“Mi ritrovo in una posizione che non ho scelto.”

Mio marito era fisicamente forte e sempre pronto ad aiutare gli altri. Questo finché non gli fu diagnosticato il morbo di Parkinson.

“Mi ritrovo in una posizione che non ho scelto.”

In qualche modo quando siamo giovani e facciamo progetti per la nostra vita, se siamo sani e forti non ci viene mai in mente che un giorno questa forza e salute possano essere portate via. Guardiamo gli anziani e sentiamo che sono un genere di persone diverse. Non finiremo come loro.

Mio marito era fisicamente forte ed era sempre pronto ad aiutare gli altri a traslocare, a intonacare i soffitti o a stendere il cemento. La sua visione per la sua pensione era di avere più tempo per fare da babysitter ai suoi nipoti, andare a fare escursioni e preparare il caffè all’aperto con i suoi amici.

Questo finché non gli è stata diagnosticata una malattia neurologica degenerativa attorno ai suoi 50 anni, che lo sta privando gradualmente delle sue forze e del suo equilibrio, portandogli dolore e privandolo del suo sonno. Non è fatale, ma gli sta portando via il futuro che si aspettava di avere e per la prima volta nella sua vita, è stato tentato dalla depressione e dalla paura per il futuro. E ha detto, “Mi ritrovo in una posizione che non ho scelto.”

Potresti chiederti come mai Dio permette che accadano cose simili. Perché una persona a cui piace essere così utile, dovrebbe essere tolta dalla circolazione in questo modo e così permanente.

L’obiettivo di Dio è renderci adatti all’eternità

Dobbiamo ricordarci che Dio ha in mente una lunga prospettiva. La sua priorità non è assicurarsi che abbiamo una vita che soddisfi i nostri auspici. Il suo obiettivo è renderci idonei per l’eternità, di plasmarci in quello che è utile a Lui, di portarci al punto in cui consapevolmente rinunciamo a quello che viene dalla nostra volontà – per quanto possa sembrare buona.  Alcune volte Dio ci mette in una situazione in cui sono affrontate tutte le nostre tendenze, per aiutarci a vedere noi stessi. Lui fa questo con le persone che ama.

Mentre guardo mio marito diventare più debole e vedo come il suo mondo si riduce, potrei pensare che la vita sia così ingiusta.

Ma non lo faccio.

E neanche mio marito lo fa.

Nuova terra – natura divina

Giosuè e Caleb hanno avuto la fede di entrare in una nuova terra, anche se era abitata da giganti. Al contrario, tutto ciò che vedevano gli israeliti erano i giganti, i problemi e il possibile fallimento. E per questo si rifiutarono assolutamente di entrare: “Allora tutta la comunità gridò di sgomento e alzò la voce; e il popolo pianse tutta quella notte. Tutti i figli d’Israele mormorarono… Numeri 14:1-2.

È ovvio che questo è il modo in cui ci sentiamo naturalmente. La nostra paura per il futuro, il nostro disagio nell’affrontare ciò che è sconosciuto, ci vincola come se fossimo in prigione, e possiamo inizialmente reagire allo stesso modo dei figli di Israele di fronte a problemi che sembrano dei giganti. Eppure questa nuova terra è ciò che Dio ha scelto per noi, anche se può venire con dei problemi. Questa è la nostra terra e quella in cui Dio vuole che ci trasferiamo. E Lui vuole che combattiamo per questo. L’unica cosa che possiamo fare di fronte a una situazione nuova e spaventosa è ottenere forza da Dio per entrare in quello che ci è richiesto. Quando chiediamo a Dio, lui ci darà forza, potere e coraggio, affinché possiamo diventare coraggiosi. Possiamo affrontare il futuro in maniera trionfante sulle nostre paure.

 “Ma grazie siano rese a Dio che sempre ci fa trionfare in Cristo…” 2 Corinzi 2:14.

Così, anche se mio marito si ritrova ad entrare in questo strano nuovo “paese” che è abitato dai giganti della disabilità e dell’incertezza, ha detto recentemente:

“Non so cosa avrei fatto senza che mi fossi ammalato di Parkinson. Dio è stato veramente buono con me.”

Questo è il modo in cui pensiamo quando seguiamo Cristo. Tramite queste prove otteniamo la natura divina. Diventano cose di cui non avremmo potuto fare a meno, perché Dio ci allontana dalle nostre tendenze naturali e ci porta in “una terra in cui scorre latte e miele.” Una terra che ci dà pace e riposo e comunione con Dio e gli uni con gli altri.

Potresti essere interessato a leggere di più sulla nostra pagina pagina tematica riguardante le sfide e le difficoltà, o nell’articolo qui sotto.

Che cosa succede alla fede quando accade una tragedia?

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

Una tale grande salvezza

L’apostolo che scrisse il libro di Ebrei la chiamò “una parola d’esortazione” Lo scopo di questo opuscolo è di ampliare ed estendere quella esortazione, portando fede e salvezza a tutti coloro che hanno una vocazione celeste. Tutti coloro che seguono l’esortazione della lettera agli Ebrei possono raggiungere questa grande salvezza.