È possible smettere di peccare?

Nella Bibbia leggiamo ripetutamente di smettere di peccare: “Non peccare più”, “Cessare di peccare” ecc. Ma è davvero possibile? Leggi qui per scoprirlo!

Scritto da Richard Savage
È possible smettere di peccare?

È possibile smettere di peccare (volontariamente)?

E Gesù le disse: «Neppure io ti condanno; va’ e non peccare più» Giovanni 8:11.

“Figlioli miei, vi scrivo queste cose perché non pecchiate.” 1 Giovanni 2:1.

Ma è davvero possibile smettere di peccare? Sì, certamente. Non solo è possibile, ma è il significato di rinascere per essere un figlio di Dio. L’apostolo Giovanni scrive in modo così chiaro che “Colui che pecca [volontariamente] è del diavolo” e, “Chiunque è nato da Dio non persiste nel commettere peccato, perché il seme divino rimane in lui, e non può persistere nel peccare perché è nato da Dio.” 1 Giovanni 3:8-9.

Un vero figlio di Dio vuole osservare i comandamenti di Dio. Per ricevere il perdono per i propri peccati bisogna essere consapevoli di avere peccato e avere una tristezza secondo Dio che produce un ravvedimento che porta alla salvezza. (2 Corinzi 7:10). Ravvedimento significa che non vogliamo peccare di nuovo, in qualsiasi area di cui comprendiamo che trasgrediamo le leggi di Dio. Siamo stati rigenerati mediante la parola di Dio e rimettiamo la nostra vita nelle mani di Gesù. Allora ci sbarazziamo di ogni cattiveria, di ogni frode, dell’ipocrisia, delle invidie e di ogni maldicenza e, come bambini appena nati, desideriamo il puro latte spirituale, per crescere per la salvezza. (1 Pietro 1:23; 1 Pietro 2:1-2). Questa è la speranza viva che abbiamo nel nuovo patto che non avevano nel vecchio.

La differenza tra il vecchio e il nuovo patto

Nel vecchio patto, la legge poteva punire coloro che commettevano il peccato deliberatamente e volontariamente, ma c’era il perdono per i peccati commessi involontariamente e anche per i reati gravi in cui la persona era stata genuinamente sopraffatta dal peccato e si era pentita. Tuttavia, doveva esserci un’offerta per il peccato di un animale che era stato ucciso come sacrificio al posto del trasgressore. Conoscere e temere le conseguenze del peccato intenzionale poteva porre un freno al peccato nella società ebraica, ma gli animali che morivano non potevano fare nulla per aiutare la persona a non peccare di nuovo.

Ma nel nuovo patto, Gesù non solo è morto per i nostri peccati, come un agnello senza macchia, ma è risorto dai morti e adesso è in grado di darci tutto l’aiuto di cui abbiamo bisogno per vivere come ha vissuto Lui, senza commettere peccato. Come predicava Paolo agli ebrei in Atti 13: 38-39, “Vi sia dunque noto, fratelli, che per mezzo di lui vi è annunciato il perdono dei peccati; e, per mezzo di lui, chiunque crede è giustificato di tutte le cose, delle quali voi non avete potuto essere giustificati mediante la legge di Mosè.” Inoltre, la legge poteva condannare solo i peccati commessi al di fuori del corpo, ma non poteva fare nulla per aiutare la persona a smettere di peccare nei suoi pensieri, a concupire e ad avere desideri peccaminosi.

Ciò che Gesù ha fatto per noi

Ma ora, la legge dello Spirito della vita in Cristo Gesù è in grado di liberarci dalla legge del peccato e della morte. “Perché la legge dello Spirito della vita in Cristo Gesù mi ha liberato dalla legge del peccato e della morte. Infatti, ciò che era impossibile alla legge, perché la carne la rendeva impotente, Dio lo ha fatto; mandando il proprio Figlio in carne simile a carne di peccato e, a motivo del peccato, ha condannato il peccato nella carne, affinché il comandamento della legge fosse adempiuto in noi, che camminiamo non secondo la carne, ma secondo lo Spirito.” Romani 8:2-4.

Come riuscì Gesù a gestire tutto questo da uomo, tentato in ogni cosa come noi? (Ebrei 4:15). La sua mente era disposta a fare la volontà di suo Padre e non la sua. Portava nel suo cuore una condanna a morte su ogni pensiero di disobbedienza al Padre e all’adempimento del peccato. Come uomo con una natura umana come la nostra, si è umiliato e si è fatto ubbidiente fino alla morte, e alla morte della croce (Filippesi 2:8), e quando è morto sul Calvario e ha gridato: “È compiuto!”, aveva vinto ogni peccato nella carne. Non solo è morto per i peccati del mondo intero, ma è risorto dai morti e “perciò egli può salvare perfettamente quelli che per mezzo di lui si avvicinano a Dio, dal momento che vive sempre per intercedere per loro.” Ebrei 7:25.

