Passa al contenuto

Sara: ritenne fedele colui che aveva fatto la promessa

Sarebbe stato completamente normale se Sara non avesse creduto che avrebbe avuto un figlio... dopo tutto, aveva quasi 100 anni.
Sarah: She judged Him faithful who had promised. Hebrews 11:11

Cosa penseresti se qualcuno ti dicesse che sei destinato a compiere qualcosa di impossibile? Come per esempio, avere un figlio a quasi 100 anni…

Quando Sara udì per la prima volta la profezia che avrebbe concepito e avuto un figlio alla sua età avanzata, la sua prima reazione, forse comprensibilmente, fu di ridere. (Genesi 18:10-12)

Ma la promessa che Dio aveva dato Abraamo era “… Io la benedirò e da lei ti darò anche un figlio; la benedirò e diventerà nazioni; re di popoli usciranno da lei”. Genesi 17:16.

E questo è esattamente quello che avvenne. Sara concepì e partorì un figlio ad Abraamo, quando egli era vecchio, al tempo che Dio gli aveva fissato”. Genesi 21:2.

In Ebrei sta scritto: Per fede anche Sara, benché fuori di età, ricevette forza di concepire, perché ritenne fedele colui che aveva fatto la promessa”. Ebrei 11:11. Quindi ad un certo punto tra il sentire la profezia e l’effettiva nascita del bambino, Sara ricevette fede.

Fiducia in Dio

Nonostante le stesse leggi della natura fossero contro di lei, lei ricevette forza per vincerle. Il segreto della sua forza era che ritenne fedele colui che aveva fatto la promessa. Fiducia in Dio è la forza della fede che ci permette di rompere tutte le barriere e affermare e completare quello che Dio ha promesso. Demolisce il dubbio, lo scetticismo, lo sconforto, la disperazione, e qualunque altra cosa che ci impedisce di vincere gli ostacoli. Il Signore stesso aveva detto ad Abraamo: “Vi è forse qualcosa che sia troppo difficile per il Signore?”  (Genesi 18:14)

La fede ispira perseveranza! Dio non ci darà un compito da eseguire senza darci anche i mezzi, la saggezza e la forza per farlo. Questo non vale solamente per le promesse esteriori, come il figlio che Dio aveva promesso Sara e Abraamo. Questo vale anche per quanto riguarda rimanere nella fede quando ci troviamo in delle situazioni nella nostra vita che sembrano veramente impossibili secondo la nostra comprensione umana, sia che queste vengano come risultato delle nostre circostanze, o a causa del peccato che troviamo dentro noi stessi quando ci adoperiamo a fare il bene. “Vi è forse qualcosa che sia troppo difficile per il Signore?”

Noi vediamo automaticamente le nostre debolezze naturali, umane proprio come fece Sara quando rise. Vediamo che come persone siamo incapaci di rimanere in piedi, di vincere, di resistere, di prosperare attraverso le situazioni. Vediamo forse le nostre manchevolezze, i nostri sentimenti, il nostro ragionamento, il nostro egoismo. Forse vediamo la nostra impazienza naturale quando abbiamo bisogno di più pazienza. Il nostro temperamento, la nostra inclinazione ad essere scoraggiati, i nostri desideri e qualunque altra cosa che ci possa essere. Non dobbiamo guardare a noi stessi per ricevere forza quando ne abbiamo bisogno, poiché allora mancheremmo sicuramente in coraggio e abilità. Ma nulla è troppo difficile per il Signore!

Dobbiamo credere con tutto il nostro cuore che Dio “può, mediante la potenza che opera in noi, fare infinitamente di più di quel che domandiamo o pensiamo”. Efesini 3:20. Quando poniamo la nostra fede in Lui, allora è da Lui che riceviamo la grazia dello Spirito, forza e potenza per liberarci dalle nostre proprie debolezze, inclinazioni e peccati. Quando riteniamo fedele colui che ha fatto la promessa, allora riceviamo la forza di vincere la nostra propria natura. La fede di Sara è diventata un potente esempio per noi da seguire.

Tu credi?

La domanda è, ritieni fedele Colui che ha fatto la promessa che non ti lascerà e non ti abbandonerà mai? (Giosuè 1:5) Colui che ha fatto la promessa che non permetterà che verremo tentati oltre le nostre forze ma con la tentazione darà anche la via di uscirne, affinché la possiamo sopportare? (1 Corinzi 10:13) Credi che Lui ti ha donato tutto ciò che riguarda la vita e la pietà? (2 Pietro 1:3).

Se hai fiducia in Dio, puoi andare avanti nonostante tutti gli ostacoli – malgrado l’“impossibile”. Avere fiducia in Dio dà crescita ad una determinazione coraggiosa che Dio ricompensa sempre con vittoria. Il nostro compito è di andare davanti al suo cospetto per cercare quello di cui abbiamo bisogno per vincere in tutte le circostanze della vita; per mostrargli che crediamo veramente che quando chiediamo senza dubitare allora quello che gli chiediamo lo riceveremo. (Giacomo 1:5-8)

Vale la pena menzionare che Dio aveva detto ad Abraamo “Al tempo fissato…” e sta anche scritto che Sara concepì “…al tempo che Dio gli aveva fissato”. Loro credettero la promessa di Dio prima che venne adempiuta, e ricevettero Isacco al momento deciso da Dio, non da loro. Or la fede è certezza di cose che si sperano, dimostrazione di realtà che non si vedono”. Ebrei 11:1 Noi abbiamo certezza e fiducia nella cronologia di Dio. Dobbiamo credere in Lui e nelle sue promesse e avere completa fiducia nelle sue vie e nei suoi tempi. Questa è fede. Questa è fiducia. Questo è quello che ci porterà al compimento delle preziose promesse di Dio per noi.

“La sua potenza divina ci ha donato tutto ciò che riguarda la vita e la pietà mediante la conoscenza di colui che ci ha chiamati con la propria gloria e virtù. Attraverso queste ci sono state elargite le sue preziose e grandissime promesse perché per mezzo di esse voi diventaste partecipi della natura divina dopo essere sfuggiti alla corruzione che è nel mondo a causa della concupiscenza.”  2 Pietro 1:3-4.


Ti interessa leggere di più sulla fede?

15 citazioni di Aksel J. Smith sulla fede, che diradano tutte le tenebre!

Insegnamenti chiave

Scopri come la Parola di Dio ci sfida e ci rende capaci di vivere una vita al 100% in accordo con la sua volontà, in modo che non dobbiamo più cadere nel peccato, ma possiamo giungere a una vita di vittoria.

Scarica ebook gratis

L’evangelo di Dio

Grazia significa che tutti i nostri peccati sono perdonati quando li confessiamo. Ma significa anche che riceviamo il potere di obbedire alla verità con cui è venuto Gesù. In questo libro, Sigurd Bratlie scrive sul tema, mostrando il vero vangelo di Dio che è l’ubbidienza della fede.

Seguici