Passa al contenuto

Perché Dio sembra rispondere ad alcune preghiere e non ad altre?

Dio ascolta sempre le nostre preghiere. Lui ci ama e vuole il meglio per noi. Ma noi non comprendiamo e preghiamo necessariamente per quello che è il meglio per noi!
God answers prayer

Possiamo vedere nella storia di Anna, in 1 Samuele, che Dio risponde alle preghiere.

“Il mio cuore esulta nel SIGNORE,
il SIGNORE ha innalzato la mia potenza,
la mia bocca si apre contro i miei nemici
perché gioisco nella tua salvezza.”
1 Samuele 2:1.

Queste parole fanno parte della preghiera che Anna cantò nel giorno in cui portò il suo piccolo figlio Samuele a vivere nel tempio col sacerdote, Eli. Anna pregò a Dio di darle un figlio e promise di consacrarlo al suo servizio se le sue preghiere avessero ricevuto risposta, e noi conosciamo la storia: le sue preghiere furono esaudite. Si rallegrava il giorno stesso in cui lo portò nel tempio per donarlo al Signore, anche se non deve essere stato facile per lei lasciarlo lì.  (1 Samuele 1:28)

Dio risponde alle preghiere – a modo suo

Ho spesso riflettuto sulla storia di Anna e Samuele. Ci sono stati momenti nella mia vita in cui ho percepito un bisogno o un desiderio di qualcosa.  Alcune volte Dio rispondeva alle mie preghiere e altre volte sembrava che non lo facesse. In quei momenti, quando avevo un profondo desiderio nel mio cuore, ho pensato alla storia di Anna e mi sono chiesta – perché è come se Dio rispondesse ad alcune preghiere e ad altre no?

In Isaia 55:8-9 sta scritto, “«Infatti i miei pensieri non sono i vostri pensieri, né le vostre vie sono le mie vie», dice il SIGNORE.  «Come i cieli sono alti al di sopra della terra, così sono le mie vie più alte delle vostre vie, e i miei pensieri più alti dei vostri pensieri.»

Dio ha un piano perfetto per le nostre vite. Lui vede l’inizio dalla fine e ha molte cose da insegnarci. Possiamo pensare di sapere cosa sarebbe meglio per noi. Per esempio, dovrei avere questo lavoro, o sposarmi con questa persona, ecc. Possiamo programmare la nostra vita e pensare di avere tutto sotto controllo. Ma come vediamo in Isaia 55:8-9, i pensieri di Dio sono spesso differenti dai nostri. Come esseri umani, siamo attratti dalla ricerca del guadagno terreno e dal nostro comfort. Ma i pensieri di Dio sono di trasformarci dalle nostre tendenze umane e di creare qualcosa di divino attraverso le nostre situazioni nella vita.

Il piano di Dio per la mia vita

Se scopriamo che Dio non risponde alle nostre preghiere nel modo in cui speriamo, allora possiamo considerarlo come un’opportunità per entrare nel riposo. Questa può essere una battaglia attiva, perché significa rinunciare alla mia volontà e riconciliarmi con il piano di Dio per la mia vita. Posso combattere contro questi pensieri che forse Dio non mi ama perché non ricevo quello che chiedo. Posso scegliere di credere nel versetto che dice “Oh, quanto mi sono preziosi i tuoi pensieri, o Dio!  Quant’è grande il loro insieme!  Se li voglio contare, sono più numerosi della sabbia…” Salmi 139:17-18.

Quando mi riconcilio con la volontà di Dio per la mia vita, allora i suoi pensieri diventano i miei pensieri e le sue vie le mie vie. Imparo a pregare secondo la sua volontà per la mia vita.

Continua a leggere sul pregare secondo la volontà di Dio.

Rallegrati nel Signore

Ricordo di aver ascoltato un messaggio una volta, in cui si citava Salmi 37:4.  “Trova la tua gioia nel SIGNORE, ed egli appagherà i desideri del tuo cuore.” In quel momento sentivo che mi mancava qualcosa nella mia vita e pregavo Dio affinché soddisfacesse quel bisogno. Tuttavia, in questo messaggio, l’oratore incoraggiava l’assemblea ad imparare a rallegrarsi nel Signore. Diceva che per fare questo bisogna rinunciare alla propria volontà e mettere tutto nelle mani di Dio. Quando ho sentito questo messaggio, ho scelto consapevolmente di farlo. Ho deciso che indipendentemente da quanto lo volessi, avrei messo da parte il mio desiderio e mi sarei occupata del “rallegrarmi nel Signore.” Mi sarei occupata di trovare le opere che Dio aveva preparate ogni giorno per me e sarei stata attenta ad usare queste opportunità per imparare a conoscerlo meglio. (Salmi 139:16) Avrei lavorato per entrare nel riposo nelle semplici occasioni quotidiane che trovavo per benedire gli altri e mi sarei focalizzata su questo, invece di sforzarmi così tanto nel cercare la mia volontà.

Sono passati diversi anni da quando ho preso questa decisione. Ci sono stati momenti in cui ho ancora sentito il bisogno di queste cose terrene nel mio cuore. E ho fatto quelle preghiere a Dio in quei momenti. Ma mi sono anche riempita di gioia, anche se Dio ha avuto altri piani per la mia vita. Sono pienamente convinta che lui mi abbia ascoltato. E sono ancora più convinta che lui mi ami e mi segua da vicino. Ho ricevuto un’enorme gioia nel mio cuore che non dipende dalle benedizioni terrene. Viene dal fare la volontà di Dio. Quando imparo ad umiliarmi e a lasciarmi guidare da lui, allora sperimenterò che lui mi dà tutto ciò di cui ho bisogno per essere completamente felice indipendentemente dalla mia situazione. Posso portarmi dietro questa gioia per tutta la mia vita, ovunque mi trovi.

Penso che anche Anna capì queste cose. Lei ricevette quello che aveva chiesto, ma era disposta a sacrificare quello che Dio le aveva dato. Questo è importante anche per noi. Quando Dio ci benedice, dobbiamo essere sempre pronti a sacrificare ciò che lui ci ha donato. Lui vuole sapere se lo amiamo più di ogni altra cosa sulla terra. Ma è anche molto interessato nel benedire quelli che lo vogliono servire di tutto cuore.

“Riponi la tua sorte nel SIGNORE;
confida in lui, ed egli agirà.
Egli farà risplendere la tua giustizia come la luce,
e il tuo diritto come il sole di mezzogiorno.”
Salmi 37:5-6.

Potresti essere interessato nel leggere altro sulla pagina tematica sulla preghiera.

Insegnamenti chiave

Scopri come la Parola di Dio ci sfida e ci rende capaci di vivere una vita al 100% in accordo con la sua volontà, in modo che non dobbiamo più cadere nel peccato, ma possiamo giungere a una vita di vittoria.

Scarica ebook gratis

La grazia in Gesù Cristo

“Quando si pensa alla grazia si pensa perlopiù al perdono. E poiché tutti abbiamo peccato, tutti abbiamo bisogno della grazia.” Sigurd Bratlie apre con queste parole questo opuscolo. Tuttavia, continua col descrivere a fondo che la grazia che è in Cristo Gesù significa molto di più del perdono. Significa anche verità e aiuto. Ci insegna a non peccare, in modo che possiamo essere completamente liberi per vivere una vita di vittoria che conduce a perfezione.

Seguici