Chi ha bisogno di aiuto nella tentazione?

Chi ha bisogno di aiuto nella tentazione?

Molti vogliono liberarsi della colpa del peccato che li opprime. Ma come eviteranno una nuova colpa del peccato in futuro?

"Infatti, poiché egli stesso ha sofferto la tentazione, può venire in aiuto di quelli che sono tentati." Ebrei 2, 18.

Possiamo domandarci: Chi ha bisogno di aiuto nella tentazione?

Si deve trattare di coloro che sono giunti a fede che sia possibile vincere nella tentazione. Se l'intenzione non è sconfiggere la tentazione, per cosa serve loro allora l'aiuto? Chi non crede nella vittoria nell'ora della tentazione, non ha alcun bisogno di aiuto nella tentazione.

"Beato l'uomo che sopporta la prova; perché, dopo averla superata, riceverà la corona della vita, che il Signore ha promessa a quelli che lo amano. Nessuno, quand'è tentato, dica: «Sono tentato da Dio»; perché Dio non può essere tentato dal male, ed egli stesso non tenta nessuno; invece ognuno è tentato dalla propria concupiscenza che lo attrae e lo seduce. Poi la concupiscenza, quando ha concepito, partorisce il peccato; e il peccato, quando è compiuto, produce la morte." Giacomo 1, 12-15.

Qui vediamo che è fattibile e che è pienamente possibile per una persona resistere nella tentazione quando si è attratti e sedotti dalla propria concupiscenza. La croce impedisce alla concupiscenza e alla mente di fondersi e così non viene partorito il peccato. La corona della vita attende chi vince le passioni nella carne. Vengono incoronati con la vita, incoronati con vera gioia. Per fede la carne con le sue passioni e le sue concupiscenze può essere crocefissa. Galati 5, 24. Chi in verità appartiene a Cristo sperimenta proprio questo.

Aiuto nella salvezza!

Dio non è tentato dal male, abbiamo letto. Ma di Gesù sta scritto che lui "è stato tentato". Quindi Gesù era una persona nelle nostre stesse condizioni, nonostante fosse il Figlio di Dio. Questo significa che anche lui poteva essere attratto e sedotto dalle concupiscenze che abitavano nel suo corpo terreno, ma conquistò sempre la vittoria, e rimase in piedi completamente puro e incontaminato dal peccato.

"Perciò, egli doveva diventare simile ai suoi fratelli in ogni cosa, per essere un misericordioso e fedele sommo sacerdote nelle cose che riguardano Dio, per compiere l'espiazione dei peccati del popolo." Ebrei 2, 17.

Molte persone dicono che si sono convertite a Gesù perché sentivano di aver bisogno di lui.

Ma per cosa avevano bisogno di lui? Desideravano liberarsi dalla colpa del peccato che li opprimeva. Questo è positivo, ma come eviteranno in futuro una nuova colpa del peccato se non giungono alla vittoria sul peccato?

Hai bisogno di Gesù come sacrificio espiatorio, ma hai bisogno di lui anche come un sommo sacerdote misericordioso? Hai bisogno di uno che è stato lui stesso sottoposto alla debolezza di essere debole per le tentazioni? (Ebrei 5, 2.) Hai bisogno del suo aiuto nella tentazione?

Hai bisogno di lui come precursore ed esempio, in modo che tu possa seguirlo nelle sue orme, lui che non commise peccato? (1. Pietro 2, 21-22.)

"Poiché dunque Cristo ha sofferto nella carne, anche voi armatevi dello stesso pensiero, che, cioè, colui che ha sofferto nella carne rinuncia al peccato, per consacrare il tempo che gli resta da vivere nella carne, non più alle passioni degli uomini, ma alla volontà di Dio." 1, Pietro 4, 1-2.

La fede e il pensiero che sia possibile scegliere di soffrire invece di peccare, così come fece Cristo nei giorni della sua carne, con la stessa carne come me, diventa un'arma potente nella lotta contro il peccato.

Gesù si alzò dai morti e ruppe le catene della morte. Per mezzo di questa forza di resurrezione noi credenti siamo rinati ad una speranza viva: grazia e aiuto nella tentazione per vincere su tutto il male che abita nella nostra carne. (1. Pietro 1, 3-6.) Questa è la via per una vita felice.

Questo post è disponibile in

Se non indicato diversamente, le scrittura sono riprese da La Nuova Riveduta®. Tutti i diritti riservati.