This website uses cookies to recognize repeat visits and preferences, to provide social media features and to analyze traffic. By clicking “I Accept,” or by using our site, you consent to the use of cookies and our Terms of Use.
Quando scoppiò una guerra nel cielo

Quando scoppiò una guerra nel cielo

“Michele e i suoi angeli combattevano contro il drago. Il drago combatteva insieme con i suoi angeli, ma non prevalsero e non ci fu più posto per essi in cielo."

“Scoppiò quindi una guerra nel cielo: Michele e i suoi angeli combattevano contro il drago. Il drago combatteva insieme con i suoi angeli, ma non prevalsero e non ci fu più posto per essi in cielo. Il grande drago, il serpente antico, colui che chiamiamo il diavolo e satana e che seduce tutta la terra, fu precipitato sulla terra e con lui furono precipitati anche i suoi angeli.” Apocalisse 12:7-9.

L'inizio della storia

Molto tempo fa, prima che la terra fosse creata, non c'erano persone, solo innumerevoli angeli in cielo, che aiutavano e servivano Dio. Tra loro c'era Lucifero, un cherubino (un angelo con le ali spiegate) che era "un modello di perfezione, pieno di sapienza, perfetto in bellezza." (Ezechiele 28:12). Aveva un compito importante in cielo e molti lo ammiravano. Ma col tempo, iniziò a pensare che forse avrebbe potuto guadagnare qualcosa da questo onore; forse avrebbe potuto diventare persino più grande di Dio. (Isaia 14:13.)

Con questi pensieri di grandezza nel suo cuore, attirò a sé altri angeli che volevano guadagnare pure qualcosa per se stessi invece di offrire ogni onore a Dio. (Apocalisse 12:7.) In seguito, anche Lucifero (ora noto come Satana) si decise di ingannare gli esseri umani, per allontanarli da Dio e portarli nella sua via di orgoglio e distruzione. Riuscì in questo suo intento al suo primo tentativo, ingannando Adamo ed Eva facendo appello al loro senso di orgoglio, al voler avere la stessa capacità di discernere tra il bene e il male come Dio stesso. Così Satana si affermò come un accusatore dell'umanità, e dal giorno in cui tentò Adamo ed Eva fino al giorno in cui Gesù morì alla croce, andava per la terra e si presentava al trono di Dio in cielo per accusare le persone. Anche la legge che Dio diede al suo popolo per guidarlo nelle sue vie diede a Satana le basi per le sue accuse, poiché nessuno poteva osservare tutta la legge senza peccare. (Giobbe 1:7; Romani 3:20).

Tuttavia, quando Gesù venne sulla terra come uomo, non peccò mai, nemmeno una volta! (1 Pietro 2:22; Ebrei 4:15). La morte non aveva potere su di lui, perché il salario del peccato è la morte e può avere presa solo su qualcuno che ha commesso peccato. (Romani 5:12; Romani 6:23). Gesù ha inaugurato una via attraverso la sua carne mediante la potenza dello Spirito Santo e ha vinto completamente il peccato nella carne in ogni punto. Morendo alla croce, ha pagato il prezzo per noi e ha inaugurato una via affinché anche noi possiamo seguirlo. La sua risurrezione dai morti ha dimostrato il suo trionfo eterno su Satana, il peccato e la morte. Gesù è diventato un avvocato per coloro che vogliono seguirlo allo stesso modo attraverso la carne!

Così scoppiò la guerra in cielo

Grazie all'enorme sacrificio di Gesù e del suo trionfo su Satana, non c'era più posto per l'accusatore in cielo. Perciò scoppiò una guerra in cielo. L'arcangelo Michele e i suoi angeli combattevano contro Satana e i suoi seguaci. Ora non c'era spazio o motivo di divisione in cielo: era un giorno di decisioni! Ora Dio poteva gettare Satana sulla terra, insieme a quegli angeli che lo avevano seguito e si erano ribellati a Dio. (Apocalisse 12:7-9.)

Questo evento è accaduto molto tempo fa, ma ha ancora un grande significato per noi oggi. La battaglia tra orgoglio e umiltà è il filo conduttore della storia di tutta l'umanità.

