Salvezza tramite la vita di Cristo

In Romani 5:10 leggiamo che c’è di più nella salvezza che la riconciliazione tramite la morte di Gesù. Come veniamo salvati tramite la sua vita?

Scritto da Johan Oscar Smith
Salvezza tramite la vita di Cristo

Romani 5:10: Salvezza dopo la riconciliazione

C’è una salvezza da ottenere dopo essere stati salvati. Romani 5:10 dice, “Se infatti, mentre eravamo nemici, siamo stati riconciliati con Dio mediante la morte del Figlio suo, tanto più ora, che siamo riconciliati, saremo salvati mediante la sua vita.

Nella prima salvezza riceviamo perdono per i peccati commessi. La seconda salvezza viene dal camminare in ubbidienza alla fede, poiché sta scritto: Camminate nella luce mentre avete la luce, affinché possiate diventare figli della luce. Nella luce c’è vita, e la luce era vita, e la vita è la luce dell’uomo. Essere figlio della luce è lo stesso che essere un figlio della vita. Gesù Cristo è un Principe nella luce; lui è il Principe della vita. Satana è il principe delle tenebre; lui ha potere sulla morte.

Reso vivo tramite lo Spirito

La salvezza che viene tramite la vita di Cristo è che lui, tramite il suo Spirito e tramite la sua luce e la sua vita, ci rende vivi. Lui brama fino alla gelosia lo spirito che ha fatto abitare in noi, ma ci dà più grazia. Con l’aumentare della luce, le tenebre diminuiscono. La luce porta vita, e con il diminuire delle tenebre, porta con sé la morte. Lui che aveva il potere sulla morte – il diavolo – è anche distrutto. Paolo non aveva ancora raggiunto una salvezza perfetta tramite la vita di Cristo, ma premette per ottenerla. (Filippesi 3:12.) Anche noi dobbiamo spingere verso questa meta in questa salvezza. È un obiettivo molto ambizioso dentro la perfetta legge della libertà.

Nella prima salvezza Gesù diventò sacrificio per i nostri peccati. Nella seconda salvezza lui è il nostro Sommo Sacerdote e avvocato. Lui è il mediatore per un nuovo patto, tramite la morte, per la redenzione delle trasgressioni sotto il primo patto. (Ebrei 9:15)

Il giudizio porta salvezza

Pietro parla anche della salvezza tramite la vita di Cristo in 1 Pietro 4:17: “Infatti è giunto il tempo in cui il giudizio deve cominciare dalla casa di Dio; e se comincia prima da noi, quale sarà la fine di quelli che non ubbidiscono al vangelo di Dio?”

Il giudizio deve cominciare dalla casa di Dio, cioè con noi. Questo è il giudizio, che la luce è venuta nel mondo. Noi sperimentiamo questo giudizio quando Dio fa risplendere la sua luce su di noi. In questa luce sappiamo che dobbiamo mettere le cose in ordine. Questo è l’unico modo in cui possiamo essere fedeli alla luce e diventiamo figli della luce. Precisamente perché la luce porta giudizio, le persone la disprezzano. Se tutto dentro il cuore di una persona fosse in perfetto ordine, la luce gli porterebbe gioia infinita e lui si rallegrerebbe nella luce. Tuttavia, noi siamo intrinsecamente malvagi, siamo nella più totale oscurità e abbiamo compiuto molte opere dell’oscurità che devono essere purificate tramite la luce e il giudizio. Pertanto, la luce porta tristezza piuttosto che gioia. Il giovane ricco se ne andò triste e la maggior parte delle persone oggi fanno lo stesso quando la luce della Parola colpisce i loro cuori. Le Scritture l’hanno previsto, e questo è perché sta scritto, “Oggi, se udite la sua voce, non indurite il vostro cuore”. Salmi 95:7-8; Ebrei 3:7-8.

Salvezza tramite la vita di Cristo

Cosa succede se non induriamo i nostri cuori? Andremo di luce in luce. Arriviamo a capire che il giudizio torna a giustizia, con il risultato che non abbiamo così tanta paura di giudicare noi stessi e di concordare con la luce. Questo diventa sempre più facile per noi, perché quando continuiamo nella luce, diventiamo sempre più consapevoli di quanto siamo miseri secondo la carne. Questo produce un grande odio per la nostra vita egoistica, che ci permette di passare il test che Cristo richiede da coloro che vogliono essere i suoi discepoli. La gloria aumenterà, dato che le sofferenze nella carne tengono in soggezione le tenebre e la malvagità. Diventiamo più consapevoli della nostra eredità nella luce. La comunione fraterna aumenta e diventa più fervente. Il sangue purifica tutto il peccato e la nostra vicinanza e comunione con il Padre diventano più grandi di quanto mai prima. Il nostro servizio nello Spirito diventa più prezioso, e sempre più persone ci odieranno e scacceranno il nostro nome come malvagio.

Gesù fu ascoltato per il suo timore di Dio. Camminando nella luce, mostriamo il nostro vero timore di Dio, e siamo sempre più certi che Dio ascolta le nostre preghiere. Tutte queste cose sono parte della salvezza che viene tramite la vita di Cristo. Questa salvezza può iniziare ad operare dopo che ha avuto luogo una morte che ci redime dai peccati che abbiamo commesso sotto il primo patto.


Quest’articolo è stato tradotto dal norvegese ed è stato pubblicato per la prima volta nel periodico della BCC
Skjulte Skatter (Tesori Nascosti) nell’ottobre 1920.
© Copyright Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag

 

Potresti essere interessato a leggere di più sulla nostra nostra pagina tematica sulla salvezza e la santificazione, o negli articoli sottostanti:

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

Una tale grande salvezza

Scritto da Sigurd Bratlie

L’apostolo che scrisse il libro di Ebrei la chiamò “una parola d’esortazione” Lo scopo di questo opuscolo è di ampliare ed estendere quella esortazione, portando fede e salvezza a tutti coloro che hanno una vocazione celeste. Tutti coloro che seguono l’esortazione della lettera agli Ebrei possono raggiungere questa grande salvezza.