Passa al contenuto

Gesù ha davvero detto che dobbiamo odiare i nostri genitori?

Odio è una parola forte. Dobbiamo odiare davvero padre e madre, moglie e figli, fratelli e sorelle, e persino noi stessi?
What does Jesus mean that we should hate father and mother? Luke14:26

Odiare padre e madre?

“Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e persino la sua propria vita, non può essere mio discepolo.” Luca 14:26.

È abbastanza ovvio che Gesù non voleva dire che dobbiamo disprezzare nostro padre e nostra madre, perché sta anche scritto che onorare tuo padre e tua madre è il primo comandamento con promessa.

Perché la Bibbia sembra contraddirsi? Che cosa intende Gesù? Perché usare un linguaggio così forte?

“Diventa mio discepolo”

Essere discepoli di Gesù significa seguirlo dove lui ci conduce. Per farlo abbiamo degli strumenti a nostra disposizione. Abbiamo la Parola di Dio, che è la guida per come dovremmo vivere, e abbiamo lo Spirito Santo che ci insegna e ci guida. Questa è la guida che dovremmo seguire per essere discepoli.

Ciò significa che se altre persone ci danno dei consigli, opinioni o conforto contrari a ciò a cui ci conduce lo Spirito, allora dobbiamo prendere la decisione, a volte dura o spiacevole, di rimanere fermi nel nostro impegno di essere obbedienti alla nostra fede. Gesù ci dice qui che dobbiamo essere disposti a rinunciare a qualsiasi cosa per essere suoi discepoli.

La stessa cosa vale per qualsiasi relazione o amicizia. Il prezzo per essere un discepolo è che Gesù deve sempre venire prima. Quindi se questo significa che dobbiamo fare una netta separazione tra noi e gli altri, allora questo è proprio quello che dobbiamo fare.

Amici e famiglia possono cercare di convincerci che qualcosa “non è così male” o che possiamo fare qualcosa che sappiamo nei nostri cuori essere sbagliato per noi come discepoli. Quando ciò accade, dobbiamo porre il nostro discepolato al di sopra di tutto il resto. Dobbiamo essere fermi e chiarire la nostra posizione e non lasciarci influenzare da loro. Questo è il momento in cui dobbiamo odiare madre e padre, amici e tutto ciò che si presenta sulla via del discepolato. Questo è mettere Gesù al primo posto e amarlo sopra ogni altra cosa.

Non è sempre facile. Spesso dobbiamo rinunciare a qualcosa a cui vogliamo naturalmente aggrapparci. Forse sappiamo che le persone senza un senso spirituale penseranno pensieri inferiori di noi, o perderemo una relazione. Ma Gesù disse pure: “E chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi a causa del mio nome, ne riceverà cento volte tanto, ed erediterà la vita eterna.” Matteo 19:29.

Leggi di più qui: I cristiani non dovrebbero seguire Cristo?

Dovremmo odiare le nostre vite?

E quando Gesù dice che dovremmo odiare anche la nostra vita, non sta incoraggiando la bassa autostima. Parla della nostra ragione umana e dei nostri sentimenti che spesso cercano di convincerci ad andare contro quello che lo Spirito ci guida a fare e di cui siamo a conoscenza nel nostro cuore. Spesso ci sono cose a cui dobbiamo rinunciare che non hanno nulla a che fare con altre persone. Quando vediamo quanto siamo pigri, o quanto siamo ostinati, o egoisti, o orgogliosi, allora non è questo qualcosa che dobbiamo odiare? Non abbiamo bisogno di amare Gesù più di queste cose per poterlo seguire e imparare da lui l’autocontrollo, l’amore, l’umiltà, la gentilezza, ecc.?

Ciò che sta come fondamento a tutto è che abbiamo bisogno di amare Gesù a tal punto che siamo disposti a metterlo al di sopra di tutto il resto. Questo è ciò che significa odiare padre e madre, e anche la nostra stessa vita. Gesù ci ha amato così tanto che ha rinunciato al suo posto in cielo per noi. Niente a cui dobbiamo rinunciare è paragonabile a questo. E questo rapporto d’amore reciproco ci darà molto di più di quanto dobbiamo mai perdere.

“Perché la nostra momentanea, leggera afflizione ci produce un sempre più grande, smisurato peso eterno di gloria, mentre abbiamo lo sguardo intento non alle cose che si vedono, ma a quelle che non si vedono;  poiché le cose che si vedono sono per un tempo, ma quelle che non si vedono sono eterne.” 2 Corinzi 4:17-18.

Potresti essere interessato a leggere di più sulla nostra pagina tematica sulla vita del discepolo, o nei seguenti articoli:

Ammiratore o seguace?

What would you do if Jesus asked you to give up everything?

Insegnamenti chiave

Scopri come la Parola di Dio ci sfida e ci rende capaci di vivere una vita al 100% in accordo con la sua volontà, in modo che non dobbiamo più cadere nel peccato, ma possiamo giungere a una vita di vittoria.

Scarica ebook gratis

Sono stato crocifisso con Cristo

Questo opuscolo è basato sulle parole di Paolo in Galati 2:20: “Sono stato crocifisso con Cristo: non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me…” Qui Elias Aslaksen spiega cosa significa e come il lettore possa avere la stessa testimonianza di Paolo nella propria vita.

Seguici