Perché è a tuo vantaggio vincere il male con il bene

È normale voler difendersi o vendicarsi in qualche modo quando si pensa di essere stati maltrattati. Ma è quella la via che Gesù ci ha insegnato a percorrere?

Scritto da William Kennedy
Perché è a tuo vantaggio vincere il male con il bene

Nel sermone sul monte Gesù insegnò quello come lui aveva vissuto, mostrandoci la via che dobbiamo percorrere. Gesù disse che chiunque avesse ascoltato queste parole e le avesse messe in pratica sarebbe stato come un uomo saggio che costruì la sua casa su una roccia. La casa sarebbe rimasta in piedi quando si sarebbero abbattute le tempeste. Questi erano i comandamenti di Gesù, che coloro che lo amavano avrebbero ubbidito. (Matteo 7:24-25; Giovanni 14:21)

Uno di questi comandamenti è amare i tuoi nemici e benedire coloro che ti maledicono e che ti sfruttano e ti perseguitano. (Matteo 5:38-45). Nel vecchio patto, era occhio per occhio. Gesù aprì una nuova via affinché noi la prendessimo in maniera completamente diversa.

Vincere il male con il bene

Paolo scrisse che non dobbiamo vendicarci, poiché la vendetta spetta al Signore. Solo lui riesce ad amministrarla in modo giusto. Non dobbiamo rendere male per male, ma impegnarci a fare il bene per tutti gli uomini. Non dobbiamo lasciarci vincere dal male, ma vincere il male con il bene! (Romani 12:17-21) Quando qualcuno è cattivo verso di noi, non dobbiamo diventare cattivi anche noi.

La forte tendenza umana è difenderci e rispondere allo stesso modo quando qualcuno viene contro di noi. Troviamo il peccato nella nostra carne che vuole scatenarsi, vendicarsi, minacciare, rispondere e giustificarsi. È normale volere avere l’ultima parola in una situazione, così che sentiamo di esserne usciti vincitori. È normale giudicare, accusare, criticare ed andare da altri per ricevere sostegno. La verità è che reagire in questo modo vorrebbe dire vincere il male con il male. Queste tentazioni sono comuni per gli uomini, come leggiamo in 1 Corinzi 10:13. E quando vengono queste tentazioni, c’è una via d’uscita che Dio ha preparato così che possiamo sopportarle. In altre parle così che possiamo vincerle!

Leggi come trovare la via d’uscita nella tentazione.

Gesù vinse tutte queste tentazioni, ed aprì per noi una via per prendere le cose come fece lui. Oltraggiato, non rendeva gli oltraggi; soffrendo, non minacciava, ma si rimetteva a colui che giudica giustamente”. 1 Pietro 2:23. Lui si umiliò, rimettendo la situazione a Dio affinché Dio la giudicasse. Non permetteva che i suoi sentimenti e i suoi pensieri (la sua propria volontà) lo dominassero. Lui fece quello che sentì dal Padre. (Ebrei 10:7).

Le opportunità sono sempre lì

Non dobbiamo avere grandi diverbi con le persone per trovare la nostra vita; potrebbe essere semplicemente l’essere contraddetti. Può essere veramente una sofferenza non reagire impulsivamente. Dobbiamo ubbidire a quello che scrive Giacomo, di essere lenti al parlare, lenti all’ira, ma veloci ad ascoltare, ricevere con dolcezza la parola che è stata piantata in noi, che riesce a salvarci dalle nostre reazioni dell’anima. (Giacomo 1:19-22) È in questi momenti che lo Spirito ci fortifica con la parola che abbiamo udito ed imparato, così che possiamo negare il desiderio di difenderci o di vendicarci in qualche modo. Dobbiamo umiliarci, esattamente come Gesù, ed essere ubbidienti.

Paolo testimoniò che era tribolato in ogni maniera, perseguitato e atterrato, ma portava sempre nel suo corpo la morte del Signore Gesù, così che rispondeva con le virtù di Gesù. (2 Corinzi 4:8-11). Questo è esattamente quello che vuol dire vincere il male con il bene! Allora troviamo e creiamo pace invece di difficoltà e conflitto! E oltretutto, il male nella nostra propria natura – quelle passioni e quei desideri che vengono su dalla nostra carne – è vinto con il bene! Noi cresciamo nelle virtù; il frutto dello Spirito cresce in noi!

Avremo sempre opportunità per trovare la nostra vita e perderla per amore di Gesù. Queste sono opportunità che abbiamo per crescere nelle virtù di Gesù. Quando veniamo trattati ingiustamente, possiamo andare al trono della grazia per ricevere aiuto, rispondere con pazienza, misericordia, longanimità, compassione, bontà e amore. Questo ha un effetto molto migliore su coloro con cui abbiamo a che fare che le reazioni della nostra carne.

Questo testo di una canzone ci mostra chiaramente come possiamo vincere il male con il bene:

“Vuoi seguir Cristo, te stesso qui rinnegar
e su questa via or avanzar?
Egli venne odiato, ma amato ha.
Le sue orme lì sono per te!”
(Dal libro dei cantici della BCC, Le Vie del Signore n. 314)

Allora diventeremo veramente come l’uomo saggio che costruì la sua casa sulla roccia. Niente che qualcuno dice o fa riuscirà a smuoverci!

 

Potresti essere interessato a leggere di più sulla nostra pagina tematica sul vincere il peccato, o negli articoli sottostanti:

 

Scritture tratte da New King James Version®. Copyright © 1982 di Thomas Nelson. Utilizzate con autorizzazione. Tutti i diritti riservati.

Scarica ebook gratis

Sono stato crocifisso con Cristo

Scritto da Elias Aslaksen

Questo opuscolo è basato sulle parole di Paolo in Galati 2:20: “Sono stato crocifisso con Cristo: non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me…” Qui Elias Aslaksen spiega cosa significa e come il lettore possa avere la stessa testimonianza di Paolo nella propria vita.