Sobria, ma non spaventata

All’inizio l’isolamento forzato e il collegamento online mi sembravano delle novità e persino divertenti – finché non mi sono resa conto che le nostre fonti di reddito venivano tagliate una ad una.

Scritto da Maggie Pope
Sobria, ma non spaventata

All’inizio di aprile è stato pubblicato un rapporto sui risultati della società italiana AI Expert System. Avevano fatto ricerche su decine di migliaia di post sui social media per valutare i cambiamenti di umore del pubblico in relazione al COVID-19. Quello che hanno trovato non è stata una sorpresa e cioè che per il quarto giorno di fila la paura era stata l’emozione più dominante espressa nei post. “Ci sono molte ragioni per cui la paura cresce”, ha scritto il team nel suo aggiornamento quotidiano.

Sì, ci sono molte ragioni per provare paura, per avere paura di quello che sta succedendo. Il rapporto suggerisce che, a parte la paura di morire, le paure si basano sul fatto di non sapere quale sia il piano, o come i governi troveranno una via d’uscita.

Sentirsi calmi

C’è stato un tempo in cui leggevo questi rapporti e mi dispiaceva per queste persone sfortunate che non avevano fede in Dio, nessuna aspettativa di una “vita nell’aldilà” che fosse un cuscinetto contro la paura del futuro.

Il motivo per cui mi sentivo così era perché ero una donna compiaciuta di sé, in grado di dare buoni versetti ad altri credenti in situazioni problematiche. Versetti come:

“Non angustiatevi di nulla…” Filippesi 4:6-7.

Ho sempre avuto molta forza da quel versetto perché è un ordine: non mi dà scelta. Mi dice cosa fare – pregare a Dio con i miei bisogni e le mie richieste – poi mi dice cosa succederà – che la pace di Dio custodirà il mio cuore e la mia mente.

Ho praticato questo versetto per tutta la mia vita, e il cielo sa quanto ne ho avuto bisogno. Mi ha salvato molte, molte volte dal panico che può attanagliare i nostri cuori quando qualcosa di imprevisto e di indesiderato entra nella nostra vita.

Avevo questa fede che finché sarei stata un discepolo avrei creduto che Dio sarebbe stato con me, qualunque cosa fosse successa. Sono diventata un’esperta in materia. Sapevo come affrontare le situazioni difficili, e pensavo di averlo capito, e quindi potevo dare questo versetto agli altri senza approfondire troppo i loro problemi.

Ora, anche con la reazione globale a un virus che sta uccidendo, abbastanza rapidamente, un numero apparentemente enorme di persone, mi sono sentita tranquilla. Non è stato esattamente “quel che sarà, sarà”, eppure so che niente può toccare un capello della mia testa se Dio non lo permette. E questo vale anche per la mia famiglia. Mi sentivo sobria, ma non spaventata.

La realtà ha colpito

Ma poi è arrivato il blocco nel Regno Unito. All’inizio l’isolamento forzato, la limitazione dei movimenti, il collegarsi con amici, colleghi e studenti su Zoom è stata una novità, persino divertente – fino a quando ho capito che, poiché tutti i membri della mia famiglia sono lavoratori autonomi, le nostre fonti di reddito venivano tagliate uno ad uno. I clienti di mio marito stanno cancellando le prenotazioni, i miei pazienti non possono venire agli appuntamenti, gli studenti di mio figlio non possono venire a prendere lezione di pianoforte …

E se l’inquilino della nostra proprietà in affitto non può pagare l’affitto perché non può andare a lavorare – saranno due mutui che dovremo pagare con il nostro reddito in rapida diminuzione.

Così la paura mi ha improvvisamente colpito, arrivando da un lato inaspettato e duro – un pugno allo stomaco che mi ha privato della mia sicura fiducia di avere “assopito” l’ansia. In un lampo i miei pensieri sono stati: potremmo perdere la nostra casa, perdere la nostra pensione, perdere i nostri affari.

Non mi aspettavo di essere colpita in questo modo. Io sono un discepolo. So che la mia vita è nelle mani di Dio. Non sono sballottata da ciò che preoccupa le altre persone, le persone che non hanno fede.

Quindi, vivo davvero questo versetto – non angustiatevi di nulla? Strano che non sia stata tentata di essere in ansia per il virus che può attaccare il mio corpo, ma posso essere preoccupata di perdere la mia casa.

C’è una cosa che non devo mai perdere

Devo pensare con sobrietà. Qual è la cosa peggiore che possa accadere? E se morissi? – Vado a stare con Gesù. Perdo la mia attività? – Posso trovare qualche altro lavoro. Perdiamo la nostra casa? – possiamo trovare qualcosa di più piccolo. Ah, ma se perdo la fede? – Questa è la cosa peggiore che possa accadere.

La mia fede deve essere messa alla prova affinché possa sopravvivere agli scossoni che derivano dalle prove. Se non vengo tentata, non ottengo la vittoria. Forse non ho idea di cosa accadrà a me o alla mia famiglia; non so in quale direzione ci porterà Dio dal punto di vista salutare, emotivo o finanziario, ma so che la mia fede deve andare più a fondo.

Sì, ero sorpresa di essere stata tentata ad avere paura, ma avrei dovuto? Mi ha risvegliata ad essere molto più vigile: a notare questi sentimenti di compiacimento insidiosi, a sfidare i miei luoghi comuni, a sviluppare un’empatia verso coloro che si sentono spaventati e insicuri. Mi ha spinto fuori dalla mia zona di comfort e questo è un bene. Tutto ciò che mette alla prova la mia fede mi fa bene. In questi tempi incerti la fiducia in Dio deve essere il centro della mia vita, della mia giornata e dei miei pensieri, perché senza di essa ho davvero perso tutto.

Potresti essere interessato a leggerne di più sulla nostra pagine di risore COVID-19/Coronaviruso negli articoli seguenti:

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

Cosa significa essere un cristiano

Scritto da Elias Aslaksen

Essere un cristiano è una vita molto più profonda del semplice chiedere a Gesù di entrare nel tuo cuore e credere nel perdono dei peccati. È una vita di sviluppo e crescita nelle cose di Cristo. Questo opuscolo presenta in modo molto chiaro e semplice le basi di una vita cristiana.