This website uses cookies to recognize repeat visits and preferences, to provide social media features and to analyze traffic. By clicking “I Accept,” or by using our site, you consent to the use of cookies and our Terms of Use.
Quanto è grande il Figlio di Dio?

Quanto è grande il Figlio di Dio?

Hai pensato a Gesù, l'unigenito Figlio di Dio e all'opera che ha fatto affinché potessimo diventare suoi fratelli?

“Dio, dopo aver parlato anticamente molte volte e in molte maniere ai padri per mezzo dei profeti, in questi ultimi giorni ha parlato a noi per mezzo del Figlio, che egli ha costituito erede di tutte le cose, mediante il quale ha pure creato i mondi. Egli, che è splendore della sua gloria e impronta della sua essenza, e che sostiene tutte le cose con la parola della sua potenza, dopo aver fatto la purificazione dei peccati, si è seduto alla destra della Maestà nei luoghi altissimi.” Ebrei 1:1-3.

L'unigenito Figlio di Dio

Ecco quanto è grande, ed è l'unigenito Figlio di Dio. “Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna.” Giovanni 3:16.

“…il quale, pur essendo in forma di Dio, non considerò l'essere uguale a Dio qualcosa a cui aggrapparsi gelosamente, ma svuotò se stesso, prendendo forma di servo, divenendo simile agli uomini.” Filippesi 2:6-7.

Il fatto che Gesù, il Figlio di Dio che era l'unico erede, non considerasse l'essere uguale a Dio qualcosa a cui aggrapparsi gelosamente, dimostrava che voleva avere fratelli che avrebbero partecipato anche loro alla natura divina e che avrebbero potuto ereditare con Lui. Fu questa possibilità, questa salvezza, che Gesù compì mentre era sulla terra; e quando ebbe finito, è scritto di Lui, “Di nuovo, quando introduce il primogenito nel mondo, dice: «Tutti gli angeli di Dio lo adorino!»”  Ebrei 1:6. Qui viene chiamato "il primogenito".

È scritto anche del Figlio di Dio: «Il tuo trono, o Dio, dura di secolo in secolo, e lo scettro del tuo regno è uno scettro di giustizia. Tu hai amato la giustizia e hai odiato l'iniquità; perciò Dio, il tuo Dio, ti ha unto con olio di letizia, a preferenza dei tuoi compagni». Ebrei 1:8-9.

Lui è il primogenito – e per noi è possibile diventare suoi fratelli!

Da questo vediamo che ha dei fratelli, ma è il primogenito; ed è Lui che ha completato l'opera, dandoci la possibilità di diventare suoi fratelli nella verità. Lui considerava ciò come qualcosa di molto grande, perché appena risorto dai morti, disse: “Ma va' dai miei fratelli, e di' loro: ‘Io salgo al Padre mio e Padre vostro, al Dio mio e Dio vostro.’" Giovanni 20:17. Leggiamo quanto fosse entusiasta di ricevere i fratelli. «Annuncerò il tuo nome ai miei fratelli; in mezzo all'assemblea canterò la tua lode». Ebrei 2:12. Possiamo anche leggere delle gloriose promesse che fa ai suoi fratelli:  “Chi vince lo farò sedere presso di me sul mio trono, come anch'io ho vinto e mi sono seduto con il Padre mio sul suo trono.”  Apocalisse 3:21.

Ma ora la domanda è: consideriamo il fatto di essere suoi fratelli qualcosa di grande come lo è per Lui, tanto da considerare ogni cosa come spazzatura per poter guadagnare Cristo? Giovanni ci dà un'esortazione che è estremamente necessaria: “Vedete quale amore ci ha manifestato il Padre, dandoci di essere chiamati figli di Dio! E tali siamo. Per questo il mondo non ci conosce: perché non ha conosciuto lui!” 1 Giovanni 3:1.

Questa non è una specie di finzione, qualcosa a cui siamo semplicemente chiamati, qualcosa che ci viene semplicemente attribuito. No, leggiamo: "Chi vince... come anch'io ho vinto." Dobbiamo essere suoi fratelli nella verità“Per questo il mondo non ci conosce: perché non ha conosciuto lui.” 1 Giovanni 3:1. Se abbiamo questa prova, possiamo rallegrarci. O quanto abbiamo bisogno di questa esortazione: “Vedete quale amore ci ha manifestato il Padre!” 1 Giovanni 3:1.

Se non indicato diversamente, le scrittura sono riprese da La Nuova Riveduta®. Tutti i diritti riservati.