Passa al contenuto

Come possiamo considerarci morti al peccato?

Tutti noi sperimentiamo la tentazione al peccato, ma per vincere dobbiamo intraprendere delle azioni!
How can we reckon ourselves dead to sin? Romans 6:11

“Non regni dunque il peccato nel vostro corpo mortale per ubbidire alle sue concupiscenze.” Romani 6:12.

Il peccato (la concupiscenza) è nascosta nel corpo. La tentazione suscita il peccato, ma noi non dobbiamo mai permettergli di regnare. Non appena siamo consapevoli di una concupiscenza, dobbiamo fare conto di essere morti al peccato. (Romani 6:11) È così che possiamo vivere sempre una vita vittoriosa. Ogni persona è tentata quando viene attratta e sedotta dalla propria concupiscenza. (Giacomo1:14) Tuttavia, essere tentati non è peccato. Come dice Pietro: “Perciò voi esultate anche se ora, per breve tempo, è necessario che siate afflitti da svariate prove, affinché la vostra fede, che viene messa alla prova, che è ben più preziosa dell’oro che perisce, e tuttavia è provato con il fuoco, sia motivo di lode, di gloria e di onore al momento della manifestazione di Gesù Cristo.”  1 Pietro 1:6-7.

“Ma io vi dico che chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore.” Matteo 5:28. Nota: “per desiderarla.” La legge diceva: Non desiderare [concupire]. (Esodo 20:17) Ma quest’uomo aveva guardato ad una donna per desiderarla. Lui era d’accordo col desiderio nelle sue membra invece di considerare se stesso morto a questa concupiscenza. Lui serviva la legge del peccato nella sua mente e per questa ragione commise adulterio nel suo cuore. L’apostolo Paolo disse di aver servito la legge di Dio con la sua mente. (Romani 7:25)

Giacomo chiede, “Da dove vengono le guerre e le contese tra di voi?  Non derivano forse dalle passioni che si agitano nelle vostre membra? Voi bramate e non avete.” Giacomo 4:1-2. Le concupiscenze generano una guerra nelle nostre membra fino a tal punto che c’è un combattimento e una lotta nelle assemblee cristiane perché le persone non si considerano morte a questi desideri.

Dobbiamo resistere attivamente al peccato non appena ne veniamo a conoscenza, e lo facciamo resistendo alla concupiscenza. Non eravamo in grado di fare questo sotto la legge, perché la legge diventa efficace soltanto dopo che il peccato si è manifestato. “Infatti, ciò che era impossibile alla legge, perché la carne la rendeva impotente, Dio lo ha fatto; mandando il proprio Figlio in carne simile a carne di peccato e, a motivo del peccato, ha condannato il peccato nella carne.” Romani 8:3.

Il lavoro di Dio in Cristo è andato più in profondità della legge; questo lavoro ha avuto luogo nel corpo di Gesù. Lì la concupiscenza stessa (o il peccato nella carne) è stata condannata. Ecco perché Gesù ha detto: “«Voi avete udito che fu detto: “Non commettere adulterio”. Ma io vi dico che chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore.” Matteo 5:27-28.

Gesù è venuto per distruggere le opere del diavolo. Lo ha fatto vincendo in ogni tentazione che ha incontrato, attraverso la forza dello spirito eterno che dimorava in lui.  In questo modo ha sofferto la morte nella carne (lui ha sofferto quando è stato tentato), ma in cambio è stato reso vivente dallo Spirito.

Durante il nostro addestramento nella pietà, mentre combattiamo il buon combattimento della fede contro le concupiscenze nelle nostre membra, abbiamo Gesù Cristo come nostro fedele sommo sacerdote, perché lui stesso è stato tentato e può quindi venire in nostro aiuto.

Solo coloro che sono crocifissi con Cristo sperimentano questa battaglia e questa vittoria. Nessun altro può diventare una sola carne con Lui, né nel suo disonore né nella sua gloria. Questo è un grande mistero: Lo sposo e la sposa – Cristo e la chiesa – una sola carne.


Questo articolo è stato tradotto dal norvegese ed è stato pubblicato per la prima volta sotto il titolo “Resisti alle concupiscenze nella carne” nel periodico “
Skjulte Skatter” (“Tesori Nascosti”) nell’aprile 1928.
© Copyright Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag

Insegnamenti chiave

Scopri come la Parola di Dio ci sfida e ci rende capaci di vivere una vita al 100% in accordo con la sua volontà, in modo che non dobbiamo più cadere nel peccato, ma possiamo giungere a una vita di vittoria.

Scarica ebook gratis

Sono stato crocifisso con Cristo

Questo opuscolo è basato sulle parole di Paolo in Galati 2:20: “Sono stato crocifisso con Cristo: non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me…” Qui Elias Aslaksen spiega cosa significa e come il lettore possa avere la stessa testimonianza di Paolo nella propria vita.

Seguici