Satana è ancora attivo sulla terra oggi, come lo sono tutti quegli angeli che furono scacciati dal cielo. Sono ciò che la Bibbia chiama le schiere degli spiriti del male e la loro missione è distruggere quante più vite possibili. (Efesini 6:12; Giovanni 10:10; 1 Pietro 5:8). Lo fanno usando l'unico strumento che comprendono: l'orgoglio, che è egoismo; vivere per me stesso prima di tutto. Per natura, siamo attratti a cercare i nostri interessi. Satana è un maestro nell'usare ciò da cui siamo attratti - le nostre debolezze - per cercare di convincerci che saremo felici quando avremo ciò che vogliamo. Lui cerca persino di convincerci che le nostre azioni saranno giustificate se otteniamo i nostri "diritti", anche se dobbiamo ferire o distruggere gli altri nel processo.

Ma finché ci sono persone sulla terra che amano Dio sopra ogni altra cosa, Satana non può essere completamente vittorioso. E quelli che resistono ancora a Satana hanno un'arma tremenda da usare contro di lui. Satana e le sue schiere sono pieni di spirito di orgoglio. Non hanno assolutamente alcuna comprensione del valore dell'essere umili!

Il potere dell'umiltà

“Abbiate in voi gli stessi sentimenti che furono in Cristo Gesù, il quale, … apparso in forma umana, umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce. Per questo Dio l'ha esaltato e gli ha dato il nome
che è al di sopra di ogni altro nome.” 
Filippesi 2:5,8.

Gesù si è sempre umiliato! In Filippesi 2:2-3 leggiamo chiaramente come visse la sua vita mostrando misericordia, essendo pieno d'amore, non facendo nulla per ambizione o presunzione egoistica e considerando gli altri superiori a se stesso. Ci ha lasciato un chiaro esempio di come usare il nostro corpo per piacere a Dio.

Non è naturale per noi umiliarci perché siamo stati tutti contaminati dall'egoismo in una certa misura. Ma leggiamo nella parola di Dio che se ci umiliamo sotto la sua potente mano, allora Dio ci darà anche la grazia e ci esalterà al tempo opportuno. (1 Pietro 5:5-6). Gesù ci ha mostrato che quando ci prendiamo l’impegno di abbassarci, riconoscere i nostri peccati e chiedere aiuto a Dio, diventiamo in realtà grandi! È venuto come servitore ed è diventato il nostro Salvatore con un nome al di sopra di ogni nome. Lui ci ha mostrato che quando ci impegniamo a obbedire a Dio a costo di tutto noi stessi, allora Dio ci ricompenserà giustamente e riccamente per la nostra fedeltà! Questo è estremamente potente, perché questo atteggiamento di umiliarsi è completamente contrario alla superbia di Satana.

Scegli la parte vincente!

In questa grande battaglia che si sta combattendo tra Satana (orgoglio) e Gesù (umiltà), tutti dobbiamo scegliere da che parte stare. Possiamo usare il nostro corpo per servire Dio o per servire Satana e le sue schiere. Pertanto, le scelte che facciamo nelle nostre situazioni quotidiane hanno effettivamente un significato eterno! Nella Bibbia sta scritto che lo Spirito Santo e la carne sono contrari l'uno all'altro. (Galati 5:17). Le concupiscenze nella nostra carne, che sono ciò che Satana usa per tentarci, vogliono che viviamo per noi stessi. (Giacomo 1:14). In uno spirito di orgoglio, la nostra carne sostiene di sapere meglio le cose e che Dio è una menzogna.

Tuttavia, lo Spirito ci spinge a fare la volontà di Dio - a negare le nostre concupiscenze e a vivere per Lui. Lui opera in noi di rinunciare ai nostri desideri egoistici e fare sacrifici per benedire gli altri. Ci porta ad andare contro i nostri sentimenti e a fare ciò che sappiamo essere giusto. Ci esorta a umiliarci e a lasciare che Dio ci liberi dall'egoismo e dal peccato. Poi, passo dopo passo, ci liberiamo da tutto l'orgoglio che abita in noi.

Le scelte che facciamo nelle nostre circostanze - sia quelle semplici e quotidiane che quelle grandi e difficili - hanno un significato enorme in questa grande battaglia tra orgoglio e umiltà! Se siamo fedeli e proseguiamo su questa via verso il basso, allora siamo esempi di persone che vanno sulla stessa via di Gesù: la via dell'umiltà. Che possano essere in tanti a scegliere questa via in questa grande battaglia!

Se non indicato diversamente, le scrittura sono riprese da La Nuova Riveduta®. Tutti i diritti riservati.