Ami la giustizia come Gesù ama la giustizia?

Gesù lo ha descritto come fame e sete di giustizia.

Scritto da William Kennedy
Ami la giustizia come Gesù ama la giustizia?

“Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati.” Matteo 5:6.

Questo è come ha vissuto e ci ha insegnato Gesù. Lui amava la giustizia e odiava l’iniquità; e di conseguenza è stato unto con l’olio di letizia sopra i suoi compagni. Gesù aveva un forte bisogno di essere completamente giusto. Gridò con alte grida e con lacrime a Colui che poteva salvarlo dalla morte e fu esaudito per la sua pietà. In questo modo è stato reso perfetto. (Ebrei 1:8-9; Ebrei 5:7-9).

Possiamo anche guardare a Paolo. Aveva delle ottime credenziali. Era un ebreo della tribù di Beniamino, un fariseo formatosi da Gamaliele e riguardo alla giustizia secondo la legge, era irreprensibile. Tuttavia, una volta che la gloria del Signore Gesù gli fu rivelata, considerò queste cose come tanta spazzatura al fine di guadagnare Cristo. Invece, cercò la giustizia che deriva dall’ubbidienza della fede. In altre parole, voleva arrivare alla pienezza delle virtù di Cristo; la pienezza di Dio. (Atti 22:3; Efesini 3:17-18.)

Una fame e una sete di giustizia

Ora anche noi che abbiamo fame e sete di giustizia ci alleniamo nella nostra vita quotidiana. Da esseri umani non siamo giusti per natura. Siamo ingiusti, ipocriti, giusti nelle nostre menti e nei nostri modi, con alti pensieri e alla ricerca di noi stessi. Dio ci ha insegnato, attraverso lo Spirito Santo, la via della sua giustizia, che è scritta nella sua parola. Se siamo ubbidienti e riusciamo a sopportare la correzione, otterremo il pacifico frutto della giustizia. (Ebrei 12: 7-11.)

Alcuni esempi di come possiamo imparare la giustizia nelle nostre regolari vite quotidiane:

  • È giusto pagare ciò che è dovuto. (Romani 13:7-8.)
  • È giusto non guardare una donna per desiderarla. (Matteo 5:27-28.)
  • È giusto giudicare noi stessi e non gli altri. Allora avremo saggezza per aiutare gli altri. (Matteo 7:1-5.)
  • È giusto non confrontarci o misurarci con gli altri. (2 Corinzi 12:12.)
  • È giusto confrontarci con la parola di Dio e con le virtù di Cristo. Questo ci terrà nel bisogno di una salvezza più profonda.
  • È giusto fare le cose senza parzialità o favoritismi. (Giacomo 2:1-9.)
  • È giusto trattare le persone con misericordia, compassione, gentilezza, dolcezza e bontà.
  • È giusto odiare l’amore per il denaro e l’avidità, ma piuttosto essere generoso. (1 Timoteo 6:10-11.)
  • È giusto non mormorare o lamentarsi del proprio stato, ma essere grati e contenti, perché è Dio che l’ha prodotto. (Filippesi 2:12-14; Filippesi 4:11-13.)
  • È giusto piangere con coloro che piangono e rallegrarsi con quelli che si rallegrano, poiché siamo membri dello stesso corpo. (Romani 12:15.)

Uno sviluppo nella giustizia

È necessario sentirsi in miseria per le proprie mancanze. Questo è ciò che ci spinge alla fame e alla sete di giustizia. La promessa è che saremo riempiti di giustizia! È attraverso la fede e la pazienza che ereditiamo le promesse. (Ebrei 6:12.) È uno sviluppo, un processo in cui entriamo per fede.

Gesù aveva ancora molte cose da dire ai suoi discepoli, ma sapeva che non lo avrebbero sopportato. (Giovanni 16:12.) Non avevano neanche ancora la forza di vincere. Ciò sarebbe stato fatto tramite lo Spirito Santo che lui avrebbe mandato loro. Allo stesso modo, Dio non ci rivelerà più della nostra ingiustizia di quanto possiamo sopportare in una volta. (1 Corinzi 10:13.) E quando ce la mostrerà, riceveremo la forza per vincere se amiamo e obbediamo alla verità. Questo processo procede secondo la nostra fame e sete. Abbiamo bisogno della disposizione mentale che aveva Paolo: “… Ma una cosa che faccio … corro verso la meta …” Filippesi 3:13-14. In questo modo faremo progressi continui nella pienezza delle virtù di Cristo. Cos’altro conta davvero?

“Cercate prima il regno e la giustizia di Dio, e tutte queste cose vi saranno date in più.” Matteo 6:33-34.

Potresti essere interessato a saperne di più sulla nostra pagina tematica sulla giustizia, o negli articoli seguenti:

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

Il nuovo patto e il mistero dell’iniquità

Scritto da Sigurd Bratlie

Il nuovo patto è un patto personale che facciamo con Dio, nel quale ci impegniamo a ubbidire a tutta la sua volontà e in cambio lui si impegna a darci tutto ciò di cui abbiamo bisogno per questo fine. Il mistero dell’iniquità è che la maggior parte delle persone elimina con spiegazioni questa parte della grazia che Gesù ci ha consegnato e invece cambiano la grazia di Dio in una licenza a peccare.