Non riesco a sentire se non ascolto

Come scoprire quello che lo Spirito mi sta dicendo.

Scritto da Maggie Pope
Non riesco a sentire se non ascolto

Ho fatto qualcosa di insolito per una donna di mezza età nel Regno Unito. Ho trascorso un fine settimana in un rifugio in mezzo al nulla. Non potevo vedere edifici, sentire persone e non avevo connessione Wi-Fi.

Per dire la verità, avevo molto da fare. Avevo portato i miei libri e un laptop per mettermi a scrivere seriamente dato che avevo una scadenza in arrivo e non ero pronta. Quello di cui avevo bisogno, pensai, era un posto totalmente privo di distrazioni e contatti umani dove potevo semplicemente completare le cose.

Avevo anche portato la mia Bibbia; sarebbe stato così bello sedere al tramonto e lentamente voltare le pagine e meditare sulla Parola di Dio. Molto più tranquillo che cercare versetti sull’app del mio smartphone. Ma quello che avvenne fu una rivelazione per me, una scossa su quanto avevo fatto diventare impegnata la mia vita di pensieri.

Hai un bisogno?

Da giovane mamma ero abbastanza impegnata, molto, ma il passo febbrile della vita familiare e i sentimenti di bisogno mi portarono ad assegnare un paio di minuti la mattina o la sera tardi per assorbire versetti dalla Bibbia – erano la mia ancora di salvezza e mi davano coraggio. Con l’età diventai più matura nella mia comprensione e la reazione impulsiva a situazioni difficili diminuì. Questa è una buona cosa; ma lungo il percorso, quando diventiamo più competenti a volte perdiamo il bisogno che ci spingeva a cercare aiuto e guida.

Quando mi sveglio questi giorni, non ho figli da accudire. Invece rispondo alle mie email più urgenti al telefono, controllo i blog, i siti web e i profili Instagram sui quali scrivo. Controllo Twitter. Controllo LinkedIn. Creo liste. Cerco di stare al passo con le cose prima che i miei piedi tocchino terra. Trascorro buona parte della mia giornata al computer. Faccio ricerca; penso. Ho sempre bisogno di pensare molto…

Pausa di meditazione

Ero quindi seduta sulla collina vicino al mio rifugio, inombrato da profumate rose rampicanti e caprifoglio con una vista attraverso la valle fino alle colline al di là. Guardavo le nuvole sottili che attraversano un cielo blu, e iniziai a leggere in Atti.

Lessi dell’ascensione di Gesù, il dono dello Spirito Santo e come la prima Chiesa fu guidata e fortificata dallo Spirito, e lessi dei segni e dei miracoli. E riconquistai quel senso di meraviglia su quanto io possa andare a fondo nella Parola di Dio quando semplicemente siedo ed ascolto a quello che lui vuole che io impari riguardo a me stessa mentre leggo. Non c’era fretta, non cercare velocemente un versetto per ricevere una risposta veloce ad un problema improvviso. E mi resi conto: Ho bisogno di questo tempo per riflettere e pensare. Ho bisogno di prendere il tempo per sedere in silenzio e aprire il mio cuore e dire, “Eccomi, poiché tu mi hai chiamato…”

Non è semplicemente “bello” riuscire a sedere e a meditare. Sono solamente utile nel corpo di Cristo nella misura in cui sento e ubbidisco lo Spirito nella mia propria vita. E per sentire lo Spirito devo ascoltare, ascoltare seriamente, se voglio ricevere rivelazione per me stesso.

Quando gli anziani di Israele arrestarono ed ascoltarono Pietro e Giovanni, ammisero a sé stessi che aveva avuto luogo un miracolo. (Atti 4). Lo sapevano con i loro cervelli. Ma non avevano ascoltato con i loro cuori e il loro spirito, poiché la loro unica preoccupazione era di zittire il tutto così che la verità non si sarebbe più diffusa per minacciare la loro posizione di autorità.

Quindi, sono tornata a casa dal mio rifugio sulla collina con un senso di bisogno che la mia vita impegnata dovrebbe includere periodi di meditazione per assicurarmi di ascoltare lo Spirito con il mio spirito. Allora non riempio semplicemente il mio cervello con “buoni versetti” che capisco intellettualmente, ma non lasciano una profonda impressione sul mio cuore, o che danno rivelazioni che cambiano la mia vita.

Occupati di queste cose e dedicati interamente ad esse perché il tuo progresso sia manifesto a tutti.” 1 Timoteo 4:15.

Potresti essere interessato a leggere di più nei seguenti articoli:

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

L’evangelo di Dio

Scritto da Sigurd Bratlie

Grazia significa che tutti i nostri peccati sono perdonati quando li confessiamo. Ma significa anche che riceviamo il potere di obbedire alla verità con cui è venuto Gesù. In questo libro, Sigurd Bratlie scrive sul tema, mostrando il vero vangelo di Dio che è l’ubbidienza della fede.