Passa al contenuto

L’ubbidienza della fede: La fede resa attiva dalle opere

Senza l’ubbidienza della fede, non ci sarà crescita, progresso e frutti…
The obedience to the faith: Faith made active by works – Romans 1:4-5

“…dichiarato Figlio di Dio con potenza secondo lo Spirito di santità mediante la risurrezione dai morti;  per mezzo del quale abbiamo ricevuto grazia e apostolato perché si ottenga l’ubbidienza della fede fra tutti gli stranieri, per il suo nome  …” Romani 1:4-5.

La fede sotto custodia della legge o la fede in Cristo?

Ma prima che venisse la fede eravamo tenuti rinchiusi sotto la custodia della legge, che era così forte da riuscire a trattenerci mediante la legge, in attesa della fede che doveva essere rivelata.  (Galati 3:23) La fede sotto la custodia della legge non può essere chiamata la fede in Cristo. Piuttosto, è una fede umana in Cristo. Pertanto, non è la massima fede. È solo qualcosa di temporaneo che, insieme alla nostra coscienza e alla convinzione dello Spirito Santo, opera come tutore sotto la custodia della legge per portarci a Cristo. Quando una persona è venuta a Cristo ed è divenuta una cosa sola con lui, la fede in Cristo diventerà attiva attraverso le opere. Queste opere sono il frutto dell’ubbidienza della fede. Il potere per questo viene dal Padre degli spiriti.

Perché l’ubbidienza della fede è vitale

Nel regno di Dio, tutto dipende dall’ubbidienza. La caduta c’è stata a causa della disubbidienza, ma noi siamo cresciuti attraverso l’ubbidienza. La fede in Cristo è la legge del corpo, la chiesa. Senza di essa non può avvenire alcuna santificazione, poiché quanto a noi, è in Spirito, per fede, che aspettiamo con ansia la speranza della giustizia. (Galati 5:5) Questo ci dice che la giustizia porta speranza, ma è impossibile essere giusti in qualsiasi altro modo se non attraverso l’ubbidienza della fede, perché i giusti vivranno per fede. (Romani 1:16-17)

Non c’è grazia sotto la legge, perché fuori dal corpo non c’è sacrificio. “Voi che volete essere giustificati dalla legge, siete separati da Cristo; siete scaduti dalla grazia.” Galati 5:4. Nel corpo, però, riceviamo sia la grazia che la verità, che Dio è in grado di dare perché il corpo è sacrificato. Tutto ciò che riguarda la vita e la pietà ci è stato donato in Cristo Gesù. (2 Pietro 1:3-4) In lui riceviamo la grazia affinché la longanimità di Dio continui fino a quando non cominciamo a partecipare personalmente al sacrificio di Cristo. È allora che cominciamo ad apprezzare le ricchezze della longanimità e della grazia di Dio.

Per fede siamo uniti con Cristo stesso e con la grazia, e da quel momento in poi, né la circoncisione né l’incirconcisione servono a nulla, ma solo la fede che opera attraverso l’amore.

Ubbidienza – agire secondo la fede di Cristo

La gente di solito ha le proprie idee su ciò che crederà e non crederà, ma questo tipo di fede non ha nulla a che fare con la fede di Cristo. La fede di Cristo ci è rivelata nel nostro spirito e nella nostra coscienza umana. Essa ci condurrà sempre verso un maggiore timore divino, più devozione, più cura e più sacrifici secondo la carne. La fede di Cristo ha le sue radici in Dio stesso. La ragione umana non può comprenderlo, ma è in perfetta armonia con la ragione di Dio e con i suoi piani di santificazione per noi. Solo confidando pienamente nel fatto che Dio desidera sinceramente il meglio per noi, possiamo, per grazia di Dio, agire secondo questa fede, la fede che ci è rivelata senza vedere una fine o alcun risultato. Dio ha scelto di conservare per sé la rivelazione della nostra gloria per il giorno di Gesù Cristo. In quel momento, tutti noi ci troveremo davanti al trono del giudizio di Cristo e riceveremo la nostra ricompensa secondo ciò che è avvenuto nel nostro corpo, sia esso buono o cattivo. (2 Corinzi 5:10; 1 Giovanni 3:2-3)

La fede di Cristo = Le opere di Cristo

C’è una copertura su tutto ciò che è glorioso. Non è piacevole per l’uomo naturale seguire ciecamente la via della fede, ma quando ci esercitiamo nel farlo, saremo sempre sorpresi di trovare la gloria di Dio ben nascosta sotto la copertura – una gloria che gli altri non conoscono. Quando continueremo a cercare diligentemente i tesori nascosti di Dio sotto questa copertura, alla fine ci allontaneremo così tanto dalla grandezza e dalla reputazione religiosa che saremo visti come persone deboli e basse che hanno qualche strana idea e che non saranno mai in grado di abbagliare le persone dalle altezze religiose. Per grazia di Dio siamo ancora determinati a rimanere nei luoghi bassi con coloro che non hanno alcuna reputazione.

Secondo la legge di Dio e la sua volontà, la via va verso il basso e poi verso l’alto. La fede di Cristo è la nostra guida attraverso la vita, e coloro che hanno la fede di Cristo devono avere anche le opere di Cristo. Se una persona ha le opere di Cristo e la fede di Cristo, allora avrà anche la vita di Cristo.

È impossibile credere a qualcosa se non è stato detto, perché la fede viene dall’ascolto. Il nostro mediatore, lo Spirito Santo, è sempre attivo con noi e in noi, mentre siamo al lavoro e mentre siamo a riposo. Dobbiamo credere e obbedire a ciò che lo Spirito ci dice e che condanna nel nostro essere interiore e nella nostra coscienza. Questo è ciò che la Bibbia chiama ubbidienza della fede. Fu per l’ubbidienza della fede che Paolo ricevette l’apostolato tra le nazioni. Senza l’ubbidienza della fede, non ci sarà crescita, progresso e frutti. È vero che puoi essere un fedele frequentatore di qualche assemblea religiosa e mostrarti di tanto in tanto gioioso, ma non puoi mai diventare un uomo o una donna semplice, diretto, propositivo fino a quando non impari a camminare in questo grande mistero: l’ubbidienza della fede.

Questo articolo è stato tradotto dal norvegese ed è stato pubblicato per la prima volta con il titolo “L’ubbidienza della fede” nel periodico della BCC Skjulte Skatter (Tesori Nascosti) nell’ottobre 1912.
© Copyright Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag

Potresti essere interessato a leggere di più sulla nostra pagina tematica sull’obbedienza della fedeo negli articoli selezionati di seguito:

Puoi avere fede senza ubbidienza?

Se credi veramente in Dio, perché continui a peccare?

Cristianesimo attivo

Insegnamenti chiave

Scopri come la Parola di Dio ci sfida e ci rende capaci di vivere una vita al 100% in accordo con la sua volontà, in modo che non dobbiamo più cadere nel peccato, ma possiamo giungere a una vita di vittoria.

Scarica ebook gratis

L’evangelo di Dio

Grazia significa che tutti i nostri peccati sono perdonati quando li confessiamo. Ma significa anche che riceviamo il potere di obbedire alla verità con cui è venuto Gesù. In questo libro, Sigurd Bratlie scrive sul tema, mostrando il vero vangelo di Dio che è l’ubbidienza della fede.

Seguici