Che cosa significa essere un sacrificio vivente?

Ti sei mai chiesto cosa significhi per te presentare il tuo corpo come un sacrificio vivente?

Che cosa significa essere un sacrificio vivente?

“Vi esorto dunque, fratelli, per la misericordia di Dio, a presentare i vostri corpi in sacrificio vivente, santo, gradito a Dio; questo è il vostro culto spirituale. Romani 12:1.

Paolo esortava i Romani a presentare il loro corpo come un sacrificio vivente. In altre parole, per lui era davvero importante che lo facessero; era qualcosa di veramente significativo. Ma cosa significa in realtà dare il nostro corpo come sacrificio vivente? Chiaramente, parlava in senso figurato, non letterale. E questa esortazione non era solo per i romani – è essenziale anche per noi ai nostri giorni!

Per rispondere a questa domanda, abbiamo combinato due articoli – uno di Sigurd Bratlie e l’altro di Johan Oscar Smith. Che questo messaggio possa ispirarvi a rimanere in questo costante stato di presentazione del vostro corpo come sacrificio vivente!

Un sacrificio vivente

Il nostro culto a Dio è di presentare i nostri corpi come un sacrificio gradito a Lui. Ciò che ho sacrificato non è più mio. Quando venne al mondo, Gesù disse, “Mi hai preparato un corpoEcco, vengoper fare, o Dio, la tua volontà”. Ebrei 10:5-7. Avrebbe potuto usare il suo corpo per cercare il suo – per cercare onore e potere, per condurre una vita piacevole, ecc. – Ma non ha vissuto per compiacere se stesso. (Giovanni 6:38; Giovanni 15:3.) Ha presentato il suo corpo a Dio come un sacrificio gradevole. Tutto ciò che ha fatto con il suo corpo è stato per il nostro bene e la nostra salvezza.

Ora siamo chiamati a seguirlo. Ora è giunto il momento di presentare il nostro corpo come un sacrificio. Dobbiamo fare in modo che il nostro corpo sia sempre pronto, santo, gradito a Dio per compiere la sua volontà. Non dobbiamo usarlo per cercare il nostro interesse, ma piuttosto per il meglio del nostro prossimo. (Romani 15:1-2.) La lingua non deve essere usata per parlare per conto nostro, per difenderci, ma per parlare in nome di Dio, affinché sia di edificazione, e dia grazia a chi l’ascolta. (Efesini 4:29.) Le mie gambe non devono essere usate per correre dove mi piace andare, ma per correre dove posso essere utile. Le mie braccia non saranno usate per afferrare e prendere ciò che mi piace, ma per dare agli altri ciò che è di beneficio. Pertanto, il mio corpo è destinato a dare beneficio agli altri, non a me stesso.

Se do tutto quello che possiedo ai poveri, ma non ho amore, non mi serve a niente. L’amore non cerca il proprio interesse. (1 Corinzi 13:3,5.) Se do via tutto ciò che possiedo, ma cerco di riceverlo di nuovo sotto forma di onore e di un buon rapporto, allora non è un lavoro fatto con un corpo sacrificato. Ho cercato il mio e non sono nulla. L’amore non cerca il proprio interesse.

 (Sigurd Bratlie)

Però non la mia volontà, ma la tua sia fatta

Essere convertiti significa che mi allontano dalla mia volontà per fare la volontà di Dio. Gesù pregò, «Però non la mia volontà, ma la tua sia fatta.» Luca 22:42. Potrebbe sembrare che Dio richieda cose che sono umanamente impossibili per te, cose che non potresti mai fare. Niente affatto. Lui ha dato i suoi comandamenti affinché li osservassimo esattamente, e com’è il giorno, così sarà la nostra forza. Lui dà sempre la grazia per aiutare al momento giusto e la grazia è la forza per fare la sua volontà.

Quando Gesù era sulla terra disse, “Allora ho detto: “Ecco, vengo” (nel rotolo del libro è scritto di me) “per fare, o Dio, la tua volontà.”» Ebrei 10:7. Gesù aveva il potere dello Spirito di Dio per fare la volontà di Dio, perché si era offerto nella potenza di uno Spirito eterno. Aveva una volontà propria, ma l’ha sacrificata per compiere la volontà del Padre. Il sacrificio era dentro di sé, e Lui è stato ubbidiente; per questo ha potuto insegnarci a pregare questa preghiera: “Sia fatta la tua volontà, come in cielo, anche in terra. Matteo 6:10.

Il punto è che le persone devono fare la volontà di Dio qui sulla terra. Abbiamo ricevuto il potere di fare la sua volontà attraverso lo Spirito Santo che è venuto su di noi, lo stesso Spirito che era su Gesù ai tempi della sua carne. Proprio come ogni persona sensata qui sulla terra non si aspetterebbe di più dai suoi figli di quanto non riescano a fare, molto di più il nostro Padre celeste adatterà la sua volontà divina alle circostanze della nostra vita. Credere qualsiasi altra cosa è incredulità. Il nostro ragionamento umano può dirci che le grandi pretese di Dio su di noi siano irragionevoli. Ma questi pensieri sono peccaminosi, non hanno nulla a che vedere con la realtà. La volontà di Dio è la nostra santificazione, e la sua volontà può essere fatta. Deve essere fatta se vogliamo essere santificati. È scritto che Cristo è diventato per noi la sapienza di Dio, la giustizia, la santificazione e la redenzione. (1 Corinzi 1:30.) Lui opera in noi il volere e l’agire e si preoccupa di non operare in noi più di quanto siamo in grado di fare.

Tu non hai voluto e non hai gradito né sacrifici, né offerte, né olocausti, né sacrifici per il peccato. Ebrei 10:8. Tutti questi sacrifici erano al di fuori del corpo, e non sono mai stati in grado di portare le persone ai sacrifici all’interno del corpo – quei sacrifici che è venuto ad offrire Gesù Cristo. Anche noi siamo chiamati a partecipare a questo ministero del sacrificio. Così come Abramo e Dio erano d’accordo sul sacrificio di Isacco, anche noi dobbiamo essere d’accordo con Dio per offrire il nostro Isacco. Solo allora la volontà di Dio potrà essere fatta sulla terra come in cielo.

 (Johan Oscar Smith)


uesti articoli sono stati tradotti dal norvegese e sono stati pubblicati per la prima volta sul periodico della BCC Skjulte Skatter (Tesori nascosti) come “Servire Dio” (Sigurd Bratlie) nel novembre 1932 e “La volontà di Dio – la mia volontà” (Johan Oscar Smith) nel gennaio 1943.
© Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag | ActiveChristianity

Potresti essere interessato a leggere di più negli articoli seguenti:

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

Sono stato crocifisso con Cristo

Scritto da Elias Aslaksen

Questo opuscolo è basato sulle parole di Paolo in Galati 2:20: “Sono stato crocifisso con Cristo: non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me…” Qui Elias Aslaksen spiega cosa significa e come il lettore possa avere la stessa testimonianza di Paolo nella propria vita.