Leggi di più qui: Perché Gesù dovette morire alla croce?

Come ci aiuta?

Ora in Cristo è possibile essere una nuova creatura. Quello che è stato profetizzato da Ezechiele può avverarsi adesso per ciascuno di noi. “Vi darò un cuore nuovo e metterò dentro di voi uno spirito nuovo… Metterò dentro di voi il mio Spirito e farò in modo che camminerete secondo le mie leggi, e osserverete e metterete in pratica le mie prescrizioni… Io vi libererò da tutte le vostre impurità… Allora vi ricorderete delle vostre vie malvagie e delle vostre azioni, che non erano buone, e avrete disgusto di voi stessi a motivo delle vostre iniquità e delle vostre abominazioni…Io, il SIGNORE, parlo, e mando la cosa a effetto… Così parla il Signore, DIO: “Anche in questo mi lascerò supplicare dalla casa d’Israele, e glielo concederò…” Ezechiele 36:26-37. Avrebbe potuto dirlo in modo più chiaro Dio? Se crediamo e obbediamo, allora accadrà. La domanda è semplicemente, quanto vogliamo cessare con il peccato, in modo da cercare Dio con tutto il nostro cuore per avere questa mente che era in Gesù Cristo ed essere disposti a morire piuttosto che peccare?

Ci darà questa nuova mente e Lui dà il suo Spirito Santo a coloro che vogliono ubbidirgli. (Atti 5:32). Per fede, decido di spogliarmi del vecchio uomo con le sue azioni e di rivestirmi del nuovo che si va rinnovando in conoscenza a immagine di colui che l’ha creato. (Colossesi 3:10). D’ora in poi facciamo conto di essere morti al peccato, ma viventi a Dio in Cristo Gesù nostro Signore, così che il peccato non regnerà più nei nostri corpi mortali, per obbedire alle sue concupiscenze, ma presentiamo i nostri corpi come di morti fatti viventi e le nostre membra come strumenti di giustizia a Dio, poiché il peccato non avrà più potere su di noi. (Romani 6:11-14.)

È un cambiamento di mentalità e può essere fatto in un attimo. Ci impegniamo a smettere di servire il peccato e iniziamo a servire Dio e a fare la sua volontà.

Ma possiamo ancora cadere nel peccato

Ma potresti chiederti: “Non voglio peccare, ma a volte cado. Non riesco a trattenermi.” Cadere nel peccato non è la stessa cosa che peccare volontariamente. Ciò accade spesso all’inizio della nostra vita cristiana, perché dobbiamo imparare a camminare nello Spirito, proprio come un bambino. Il suo cervello non si è sviluppato a sufficienza per mantenere il corpo in posizione verticale e in equilibrio, ed essere abbastanza forte e vigile da non inciampare. Non cade deliberatamente e chi se ne prende cura lo solleverà immediatamente, asciugherà le sue lacrime e gli dirà di andare avanti. Riuscirà per coloro che imparano ciò che è necessario per non cadere.

Non otteniamo subito la vittoria al 100%, specialmente se abbiamo vissuto nel peccato e abbiamo sviluppato delle cattive abitudini. Ma possiamo imparare alcune buone abitudini, come pregare e nutrirci della parola di Dio e ascoltare la voce dello Spirito. Il Signore è vicino e ascolta le grida di coloro che cadono nel peccato, per sollevarli e aiutarli a camminare sulla via dei suoi comandamenti.

Cosa fare per smettere di cadere nel peccato

Le nostre cadute dovrebbero generare una maggiore serietà in noi, in modo da avere la stessa mente di Gesù, “Nei giorni della sua carne, con alte grida e con lacrime egli offrì preghiere e suppliche a colui che poteva salvarlo dalla morte ed è stato esaudito per la sua pietà.” Ebrei 5:7. L’importante è non perdere mai la fiducia nella vittoria.

Imparare a camminare senza cadere è un processo e Dio vuole che ci riusciamo. “Egli dà forza allo stanco e accresce il vigore a colui che è spossato. I giovani si affaticano e si stancano; i più forti vacillano e cadono; ma quelli che sperano nel SIGNORE acquistano nuove forze, si alzano a volo come aquile, corrono e non si stancano, camminano e non si affaticano.” Isaia 40:29-31.

Leggi di più qui:: Il momento cruciale: come ricevere aiuto quando ne hai più bisogno

Quali sono le opere del corpo?

