamo purificati da ogni peccato; cioè, tutte le nostre precedenti cattive azioni vengono cancellate. Tuttavia, la causa principale del male (la legge del peccato nelle nostre membra) non viene eliminata in alcun modo. Non ce ne liberiamo in un istante; è un processo continuo di sofferenza che dura tutta la vita.

La tentazione non ci porta necessariamente al peccato!

La legge del peccato nelle nostre membra è il peccato innato, passivo. Dimora nella carne, da dove pretende il suo diritto facendo appello alla mente per accettare le sue concupiscenze. Questo è ciò che significa essere tentati, ma la tentazione non porta al peccato a meno che la mente non accetti di cedere alla tentazione (Giacomo 1:14-15). Vediamo che la causa della tentazione è il peccato nella carne, che vi rimarrà finché saremo nel corpo. Questo ci dà l'opportunità di essere tentati e messi alla prova, di vincere e di crescere verso una perfezione sempre crescente (Giacomo 1:2-4,12).

Tuttavia, possiamo avere la vittoria su ogni manifestazione cosciente del peccato non permettendo alla mente di accettare la tentazione. Così la carne è sotto pressione, perché le sue concupiscenze non sono soddisfatte. Rimanendo fermamente decisi nella nostra mente e soffrendo piuttosto nella carne, rinunciamo al peccato (1 Pietro 4:1-2). Non finiamo con tutti i peccati immediatamente, ma a poco a poco. Di conseguenza, non commettiamo peccati consapevoli, ma la radice del peccato viene logorata, così il corpo del peccato stesso viene gradualmente distrutto.

“Opere del corpo”

La legge del peccato nelle nostre membra produce ancora un certo tipo di peccato: le opere del corpo. Appaiono in aree in cui non abbiamo ricevuto luce. È nella natura della carne fare la volontà del peccato, ma poiché la mente non vi ha acconsentito, non c'è condanna per questo tipo di azioni (Romani 7:21-24; Romani 8:1). Tuttavia, quando queste azioni ci vengono rivelate dalla luce di Dio, devono essere portate nella morte dallo Spirito (Romani 8:13).

Due cose sono necessarie per essere liberati dal peccato, così possiamo fonderci insieme a Dio: il sangue purificatore e una vita che è "crocifissa con Cristo".

Questo articolo è stato tradotto dal norvegese ed è stato pubblicato per la prima volta con il titolo "Il peccato" nel periodico Skjulte Skatter (Tesori nascosti) nel marzo 1930. Alcuni versetti biblici sono stati aggiunti come riferimento.
© Copyright Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag | ActiveChristianity

Questo post è disponibile in

Se non indicato diversamente, le scrittura sono riprese da La Nuova Riveduta®. Tutti i diritti riservati.