La scelta che faccio giornalmente

Quando non conoscevo nemmeno Dio, lui mi attirava dolcemente a sé. Ora lo scelgo ogni giorno.

Scritto da Charis Petkau
La scelta che faccio giornalmente

Hai mai sentito una stretta al cuore? Che ti ricorda che ci deve essere qualcosa in più nella vita di quello che hai? Che vuoi “uscire” dalla miseria in cui ti trovi? Hai mai sentito il desiderio di essere felice e di avere uno scopo nella tua vita? Io sì e ho deciso di ascoltare quel desiderio che era nel mio cuore…

Ho sempre saputo che c’era un potere superiore, anche se sono cresciuta in una casa dove non si parlava di Dio. Guardando indietro, vedo che Dio è sempre stato lì per me, lavorando nel mio giovane cuore e attirandomi a sé. Fin dall’infanzia ho pregato e parlato con Dio di cose di cui sentivo di non poter parlare con i miei genitori, anche se non capivo bene a chi stessi pregando.

Dio era con me da bambina

Ero una bambina arrabbiata in un ambiente domestico problematico. Le cose sono degenerate e all’età di 13 anni, ho dovuto lasciare la mia casa per 4-5 mesi. In quel periodo, sono rimasta con i miei zii, che erano cristiani. È stata una bella esperienza e ho visto persone che erano felici e si amavano. Ho potuto vedere la differenza tra loro e la mia famiglia. Soprattutto, erano felici, e la mia famiglia non lo era.

Dopo il mio ritorno a casa, le cose andarono bene per un certo periodo. Poi sono diventata un’adolescente ribelle e tormentata e mi sentivo come se la mia vita stesse cadendo a pezzi. Sapevo di aver bisogno di aiuto e che l’unico posto dove avrei avuto quell’aiuto era Dio. Così ho iniziato a tenere un diario. Ogni giorno scrivevo un versetto a caso della Bibbia nel mio diario e poi scrivevo i miei pensieri a riguardo. Attraverso la scrittura, mi sono resa conto di amare Gesù e che quando peccavo gli facevo del male. Non volevo fare del male a colui che amavo!

Una decisione felice

Sapevo che ci doveva essere qualcosa di più nella vita di quello che avevo io, così parlai con mia zia, con la quale avevo vissuto per quei mesi da bambina. Il risultato è stato che mi ha comprato un biglietto per un fine settimana della conferenza cristiana dei giovani in montagna. Ho pianto tutto il fine settimana perché mi sentivo come se avessi finalmente trovato la mia casa – questo era il mio posto! Ero incredibilmente grata che Gesù non si fosse arreso con me e che avesse creduto in me, anche quando io non avevo creduto in me stessa.

Quel fine settimana, a 17 anni, ho dato il mio cuore a Gesù e ho deciso di cambiare il mio modo di vivere. Mi sono circondata di persone che credevano in Dio e che potevano incoraggiarmi e aiutarmi a imparare a vivere per lui. Volevo vivere la mia vita con lui. Mi sono resa conto che se stavo mettendo in dubbio qualcosa o se avevo dei dubbi nel fare qualcosa, probabilmente c’era una ragione; era la mia coscienza. Mentre cambiavo le cose esteriori, come i miei amici e come utilizzare il mio tempo, la mia attenzione si è lentamente spostata dal cercare di controllare le cose esteriori alla mia vita di pensiero e alla mia vita interiore. Era cambiato il mio atteggiamento nei confronti di tutto.

La risposta a tutto è qui!

A casa non avevo ricevuto alcun sostegno per la mia decisione, e la differenza tra lo spirito a casa e lo spirito che avevo trovato nella chiesa era diventata molto evidente per me. Mi resi conto che potevo usare queste situazioni difficili in cui mi trovavo o per avvicinarmi a Dio o per perdere del tutto la speranza. Avevo preso la decisione consapevole che puntavo tutto e che avrei vissuto la mia vita completamente per Gesù, così me ne sono andata. Ho cominciato a leggere davvero la Bibbia, invece di scegliere solo versetti a caso. Più leggevo, più mi entusiasmavo. La mia compagna di stanza un giorno tornò a casa mentre leggevo ed esclamai: “È tutto qui! La risposta a tutto è qui!”

Mi resi conto che era attraverso la misericordia di Dio che avevo ricevuto la grazia di dare la mia vita a lui e di diventare così felice. Non importava quale fosse il mio passato o in quali circostanze o situazioni mi fossi trovata, Dio mi aveva chiamata e aveva messo nel mio cuore un desiderio per il bene. Era stato lì con me durante i periodi più bui della mia vita e mi aveva continuamente attirato a sé.

Più di una decisione una tantum

La decisione di vivere per lui non è stata una cosa di una sola volta. Devo continuare a scegliere di vivere per lui nelle piccole situazioni quotidiane. Scelgo di fare la mia volontà o scelgo di fare la sua volontà? Scelgo di arrabbiarmi quando qualcuno fa qualcosa di cattivo o di stupido, o scelgo di rimanere nella bontà e nell’amore? Scegliere di vivere per Dio è una cosa quotidiana e richiede una battaglia, poiché non viene naturale essere buoni o pazienti o gentili. Mentre continuo a scegliere il bene e scelgo di vivere per Gesù ogni singolo giorno, divento sempre più felice, come testimoniano coloro che mi circondano. I miei genitori non mi hanno mai visto così felice e ora accettano il modo in cui ho scelto di vivere.

“Òccupati di queste cose e dèdicati interamente ad esse perché il tuo progresso sia manifesto a tutti.  Bada a te stesso e all’insegnamento; persevera in queste cose perché, facendo così, salverai te stesso e quelli che ti ascoltano.” 1 Timoteo 4:15-16.

Se Dio può portarmi a una vita felice e appagante per lui, può sicuramente farlo anche per te. Ma devi darti al 100% e amarlo e volerlo servire con tutto il tuo cuore. Non mi sono seduta ad aspettare che le circostanze della vita cambiassero, ma sono stata attiva nel cercare di trovare Dio. Mi ha aiutato e mi ha dato la forza e la grazia di cui avevo bisogno per vivere per lui e per giungere a una vita felice. E lui farà lo stesso anche per te, indipendentemente dalle situazioni in cui ti trovi, se lo cerchi con tutto il tuo cuore. (Geremia 29:13.)

“Io prendo oggi a testimoni contro di voi il cielo e la terra, che io ti ho posto davanti la vita e la morte, la benedizione e la maledizione; scegli dunque la vita, affinché tu viva, tu e la tua discendenza, amando il SIGNORE, il tuo Dio, ubbidendo alla sua voce e tenendoti stretto a lui, poiché egli è la tua vita e colui che prolunga i tuoi giorni. Così tu potrai abitare sul suolo che il SIGNORE giurò di dare ai tuoi padri Abraamo, Isacco e Giacobbe.” Deuteronomio 30:19-20. Dio ci ha dato una scelta; scegli la vita!

Potresti essere interessato a saperne di più leggendo testimonianze di persone che hanno cercato e trovato Dio, compreso questi:

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

Cosa significa essere un cristiano

Scritto da Elias Aslaksen

Essere un cristiano è una vita molto più profonda del semplice chiedere a Gesù di entrare nel tuo cuore e credere nel perdono dei peccati. È una vita di sviluppo e crescita nelle cose di Cristo. Questo opuscolo presenta in modo molto chiaro e semplice le basi di una vita cristiana.