Poi ci sono le “opere del corpo,” peccati di cui non siamo consapevoli. Anche mentre con la mente serviamo la legge di Dio, vediamo la “legge del peccato” all’opera nelle nostre membra, come l’irritazione o la coscienza di sé. Le opere del corpo non sono la stessa cosa che commettere un peccato intenzionale o cadere nel peccato. Finché abbiamo una carne, non possiamo fare meglio di ciò che scrive Paolo: “Grazie siano rese a Dio per mezzo di Gesù Cristo, nostro Signore. Così dunque, io con la mente servo la legge di Dio, ma con la carne la legge del peccato.” Romani 7:25. È qui che molte persone dicono: “Non è possibile smettere di peccare.” No, non possiamo dire “di essere senza peccato” (1 Giovanni 1: 8), ma non c’è alcuna condanna per quelli che sono in Cristo Gesù, che non camminano secondo la carne, ma secondo lo Spirito. (Romani 8:1). Non possiamo ottenere la vittoria sul peccato che non conosciamo. Ma quando le azioni del corpo ci vengono rivelate mediante lo Spirito Santo, possiamo giudicarle e metterle a morte. (Romani 8:13; 1 Giovanni 1: 7-10)

Questa è la vita di un discepolo: quella che si chiama santificazione. Essendo stati liberati dal peccato e fatti servi di Dio, abbiamo per frutto la santificazione. (Romani 6:22). Pertanto, è possibile smettere di peccare intenzionalmente rinunciando al vecchio uomo e impegnandoci ad ubbidire a Dio. Continuando così non cadiamo più nel peccato nella debolezza e, infine, giudicando e mettendo a morte le opere del corpo, siamo sempre più santificati a immagine di Gesù. Le cose che sono impossibili agli uomini sono possibili a Dio.

Leggi di più qui: Cosa significa far morire le opere del corpo

Ora possiamo finire con Satana per sempre

Anche Gesù ci ha comprati e ci ha liberati dalla tirannia di Satana. Satana “l’accusatore” non ha il diritto di accusarci mai più di nulla perché ora siamo servi di Gesù Cristo e dobbiamo rendere conto solo a Lui, il nostro nuovo Maestro. Satana non ha il diritto di accusarci dei peccati passati dai quali ci siamo pentiti e che sono stati perdonati; non ha il diritto di accusarci solo perché siamo tentati; e non ha il diritto di accusarci per le opere del corpo per le quali Gesù non ci condanna. Adesso condanneremo ogni pensiero che viene da lui per abbatterci, o anche per gonfiarci. (2 Corinzi 10:5). Il nostro unico interesse è diventare come il nostro nuovo Maestro, e quindi “mettiamo a morte” tutte quelle cose che Lui odia: “fornicazione, impurità, passione, desiderio malvagio e cupidigia, che è idolatria” così come “ira, collera, malignità, calunnia, parole oscene” e menzogne ​​di ogni genere. (Colossesi 3:5-9). Piuttosto ci rivestiamo delle cose che appartengono a Cristo: “di sentimenti di misericordia, di benevolenza, di umiltà, di mansuetudine, di pazienza, ci sopportiamo gli uni gli altri e ci perdoniamo gli uni gli altri … Ma al di sopra di tutte queste cose … ci rivestiamo dell’amore, che è il vincolo della perfezione. E lasciate che la pace di Dio regni nei vostri cuori … e siate riconoscenti.” Colossesi 3:12-15. Tutte queste cose sono disponibili per noi, e sono la ricompensa che riceviamo rimanendo saldi alla nostra posizione di fede nei momenti della tentazione, e non cedendo mai alle concupiscenze della nostra carne in modo da commettere il peccato.

Ascolta un episodio del podcast su questo argomento: Victory over Satan the accuser!

È possibile smettere di peccare!

“Poiché dunque Cristo ha sofferto nella carne, anche voi armatevi dello stesso pensiero, che, cioè, colui che ha sofferto nella carne rinuncia al peccato, per consacrare il tempo che gli resta da vivere nella carne, non più alle passioni degli uomini, ma alla volontà di Dio.” 1 Pietro 4:1-2.

Ora è completamente possibile. Tramite Gesù Cristo possiamo smettere di peccare e vivere il resto del nostro tempo per la buona, gradita e perfetta volontà di Dio, e cosa potrebbe esserci di meglio? Ora tutti coloro che sono oppressi dalle loro tendenze peccaminose, indipendentemente da quanto si sforzino di smettere, possono venire a Lui e ricevere riposo. (Matteo 11:28-29). Il giogo di cui parlava è la croce che portava ogni giorno, la croce in cui si gloriava Paolo e ciò che voleva che i corinzi sapessero più di ogni altra cosa. (Luca 9:23; Galati 6:14; 1 Corinzi 2:2).

Puoi smettere di peccare! Credici, prendi la decisione e non mollare mai. Riuscirà per te, come ci sono riusciti molti altri dai tempi degli apostoli. In Apocalisse 14:1-5, Giovanni vide 144.000 in piedi con Gesù sul monte Sion, che cantavano il cantico dei vincitori, coloro che erano stati riscattati tra gli uomini, e nella bocca loro non era stata trovata menzogna, ed erano irreprensibili davanti al trono di Dio. Per grazia di Dio possiamo essere uno di quelli.

 

Potresti essere interessato a leggere di più sulla nostra pagina tematica sulla vittoria sul peccato, o in questi articoli selezionati: