Passa al contenuto

Qual era il punto con Alfie?

Sapere che sei in attesa di un bimbo con malformazioni non è facile. Quale fu l’impatto della breve vita di Alfie su quelli intorno a lui?

Alfie era mio nipote.

Dico “era” perché è morto. Aveva un anno e mezzo quando è morto – la sua morte è stata pacifica così com’è stata la sua vita. Non c’è stato alcun trauma nella sua vita, non ci sono state crisi di pianto, né urla per ottenere l’attenzione, perché Alfie era nato così gravemente disabile che non ha mai risposto assolutamente a nulla.

Certamente, è stato traumatico per i suoi genitori. Scoprire di essere in attesa di un bimbo con malformazioni “incompatibili con la vita” è una strada dura da percorrere. Partorire un bimbo che non si svilupperà mai normalmente, che non parlerà né camminerà o che non ti scriverà piccoli messaggi amorevoli la domenica della festa della mamma o che non correrà fuori dalla porta quando papà tornerà a casa da lavoro – questo è devastante.

Ai genitori di Alfie venne offerto l’aborto; sono stati incoraggiati a terminare la gravidanza più di una volta in modo quasi, detto francamente, insistente. Il personale medico raccomandò l’aborto perché sapevano che il bimbo aveva gravi malformazioni e non avrebbe potuto sopravvivere: secondo la loro opinione non c’era motivo di lasciar vivere il bambino.

Un piccolo sorriso di Alfie

Alfie superò le previsioni nel fatto che visse oltre un anno e questa è stata una cosa eccezionale. Alfie non riusciva a vedere; tuttavia i suoi occhi seguivano lentamente la luce. Non riusciva a sentire; tuttavia la sua testa si girava verso i suoni. Non riusciva a ridere; tuttavia sorrideva. Sappiamo che sorrideva; lo abbiamo visto quando veniva sollevato e voltato in aria fra braccia amorevoli.

Verso la fine dei suoi giorni veniva nutrito tramite un sondino. Alcuni di noi avevano imparato come farlo, mentre tenevamo il suo corpicino caldo nelle nostre braccia, meravigliati che fosse ancora vivo.

Poi, un giorno, i suoi genitori si svegliarono e Alfie non c’era più. Era coricato nella sua culla, freddo e immobile, con le labbra che iniziavano a diventare blu. Non c’era una corsa all’ospedale, nessuna chiamata d’emergenza – solo un lutto pacifico, silenzioso. Dopo essere stati avvertiti per mesi che Alfie sarebbe potuto morire in qualsiasi momento, quando di fatto successe la sua famiglia era scioccata in uno stato di torpore angosciante.

Quando rinunci ad un anno della tua vita per prenderti cura 24 ore al giorno di un bambino che ha bisogno di essere voltato regolarmente nella notte e ti sveglia se ha difficoltà a respirare, si crea uno stato cronico di stress fisico cronico nel corpo. Se accudisci un bambino con molti bisogni fisici, e che sai prima o poi morirà, allora si crea anche uno stress cronico emotivo. Una tale situazione può anche creare molte domande. Considerando le gravi disabilità fisiche e la tensione che la sua cura ha messo sulla sua famiglia durante il breve periodo che ha vissuto, una delle domande che potrebbe essere posta non è perché Dio l’ha fatto morire, ma:

Perché Dio l’ha fatto vivere prima di tutto?

Uno dei suoi genitori disse:
“Ho sempre saputo di confidare in Dio in tutte le circostanze della vita, ma saperlo ed essere provati a fondo sono due cose completamente diverse. Quando abbiamo scoperto della condizione di Alfie, sapevo che era la volontà di Dio, ma durante tutta la vita di Alfie, vedere la mia famiglia lottare con la situazione e non riuscire a fare nulla, mise veramente alla prova il fatto se confidavo veramente in Dio e che Lui aveva cura per me e le mia famiglia. Regolarmente veniva su la domanda: “Perché hai fatto questo?

“Questo era l’inganno che Satana provava ad usare per separarmi dalla mia semplice fede in Dio, esattamente nel mezzo di una situazione incerta della quale non avevo il controllo. Ma non c’è ombra di dubbio per me che Dio prepara tutte le circostanze così che possiamo svilupparci e avvicinarci di più a Lui, e questo è per il mio bene. Alfie fu una benedizione per noi, tutta la sua vita, e per questo sono grata. Alfie rese reale per noi il fatto che ognuno dei figli è un dono di Dio e che è una benedizione poter prenderci cura di loro. È una grande responsabilità. Il periodo di vita di Alfie è stato il momento più difficile che ho passato, sia mentalmente che fisicamente. Avevo bisogno di essere fortificata giornalmente durante il periodo in cui era in vita e i versetti che spesso leggevo erano in Isaia 40:28-31, parte dei quali sono:

‘La sua intelligenza è imperscrutabile.
Egli dà forza allo stanco e accresce il vigore a colui che è spossato”.

  • Siccome Alfie visse, i suoi genitori sentirono la bontà, l’amore e la cura di Dio come mai prima. C’erano molte situazioni da affrontare quando venivano tentati severamente dall’ansia – e riuscirono a passare per tali situazioni perché avvicinandosi a Dio, Lui si avvicinò a loro. E ogni volta che questo accadeva, diventava più facile confidare in Lui.
  • Siccome visse, i suoi genitori svilupparono un gran senso di come tutte le altre cose su questa terra sono inutili a confronto col ricevere vita eterna.
  • Siccome visse, i suoi genitori furono provati a fondo, e lasciati con una fede al 100% che Dio segue attentamente ogni piccolo dettaglio delle loro vite.
  • E siccome visse, i suoi genitori e la sua famiglia ebbero l’occasione di amarlo e provare uno speciale tipo di grazia che accompagna una totale accettazione nel dono perfetto che era Alfie, e che avrebbero così facilmente aver perso se avessero seguito il consiglio dei medici.

Non possiamo dimostrare lo scopo che Dio aveva quando ci mandò il piccolo Alfie, ma non abbiamo bisogno di trovare risposte complete alle domande più grandi della vita. Quello che ci è rimasto sono esperienze che lasciano per sempre un marchio sulle nostre vite. Che abbia un effetto positivo o negativo dipende completamente dal modo in cui reagiamo. Anche le tragedie possono essere usate per il bene quando sono vissute in fede.

“La tua permanenza è stata breve, ma siamo così felici che sei venuto.
Sappiamo che di certo non saremo mai più gli stessi.
Tu hai toccato le nostre vite nel modo in cui solo tu potevi.
Tu hai reso il regno dei cieli più visibile”.
(Da una canzone di Jean Hunter)

“Voi gli avete dato un’eternità…”

Non sappiamo come Alfie abbia sperimentato la vita. Non sappiamo quanto fosse consapevole del disagio o se fosse consapevole dell’amore che lo ricopriva. Ma il “punto” con Alfie era che ha portato le persone più vicine a Dio. E il punto per lui era egualmente profondo. Siccome visse, aveva un’anima e uno spirito – lui era conosciuto da Dio. Gesù promise di radunare i piccoli nelle sue braccia, e questo è quello che fece per Alfie al momento perfetto. Può non aver avuto “una vita” qui sulla terra, ma come venne detto ai suoi genitori al suo funerale: “Voi gli avete dato un’eternità…”

Insegnamenti chiave

Scopri come la Parola di Dio ci sfida e ci rende capaci di vivere una vita al 100% in accordo con la sua volontà, in modo che non dobbiamo più cadere nel peccato, ma possiamo giungere a una vita di vittoria.

Scarica ebook gratis

La grazia in Gesù Cristo

“Quando si pensa alla grazia si pensa perlopiù al perdono. E poiché tutti abbiamo peccato, tutti abbiamo bisogno della grazia.” Sigurd Bratlie apre con queste parole questo opuscolo. Tuttavia, continua col descrivere a fondo che la grazia che è in Cristo Gesù significa molto di più del perdono. Significa anche verità e aiuto. Ci insegna a non peccare, in modo che possiamo essere completamente liberi per vivere una vita di vittoria che conduce a perfezione.

Seguici