Passa al contenuto

Una trasformazione davanti ai miei occhi

So che il vangelo della vittoria sul peccato è vero, perché l’ho visto in mia madre
A transformation before my eyes

Sono il settimo figlio di una famiglia di dieci figli. La nostra casa era sempre rumorosa e impegnata mentre crescevamo. Eravamo un gruppo di bambini vivaci e turbolenti che non erano particolarmente obbedienti e facili da gestire. Nonostante tutta questa attività, crescendo percepivamo che stava accadendo qualcosa nella vita di mia madre. Stava avvenendo in lei un cambiamento tangibile e chiaro.

Di natura, mia madre si “scaldava” facilmente. Eppure cercava di essere la migliore madre possibile ed era un’ottima madre, spesso incontrava dei limiti alla sua bontà dovuti alla sua natura che aveva ereditato dalla caduta, proprio come chiunque altro. (Romani 7:21) Facilmente si arrabbiava, si infastidiva ed era frustrata.

Una nuova prospettiva sulle situazioni

Ma col tempo abbiamo iniziato a notare che le cose che prima la sopraffacevano e la frustravano, non sembravano più avere quell’effetto. Non si lamentava che le cose non erano giuste e non sentivamo più che tutto era troppo per lei. Recentemente, in una conversazione con lei, ho ricevuto la risposta a questo cambiamento che abbiamo visto.

“Questo è il giorno che il SIGNORE ci ha preparato; festeggiamo e rallegriamoci in esso.” Salmi 118:24.

Mia madre mi ha detto di aver scelto di credere in questo versetto e che è diventato una roccia per lei. Qualunque cosa fosse accaduta durante il giorno, lei si sarebbe ripetuta questo versetto, “Questo è il giorno che il SIGNORE ci ha preparato; festeggiamo e rallegriamoci in esso.” E questo significava pure che, nonostante le cose sembrassero andare contro di lei, anche oggi era un giorno che il Signore aveva preparato, e queste situazioni erano state scelte per lei da Dio. È stato qui che lei ha scoperto il peccato nella sua natura che la limitava nel suo desiderio di essere sempre paziente, amorevole e gentile. Ma vedere i suoi limiti significava che poteva fare qualcosa a riguardo, e nella Parola di Dio aveva trovato gli strumenti per farlo. Aveva imparato a prenderla come ci incoraggia Giacomo:

“Fratelli miei, considerate una grande gioia quando venite a trovarvi in prove svariate, sapendo che la prova della vostra fede produce costanza.  E la costanza compia pienamente l’opera sua in voi, perché siate perfetti e completi, di nulla mancanti.” Giacomo 1:2-4.

Aveva imparato a rallegrarsi nelle situazioni per come erano. È stato uno sviluppo incredibile. Aveva capito che per prendere parte ai frutti dello Spirito, le sue stesse pretese e volontà nelle situazioni dovevano morire. Quindi, quando le cose andavano contro la sua volontà, lei poteva rallegrarsi del fatto che ora aveva un’opportunità di fare la volontà di Dio piuttosto che la sua. Questo significava rinunciare a se stessa e non arrendersi a quelle reazioni naturali, col risultato che lei si liberava dal peccato. Non era più il peccato nella sua natura a controllare le sue reazioni, ma Dio poteva guidarla attraverso la sua parola e lo Spirito Santo.

Credere che Dio stava lavorando

Anche dopo l’inizio del processo di trasformazione, mia madre disse che c’erano momenti in cui non sentiva come se stesse facendo alcun progresso nel vincere la sua rabbia. Ma poi ricordò a Dio la sua promessa che, “E ho questa fiducia: che colui che ha cominciato in voi un’opera buona, la condurrà a compimento fino al giorno di Cristo Gesù.” Filippesi 1:6. Dio aveva promesso di condurre a compimento l’opera che aveva iniziato in lei, e lei sapeva che sarebbe venuto il giorno in cui avrebbe vinto quello che per lei era stato un terribile nemico: la rabbia.

Il risultato era una trasformazione evidente, che appariva davanti ai nostri occhi. La sua frustrazione per le situazioni veniva sostituita da gioia e pazienza. Era un cambiamento che la faceva diventare una madre migliore e che la rendeva molto più felice. Niente poteva andare più storto!

Ad esempio, generalmente si arrabbiava con noi quando ci comportavamo male, e aveva una lingua piuttosto affilata. Col tempo abbiamo percepito che stava vincendo quella tendenza alla rabbia. Semplicemente smise di arrabbiarsi. Adesso sappiamo che lei è gentile, amabile e paziente. Mi viene in mente questo versetto quando penso alla madre che sperimento oggi.

“La vostra mansuetudine sia nota a tutti gli uomini.” Filippesi 4:5.

Lei è adesso una donna che irradia gentilezza e bontà, pazienza e gioia. Queste virtù celesti risplendono ora dalla sua vita e creano un tremendo desiderio negli altri di prendere parte alla stessa vita.

“Il frutto dello Spirito invece è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo…” Galati 5:22-23.

Il cambiamento che ho visto in mia madre quando crescevo, era qualcosa di completamente divino. Non ho dubbi a riguardo. Inoltre, mi stimola a vivere personalmente una vita di trasformazione, cosicché la mia vita possa avere la stessa attrazione per gli altri, lo stesso invito per gli altri, che la vita di mia madre ha avuto per me.

Quindi grazie, cara mamma, per l’esempio che sei stata. I tuoi figli sono eternamente in debito con te per averci mostrato che una vita di trasformazione è completamente possibile e che ne vale la pena!

Insegnamenti chiave

Scopri come la Parola di Dio ci sfida e ci rende capaci di vivere una vita al 100% in accordo con la sua volontà, in modo che non dobbiamo più cadere nel peccato, ma possiamo giungere a una vita di vittoria.

Scarica ebook gratis

Una tale grande salvezza

L’apostolo che scrisse il libro di Ebrei la chiamò “una parola d’esortazione” Lo scopo di questo opuscolo è di ampliare ed estendere quella esortazione, portando fede e salvezza a tutti coloro che hanno una vocazione celeste. Tutti coloro che seguono l’esortazione della lettera agli Ebrei possono raggiungere questa grande salvezza.

Seguici