La lettera uccide, ma lo Spirito vivifica

Che cosa significa questo per noi personalmente e nel nostro rapporto con gli altri?

La lettera uccide, ma lo Spirito vivifica

“Non già che siamo da noi stessi capaci di pensare qualcosa come se venisse da noi; ma la nostra capacità viene da Dio. Egli ci ha anche resi idonei a essere ministri di un nuovo patto, non di lettera, ma di Spirito; perché la lettera uccide, ma lo Spirito vivifica.”2 Corinzi 3:5-6.

La lettera uccide, ma lo Spirito dà vita – in noi!

Abbiamo un incredibile esempio di Gesù. Sta scritto in Giovanni 8:1-12 della donna che era caduta in adulterio e secondo la legge avrebbe dovuto essere lapidata. Avrebbe dovuto essere messa a morte. I farisei stavano facendo esattamente quello che Mosè aveva ordinato loro di fare. Ma Gesù si sedette e scrisse a terra. Forse ha scritto quello che c’era nel libro della legge,

Non desiderare.” I farisei videro questo e andarono tutti via, prima i più anziani. A differenza degli altri comandamenti, desiderare era un peccato che avveniva dentro. Poiché il desiderio era nascosto, nessuno poteva affrontarlo con le proprie forze. Quindi, tutti si sentivano in colpa. Nessuno riusciva a osservare la legge.

Allora Gesù disse alla donna, “Nemmeno io ti condanno; vai e non peccare più.” Questo è il vangelo del nuovo patto, dove i nostri peccati possono essere perdonati e non abbiamo bisogno di andare avanti come peccatori che hanno ricevuto il perdono e che continuano a peccare.

Gesù dice, “Non peccare più!” Lui ci dà forza attraverso lo Spirito Santo in modo che ci possa essere una fine al peccato, cosicché al peccatore sia concesso di vivere e di svilupparsi. È molto meglio rispetto al peccatore che è messo a morte. Era chiaro che nel vecchio patto c’era la paura di continuare a peccare, perché ad essa era associata una condanna a morte. Ma ciò con cui è venuto Gesù era molto meglio. Adesso le persone possono uscire dal peccato e giungere ad una buona vita, ad una vita completamente nuova in Gesù Cristo.

La lettera uccide ma lo Spirito dà vita – nel nostro ministero

Paolo era un Fariseo, e uno molto capace a quel tempo. Sapeva sicuramente quale punizione avrebbe dovuto essere comminata per ogni reato. Ma non conosceva i segreti degli uomini, le cose nascoste, le ragioni per cui facevano quello che avevano fatto. Il ministero della lettera può essere molto distruttivo quando si tratta del nostro lavoro con altre persone. Ecco perché è fondamentale avere il senso dell’ascolto e dell’obbedienza alla voce dello Spirito.

Paolo era debole e spaventato. Disse ai Corinzi che non era venuto da loro con sapienza umana, ma in dimostrazione di Spirito e di potenza. (1 Corinzi 2:3-5) Ciò che temeva era che tutto ciò che aveva imparato ai piedi di Gamaliele lo avrebbe legato, quindi non era libero di servire Dio secondo lo Spirito. Quindi aveva bisogno della rivelazione dello Spirito. Solo lo Spirito poteva rivelargli le cose nascoste. Ecco perché è venuto con debolezza e timore e con grande tremore. Non poteva fare nulla da sé. Perché ora non si trattava solo di sapere qual era la punizione, ma di condurre le persone a una nuova vita.

In Isaia, Dio dice, “Ascoltami popolo mio.” Dobbiamo imparare quello che vuole Dio, ciò che è la sua volontà; dobbiamo ascoltarlo ed entrare nei suoi pensieri, perché come i cieli sono più alti della terra, così i pensieri di Dio sono più alti dei nostri pensieri. (Isaia 55:8-9) Dobbiamo essere circoncisi da ogni cosa di questa terra. Allora i nostri pensieri devono andare da qualche parte, e vanno verso l’alto, in modo che cresciamo con Cristo e siamo seduti in luoghi celesti. Poi entriamo nei pensieri di Dio attraverso lo Spirito di rivelazione. Iniziamo a sentire la voce dello Spirito.

Sta scritto più avanti in 2 Corinzi 3:17, “Ora, il Signore è lo Spirito; e dove c’è lo Spirito del Signore, lì c’è libertà.” Non c’è una libertà per qualsiasi cosa, ma c’è libertà di essere trasformati secondo l’immagine di Gesù. Questa è la libertà in cui possiamo entrare. Questa non è falsa libertà, ma è la vera libertà quando siamo trasformati di gloria in gloria. (2 Corinzi 3:18)

Questo articolo si basa su un discorso di Kaare J. Smith del 28 maggio 2019.

Potresti essere interessato a saperne di più negli articoli di seguito:

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

L’evangelo di Dio

Scritto da Sigurd Bratlie

Grazia significa che tutti i nostri peccati sono perdonati quando li confessiamo. Ma significa anche che riceviamo il potere di obbedire alla verità con cui è venuto Gesù. In questo libro, Sigurd Bratlie scrive sul tema, mostrando il vero vangelo di Dio che è l’ubbidienza della fede.