This website uses cookies to recognize repeat visits and preferences, to provide social media features and to analyze traffic. By clicking “I Accept,” or by using our site, you consent to the use of cookies and our Terms of Use.
Futuro e speranza

Futuro e speranza

Nella nostra vocazione celeste, abbiamo una sola speranza ed è in Cristo. Ma lì abbiamo speranza e futuro nella gloria più grande ed eterna.

«Infatti io so i pensieri che medito per voi", dice il SIGNORE: "pensieri di pace e non di male, per darvi un avvenire e una speranza. Voi m'invocherete, verrete a pregarmi e io vi esaudirò. Voi mi cercherete e mi troverete, perché mi cercherete con tutto il vostro cuore.» Geremia 29:11-13.

Dio è sempre andato incontro alle persone dal cuore intero per lui con i suoi buoni pensieri. Così è stato sia nel vecchio sia nel nuovo patto. Ha dato loro un futuro e una speranza. Se Dio ha solo buoni pensieri di pace su di noi e non di male, allora abbiamo tutte le ragioni per rallegrarci nella speranza di un futuro luminoso e glorioso.

La garanzia di Dio per il futuro e la speranza

Se oggi chiedi alle persone quali siano le loro speranze per il futuro, di solito non è molto brillante. La maggior parte delle persone vede un buio privo di speranza. La loro esperienza è che le loro varie speranze siano andate in frantumi nel tempo. Invece della gioia nella speranza che ci sorregge nel combattimento, si riempiono di inquietudine, scoraggiamento, ansia, disperazione e sospetti malvagi e la mente è piena di buio e di pensieri inquieti di ogni genere.

«Anima mia, trova riposo in Dio solo, poiché da lui proviene la mia speranza. Egli solo è la mia rocca e la mia salvezza; egli è il mio rifugio; io non potrò vacillare.» Salmi 62:5-6. È solo in Dio che la nostra anima turbata può essere calma. Nella speranza che viene da lui, non saremo svergognati. Se lui solo è la nostra roccia, la nostra salvezza e il nostro rifugio, allora siamo irremovibili nella nostra speranza e nella nostra gioia. In questo rifugio siamo ben protetti e abbiamo pace. Dio garantisce che l'uomo di pace abbia una discendenza, (Salmi 37:37), poiché nessuna parola di tutte le buone parole che il Signore aveva dette è caduta in terra, si sono tutte compiute. (Giosuè 21:45.)

Se non si è zelanti contro i peccatori ma nel timore del Signore, Dio dice: «Poiché c'è un avvenire, e la tua speranza non sarà delusa.» Proverbi 23:17-18.

In Proverbi 24:14 sta scritto: «Così conosci la saggezza per il tuo bene!
Se la trovi, c'è un avvenire, e la tua speranza non sarà delusa.»

«Or il Dio della speranza vi riempia di ogni gioia e di ogni pace nella fede, affinché abbondiate nella speranza, per la potenza dello Spirito Santo.» Romani 15:13.

È il Dio della speranza che è il nostro vero Padre e consolatore. Lui è disposto a darci molto e non solo poco. Ci riempirà di ogni gioia e pace. Nella fede e nella potenza dello Spirito Santo possiamo aprirci a questa ricca pienezza. Nella nostra speranza non saremo svergognati. Quando Paolo scrive che condivideremo una gloria che non tramonta, dice: "Avendo dunque una tale speranza, ci comportiamo con molta franchezza." 2 Corinzi 3:12. Anche in questa nostra grande franchezza non saremo svergognati.

Ciò che era impossibile ora è diventato possibile

«Così, qui vi è l'abrogazione del comandamento precedente a motivo della sua debolezza e inutilità (infatti la legge non ha portato nulla alla perfezione); ma vi è altresì l'introduzione di una migliore speranza, mediante la quale ci accostiamo a Dio.» Ebrei 7:18-19.

La debolezza e inutilità della legge che non poteva condurre alla perfezione è stato messo da parte. Ora, nel potere della vita incorruttibile, possiamo avvicinarci a Dio in una speranza migliore. In questa migliore speranza è possibile ciò che era impossibile alla legge. (Romani 8:3.)

Ora speriamo di prendere parte alle promesse più preziose e di prendere quindi parte alla natura divina. (2 Pietro 1:3.) Non saremo neanche svergognati nella nostra speranza di diventare eredi di Dio e coeredi di Cristo, se soffriamo con lui, per essere anche glorificati con lui. (Romani 8:17.)

Finché persevereremo nella fede, fondati e saldi e senza lasciarci smuovere dalla speranza del vangelo, Cristo ci farà comparire davanti a sé santi, senza difetto e irreprensibili. (Colossesi 1:22-23.) È solo mediante l'obbedienza al Vangelo che può avvenire una tale trasformazione. Qui dobbiamo pregare per ottenere occhi illuminati del nostro cuore, cosicché possiamo capire a quale speranza ci ha chiamati e quanto sia ricca di gloria la sua eredità tra i santi. (Efesini 1:18.)

Futuro e speranza celesti

Nel nuovo patto non abbiamo alcuna promessa di ricchezze terrene, di grandezza, onore e potere. Ma ci è promessa una pace e una gioia interiore incrollabile in tutte le condizioni della vita. Se abbiamo gettato l'ancora della speranza nel cielo stesso, abbiamo il paradiso nei nostri cuori per ora e per sempre.

Paolo esorta Timoteo di ordinare ai ricchi in questo mondo di non essere d'animo orgoglioso, di non riporre la loro speranza nell'incertezza delle ricchezze, ma in Dio, che ci fornisce abbondantemente di ogni cosa perché ne godiamo; che facciano del bene, si arricchiscano di opere buone, siano generosi nel donare, pronti a dare, così da mettersi da parte un tesoro ben fondato per l'avvenire, per ottenere la vera vita. (1 Timoteo 6:17-19.)

«Infatti l'amore del denaro è radice di ogni specie di mali; e alcuni che vi si sono dati, si sono sviati dalla fede e si sono procurati molti dolori.» 1 Timoteo 6:10.

Tutte le ricchezze e la gloria terrene ci danno solo speranza per un futuro incerto con inquietudine e preoccupazione. Nella nostra vocazione celeste, abbiamo una sola speranza, ed è in Cristo. Là abbiamo speranza e futuro nella gloria più grande ed eterna.

Se non indicato diversamente, le scrittura sono riprese da La Nuova Riveduta®. Tutti i diritti riservati.